Arriva il regtech: tech vs burocrazia

Alcuni lo considerano un sottoinsieme del fintech, al pari dell’insurtech che cavalca l’innovazione nel modo delle assicurazioni; per altri invece è un settore da considerarsi del tutto separato perché abbraccia anche aspetti della vita delle aziende e delle organizzazioni non necessariamente legati ai temi amministrativi e finanziari. Il nome in codice è regtech, contrazione di regulation e technology, ed è l’impiego di strumenti tecnologici a supporto delle procedure di adeguamento, conformità, rispetto di norme, regolamenti, leggi, reportistica.

Il regtech mira ad aiutare le imprese e le organizzazioni non solo a essere sempre in regola con le diverse normative e regolamentazioni, aspetto non da poco, soprattutto in sistemi altamente burocratici e soggetti a frequenti cambiamenti come quello italiano, ma anche a comprendere meglio come le regolamentazioni possono essere utilizzate per migliorare le prestazioni della stessa organizzazione. In pratica, l’innovazione vera è quella che trasforma un obbligo, spesso considerato limitante, in qualcosa che può essere trasformato in una opportunità e in leva competitiva anche quando si tratta di attuare strategie e processi di internazionalizzazione e quindi di adeguare l’organizzazione a regole e norme diverse.

La letteratura sul fenomeno del regtech è ancora piuttosto limitata ma già Deloitte si è occupata del tema con un rapporto stilato dai suoi uffici di Dublino, città che si propone come capitale del regtech, intitolato ‘Regtech is the new fintech’. Il rapporto disponibile a questo indirizzo (o scaricabile da fondo pagina), pone l’accento su quella che chiama agile regulatory technology e su come tale tecnologia può aiutare le imprese a gestire i loro rischi.

Così il fintech si evolve e inizia a assumere nuove forme e la cosa non è di certo sfuggita agli investitori soprattutto a quelli che si trovano vicini alle piazze dove il fintech si esprime con maggiore energia come accade a Londra. Tanto che Rob Moffat, principal di Balderton Capital, ha recentemente pubblicato una sua analisi sulle prospettive del fintech in Europa per il 2015, analisi che è stata prima pubblicata da CityA.M e poi ripresa dall’autore stesso su Medium .

Si sa che gli investitori si muovono per linee condivise, così se il regtech è entrato nei loro radar c’è da scommettere che le startup che operano e intendono operare in questo settore troveranno opportunità di trovare finanziamenti.  A credere che ciò accadrà, è anche LMarks, fondo di investimento in tecnologie e startup specializzato in corporate innovation, che insieme a Winton Labs ha lanciato un apposito programma di accelerazione rivolto a startup che fanno data visualisation, Crm e appunto regtech. Il programma è aperto a startup di tutta Europa e l’application scade il 21 febbraio 2016, tutte le informazioni a sono pubblicate su questa pagina.

 

Scarica report Deloitte sul regthech

 

Emil Abirascid

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

30 gennaio 2016


Articoli correlati
Video Consigliati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo.

Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy