Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Investimenti verdi, 2,45 milioni € per Treedom, la b-corp che pianta alberi

Nel 2010 quando oltre 30 milioni di persone ogni giorno giocavano su FarmVille simulando la vita di un contadino e piantavano alberi virtuali, Tommaso Speroni e Federico Garcea ebbero un lampo di genio: rendere più vera FarmVille e creare un sito in cui chiunque potesse partecipare attivamente al ripopolamento delle aree verdi comprando un albero, che un contadino avrebbe piantato nel proprio paese e di cui si sarebbe preso cura e, naturalmente seguire online che tutto andasse a buon fine, cosa resa possibile tramite una pagina web dove gli alberi vengono geo-localizzati e fotografati.

Da allora sono passati sette anni e questa idea, proprio come tanti alberi che ha permesso di piantare, esattamente 319.000, è notevolmente cresciuta arrivando ad avere circa 70.000 utenti fra persone e aziende, 18.700 contadini coinvolti in Africa, America Latina e Italia.  E la certificazione di B Corporation. 

Ora  Treedom, realtà fiorentina, ha chiuso il primo round di finanziamento in aumento di capitale per 2.450.000 €, a cui hanno aderito, oltre al Club Deal capitanato da Ersel, Antonello Manuli Holdings S.p.a., Rancilio Cube, i membri dello U-Start Club, l’investitore istituzionale Banca Sella Holding tramite Sella Ventures e altri investitori privati.

“L’ingresso nella compagine sociale di Treedom rappresenta per me e per la famiglia Rancilio un investimento ideale in una impresa giovane, innovativa, profittevole e allo stesso tempo con un forte impatto sociale. – ha commentato Luca Rancilio di Rancilio Cube, il primo degli investitori ad aver creduto in Treedom – È un passo importantissimo nella nostra strategia di impact investing e siamo molto felici di poter dare tutto il nostro supporto per il successo della società fiorentina”.

 

investimenti verdi

 

La decisione della società di aprire il capitale sociale a nuovi investitori è motivata dal perseguimento di obiettivi di crescita, sia in ambito corporate sia consumer, non solo a livello locale ma anche attraverso un processo di internazionalizzazione del brand, che partirà probabilmente dalla Germania.

Treedom è una startup davvero affascinante, per il suo impatto ambientale/sociale, per come ha modellato il suo business (in parte b2c e in parte b2b), per pensare globale, per come ha sviluppato anche la piattaforma web coniugando valori green con leggerezza e gamification.

Per le persone comuni gli alberi sono a pagamento, a un costo contenuto, quello che potrebbero avere in un qualsiasi negozio di floricoltura. La società offre però anche servizi di green branding, che puntano a valorizzare l’impegno ecologico delle aziende con soluzioni di marketing e comunicazione in campo ambientale. Treedom, inoltre, permette di quantificare e riassorbire la CO2 prodotta dalle attività delle aziende attraverso analisi approfondite e validabili dai principali enti di certificazione, sulla carbon footprint di prodotti, servizi e organizzazioni, secondo gli standard ISO di riferimento.

Treedom ha recentemente lanciato anche un piano di stock options per rendere i propri collaboratori partecipi dei risultati e della crescita aziendale.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

30 marzo 2017


Articoli correlati
Video Consigliati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply