EnLabs: largo alle startup!!

E’ la chiamata alle armi di Luigi Capello, business angel (associato IAG) fondatore di EnLabs, il primo “open incubator” italiano nato recentemente a Roma, che ha cominciato da un paio di settimane a selezionare progetti d’impresa e, da notizie non ufficiali, sembra abbia già raccolto moltissime richieste e quasi raggiunto la massima capacità dell’incubatore, vale a dire 20 postazioni/startup.

 

Il Programma di Incubazione di EnLabs” afferma Capello “rappresenta una vera e propria rivoluzione per l’imprenditorialità del nostro Paese. La crescita esponenziale delle start-up tecnologiche in Silicon Valley ha costituito uno dei motori principali per lo sviluppo economico e per la crescita dell’occupazione degli Stati Uniti. L’Italia possiede tutti i requisiti per emergere. Largo alle start-up!”

 

Grande fiducia nelle capacità italiane di fare impresa e fare innovazione caratterizzano dunque questa nuova inizitiva che si ispira al modello degli incubatori privati d’oltreoceano e in particolare di YCombinator, che costituisce al momento il modello di riferimento e con maggiore visibilità mediatica.

 

L’idea è semplice: supportare una startup nella sua primissima fase, quella in cui c’è bisogno di coaching per il team, di lavorare sul modello di business e sul business plan, di avere anche uno spazio fisico in cui gli imprenditori possono lavorare gomito a gomito con altre startup , con i mentor messi a disposizione dall’incubatore e, di quando in quando, partecipare a eventi di networking e di pitching.

Riuscire a entrare in EnLabs costituisce una prima iniezione di fiducia e sopratutto una prima forma di finanziamento della nuova impresa: l’investimento complessivo è infatti di €50k, di cui €20k cash.
L’incubazione dura sei mesi, al termine dei quali, le startup sono teoricamente pronte a presentarsi in maniera più seria e convincente a nuovi investitori.

Si può ancora fare richiesta per entrare in EnLabs compilando l’Application Form direttamente sul sito, entro il 10 aprile p.v.. Le start-up selezionate inizieranno il proprio percorso alla fine dello stesso mese: gli imprenditori lavoreranno a tempo pieno negli uffici dell’incubatore, si confronteranno con cadenza settimanale con i mentor loro assegnati e potranno seguire presso EnLabs dei corsi formativi ad hoc per le start-up. Il periodo di permanenza negli spazi dell’ incubatore  terminerà con l’ investor day, evento durante il quale le start-up avranno modo di entrare in contatto con i loro potenziali investitori (Business Angel e Venture Capitalist ).

 

I partner dell’iniziativa sono molteplici, legati a Università (LUISS), associazioni di Business Angels (Italian Angels for Growth – IAG), Venture Capital (Annapurna Ventures e Meta Group) e incubatori internazionali (Opinno, San Francisco) oltre ad aziende tecnologiche (Microsoft BizSpark). È stata anche stretta una partnership con un incubatore virtuale, Nuvolab.

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

22 marzo 2011

Categorie:

Must Read, Notizie


Articoli correlati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo.

Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy