Perchè la startup Soundreef è migliore della Siae

Cosa cambia fra Siae e Soundreef, la startup per la gestione dei diritti d’autore che ha da poco soffiato Fedez alla storica società italiana autori editori? E perchè la startup è meglio del monopolista?

Lo spiega a EconomyUp il cantante Adriano Bono, cantante romano che vanta una carriera pluriennale prima come frontman delle Radici nel Cemento e poi come solista. “Sono iscritto a Soundreef dall’inizio del 2015, ma avrei voluto farlo prima. Ci ho messo un po’ per motivi tecnici e burocratici”.
Adriano Bono è stato quindi fra i primi ad aderire alla piattaforma: «Sono ancora iscritto alla Siae perché ho 20 anni di attività, ma la startup gestisce i diritti dei miei live. E presto le farò gestire tutto. Perché? Miglior sistema di ripartizione, velocità nei pagamenti, trasparenza. 

La storia di Bono e quella di Soundreef viaggiano insieme praticamente dagli albori: “Io mi sono sempre interessato a temi come il diritto d’autore e i creative commons e così mi sono imbattuto in Soundreef. Mi hanno chiesto di entrare nei primi 30 nomi che avrebbero diffuso per il lancio sul mercato e io mi sono iscritto”. Da quel momento sono cominciati i paragoni con il passato: “Per 20 anni sono stato autore Siae e in un certo senso lo sono ancora, perché con loro ho uno storico importante e non mi sono cancellato, ma ho chiesto e ottenuto una limitazione di mandato. In pratica i diritti d’autore sui miei live li gestisce Soundreef, tutto il resto la Siae. Ma comunque – continua Bono – presto Soundreef potrà gestire tutto e io completerò il passaggio”.

Ecco una sintesi dei motivi per cui SoundReef è migliore di Siae:

Iscrizione: con Soundreef è gratuita e non esclusiva, mentre quando ti iscrivi alla Siae paghi e devi affidare i diritti anche sulle opere che andrai a comporre in futuro.

La Siae garantisce all’autore il 70% degli incassi di un live. Li versano dopo un anno e con un conteggio complicato e poco trasparente.

Ripartizione: per la Siae gran parte dei live va sotto la categoria “concertini” i cui proventi finiscono in un gran calderone per essere ripartiti fra tutti gli iscritti. Le fette di questa torta però sono sbilanciate verso i nomi più famosi, cioè quelli che vendono e fanno guadagnare di più. Quello che rimane viene distribuito fra gli autori minori, spesso i più giovani ed emergenti, che così non vedono mai il frutto del loro lavoro.

Soundreef ha un sistema analitico: l’artista riceve i diritti d’autore in base a quanto ha guadagnato con la sua attività: per  un concerto la percentuale è del 75% ,  dopo una settimana mandano il resoconto e ogni tre mesi pagano. Uguale per tutti.

Trasparenza: ogni artista crea un account sulla piattaforma da dove può gestire e controllare i suoi diritti, vedere lo storico dei concerti, le canzoni che ha suonato e quanti diritti ha maturato. Poi si procede al pagamento tramite Paypal.

L’articolo completo sui vantaggi di SoundReef.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

10 maggio 2016


Articoli correlati
Video Consigliati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo.

Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy