Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Luca Rossettini, l'emozione del momento e la costruzione del progetto

 

Poco più di una settimana fa Startupbusiness ha scritto dei successi di D-Orbit, la startup italiana che ha sviluppato una tecnologia per il recupero dei satelliti a fine vita, raccontanto del premio ricevuto a Los Angeles e del lancio del primo componente dalla Russia. Oggi, nelle parole di Luca Rossettini (founder di D-Orbit) quella cronaca diventa emozione. 

 

 

“E’ incredibile ripensare quello che è successo una settimana fa in pochissime ore: vincere il Red Herring, essere riconosciuti come una delle 100 aziende più promettenti al mondo e assistere al lancio dalla Russia del cervello del nostro primo dispositivo di rimozione per satelliti. Emozioni forti, indescrivibili. Poco più di due anni fa, quando è nata D-Orbit, con l'obiettivo di dare un contributo determinante per un utilizzo consapevole dello spazio, di garantirne un accesso sicuro e pulito, era chiaro a tutti che non sarebbe stato facile, che il percorso sarebbe stato irto di difficoltà e ostacoli, soprattutto per una realtà giovane appena approdata in un mondo di colossi, in un settore dove l'innovazione procede con estrema cautela. E oggi è altrettanto chiaro che questo è un piccolo passo di quella strada che abbiamo cominciato a percorrere. Un piccolo passo, ma fondamentale: D-Orbit c'è. Una startup che sta diventando azienda, un'azienda che sta dimostrando concretamente le proprie capacità.

Molte tappe sono state bruciate in poco più di due anni, e ciò nonostante il tentativo riuscito di portare in orbita il sistema di controllo e di accensione sicura del nostro dispositivo dopo aver fatto tutti i test di qualifica per il lancio normalmente previsti dall'industria spaziale. 

In questo momento sorrido pensando a quanto utili fossero state discussioni, errori, notti insonni. Come un flashback, mi sono ripassati davanti il Fullbright che mi ha portato in Silicon Valley e poi in NASA, gli incontri, i pitch, le strette di mano, le call skype da Sesto Fiorentino, l’estate a Lomazzo in cerca di un fornitore disposto a lavorare a ferragosto per le ultime modifiche prime del lancio nello spazio. Per giungere poi, il 21 novembre, nella mia stanza d’albergo americano: un colpo d’occhio al premio appena ritirato ed uno alla diretta del lancio in orbita della parte più importante della tecnologia di D-Orbit. E in quel momento ho immaginato gli altri soci, attaccati ai loro pc, le squadre di Lomazzo e di Sesto che hanno bivaccato in laboratorio in diretta con la sala di controllo vicino alla piattaforma di lancio, gli investitori che hanno creduto in noi e che ancora ci supportano, i nostri Advisor, che hanno reso realizzabile questo lancio, restando con H24 7 giorni su 7,  gli amici che non hanno mai smesso di motivarci.

Sicuramente molto è ancora da fare, ma questo momento, questo, rimarrà indelebile nei ricordi di un'azienda nata dalla passione di chi ci lavora, nata per fare la differenza.”

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

02 dicembre 2013

Categorie:

Notizie

Tag:

premio


Articoli correlati
Video Consigliati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply