Imparare lo scaleup dal Ceo di Google Eric Schmidt

Eric Schmidt è la persona che entrata in Google nel 2001 ha gestito lo scaleup organizzativo e dimensionale di una società dalla crescita rapidissima, senza perdere qualità, performance e soldi. Reid Hoffman che lo intervista in questa puntata di Blitzscaling (sessione 8) lo introduce dicendo “in un corso come questo che parla del blitzscaling, non c’è al mondo nessuno più autorevole di Schimdt che possa parlarne”.

Quando Schmidt è entrato in Google la società aveva 150 dipendenti (ora ne ha più di 60 mila), aveva appena raccolto 25 milioni di dollari di investimenti VC per crescere e i venture capitalist volevano un Ceo affidabile per gestire la crescita. Furono proprio Page e Brin a scegliere tra tanti candidati Eric Schmidt, che anche nel video racconta come andò.

Schmidt parla poi della situazione trovata in Google, di come ha gestito il rapporto con i fondatori (Brin e Page), della genesi di prodotti come Chrome o Android e di fallimenti come Wave.

“Bisogna avere il prodotto che può scalere e giudicare bene quando è il momento di lanciarlo”.

Si parla anche di recruiting, in particolare come si fa ad attirare i migliori talenti sul mercato, come si fa riconoscerli, le regole seguite da Google nell’assumere persone. “Bisogna assumere la “diva” perchè la diva incarna la cultura dell’eccellenza.

Il personaggio è simpatico, illustra bene anche aspetti poco conosciuti dei processi decisionali all’interno di Google, anedotti sui suoi fondatori e su come si lavora in Google.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

08 febbraio 2016

Tag:

Scaleup


Articoli correlati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo.

Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy