download bdsm
Blomming come twitter, fa leva su API aperte

In occasione di Better Software, prima conferenza Italiana dedicata all'innovazione nel management e rivolta a imprenditori e manager, svoltasi a Firenze nei giorni scorsi, Blomming ha presentato la sua ultima novità: un accesso immediato alle proprie funzionalità per chiunque voglia aggiungere un E-Commerce per i Social Media al proprio sito o alla propria applicazione per smartphone, trovando così una facile soluzione per monetizzare le proprie iniziative o per offrire nuove soluzioni di commercio elettronico alle aziende.

Per i tecnici della materia le informazioni sono queste:

Blomming mette a disposizione API REST in formato JSON accessibili ai client attraverso autenticazione basata su OAuth 2.0. Le API permettono di reperire i dati di prodotti e utenti su Blomming (a eccezione ovviamente delle informazioni sensibili) o di effettuare operazioni per conto di Shop (aggiunta e/o modifica prodotti, gestione ordini, sistemi di pagamento, costi di spedizione, etc.) previo accesso consentito. Attualmente le API sono disponibili in versione Private Alpha. L’accesso viene abilitato gradualmente a partner selezionati.

Da ora in avanti quindi, non solo sviluppatori ma anche web agency o freelance potranno arricchire la propria offerta e guadagnare sia accedendo ai prodotti dell’ampio catalogo di Blomming (per esempio http://www.blomming.com), sia creando applicazioni ad hoc per clienti in modalità “White Label”. Non sarà infatti neanche necessario mostrare la grafica o il logo di Blomming: l’accesso è diretto e completo. Grazie all’esclusiva funzionalità di Cashback, inoltre, chi sviluppa una app (per Web o Mobile) può guadagnare in trasparenza grazie alle vendite generate. 

La domanda sorge spontanea: perchè questa scelta?

Lo abbiamo chiesto a Nicola Junior Vitto, co-founder di Blomming e padre tecnico della piattaforma di social commerce che, oltre a numerosi riconoscimenti, nel 2012 ha ricevuto un investimento di €1,3m da Vertis SGR.

Nicola, per i profani del tema Api, cosa significa esattamente questa novità che state lanciando?

In poche parole significa che (quasi) tutto quello che è possibile fare su Blomming via web, è anche possibile farlo "programmaticamente", permettendo a chiunque di realizzare qualunque tipo di applicazione (web/mobile, internet/intranet, etc.) che utilizzi, in tutto o in parte, le funzionalità di Blomming in background.

In pratica significa che tutti potranno usare la piattaforma blomming white label? a che costo?

Si esatto, potranno usare la piattaforma più o meno in white label, anche se alcune parti, a meno di accordi diversi, resteranno "brandizzate" Blomming (ad esempio le varie e-mail automatiche alla registrazione o completamento di un ordine).

Per ora le API sono gratuite per gli sviluppatori mentre restano gli stessi i costi degli shop (http://www.blomming.com/pricing), che sono quindi indipendenti dall'utilizzo di Blomming via API, versione web su Blomming.com o attraverso la nostra app mobile.

Cioè, se io produco vino posso prendere la tecnologia blomming e farci l'ecommerce dal mio sito col mio marchio?

Si, al netto di quanto detto sopra.
E se non produci nulla puoi utilizzare Blomming registrandoti come Blommer, presentando i tuoi prodotti preferiti nel tuo sito o app e guadagnando dalle eventuali vendite generate. O qualunque altra cosa ti venga in mente di fare. :)

Perchè questa scelta? non vi toglie valore? non cambia parecchio ciò che siete e fate? sembra una specie di pivoting...

Assolutamente no. Permette di creare molto più valore di quanto ne riusciremmo a generare da soli, aumenta la scalabilità del sistema fornendo a chiunque la possibilità di sviluppare applicazioni sulla nostra piattaforma che resta la stessa (così come il modello di business)...sotto certi aspetti puoi semplicemente vederlo come un "mettere a nudo" i nostri servizi che normalmente sono "coperti" dall'interfaccia web in modo che chiunque possa adagiarci sopra quello che preferisce sulla base del proprio progetto/azienda.

Del resto le API sono lo strumento che hanno decretato il successo di tanti servizi negli ultimi anni...uno tra tutti: Twitter.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

14 novembre 2013

Categorie:

Must Read, Notizie

Tag:

Vertis


Articoli correlati
Video Consigliati
Funding News

Big Data, la startup WaterView raccogl..

WaterView, startup dei big data incuba..

Startup ecommerce, 3 milioni per Lanie..

Lanieri è la startup ecommerce che ha ..

CoContest va in US e raccoglie 1,9 mil..

CoContest ha appena chiuso un round da..
Più letti

Shark Prank..

Dopo avere visto la prima puntata di S..

Cassa Depositi e Prestiti fa il Ventur..

Ci siamo. Il nuovo fondo di venture ca..

Ecco Endeavor, la noprofit che aiuta l..

Endeavor  non è un venture capital, al..
Più condivisi

Perchè in Italia non si investe in sta..

E' la domanda che serpeggia sempre, pi..

Chatbot, cosa sono e perchè sono impor..

L'organizzatore del primo evento itali..

Guida alle migliori startup city e sta..

Per fare start up all'estero la Silico..
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply