Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Risorse umane, ecco come le aiuta l’algoritmo di Egomnia

Egomnia si è presentata al mercato con un’innovazione nell’ambito delle risorse umane. La società  ha infatti elaborato un algoritmo quantitativo che analizza esclusivamente le competenze misurabili attribuendo così un punteggio ai curricula degli iscritti alla piattaforma che cercano lavoro.

“Immaginatevi le difficoltà che hanno le grandi organizzazioni multinazionali che ricevono decine di migliaia di curricula ogni anno, Google per esempio ne riceve due milioni all’anno – spiega Matteo Achilli, Ceo e fondatore della società – Con le tecnologie di Egomnia è possibile effettuare un pre-screening immediato di tutti i curricula. Non solo, oltre a questa indicizzazione Egomnia ha elaborato tecnologie che le permettono di mettere a disposizione delle imprese un potente motore di ricerca che permette di individuare tra tutte le application solamente quelle con i requisiti che si cercano e i risultati escono indicizzati: dal punteggio più alto a quello più basso”.

achilli-egomniaEgomnia ha inoltre comparato i sistemi accademici di tutto il mondo, questo permette a un recruiter di ricercare curricula una sola volta inserendo il titolo accademico che conosce, ma ottenendo risultati di persone che hanno un titolo equivalente, per esempio ricercando un Bachelor Degree, se non si specifica l’area geografica, si ottengono persone che hanno il Bachelor Degree e l’equivalente di questo, come la laurea triennale in Italia e il baccalaureato in Brasile. La piattaforma consente di effettuare ricerche in una lingua e di ricevere risultati di curricula scritti in lingue diverse, attualmente in sette lingue, comprese cinese e danese, e consente di comparare facilmente curricula di candidati con le stesse competenze e background ma scritti in lingue diverse, provenienti da Paesi diversi e con sistemi accademici diversi, in quanto utilizza la matematica per pesarli e compararli. Un punteggio matematico unico che permette di inserire i candidati in un’unica graduatoria. 

“Facciamo un esempio concreto – continua Achilli – Il World Economic Forum, cliente di Egomnia, riceve ogni anno oltre 27 mila curricula di persone che vogliono lavorare nella prestigiosa organizzazione di Ginevra. Questi 27 mila curricula sono inviati in formati diversi, scritti in lingue diverse, spesso non hanno i requisiti minimi per poter essere colloquiati. Come fa un’azienda a fare lo screening di 27 mila curricula senza perdere tempo, diminuendo i costi e aumentando l’effort? Con Egomnia appunto”.

Egomnia, a oggi attiva soprattutto nel business to consumer, sta spostando gli investimenti anche sul business to business, integrando le sue tecnologie con i principali sistemi di amministrazione di curricula, per esempio Taleo, per permettere l’utilizzo di queste tecnologie non solo sulla piattaforma Egomnia ma anche su piattaforme integrate. Un altro mercato dove sta investendo è quello dell’outplacement, potenziando l’algoritmo con l’analisi delle meta-competenze, ovvero aggiungendo un algoritmo qualitativo a quello quantitativo, permettendo un’analisi accurata anche delle figure senior.

La società conta oggi quasi 850mila iscritti, di cui quasi centomila internazionali, 1230 aziende di cui 50 internazionali, nel corso del 2015 ha messo in diretto contatto con le aziende oltre 40mila candidati e il numero di annunci di lavoro pubblicati sulla piattaforma è aumentato del 600% tra il 2015 e il 2016. Il team segue commercialmente in modo diretto le aziende medio-grandi. Gli attuali clienti di Egomnia sono aziende come: Microsoft Italia, Ericsson Telecomunicazioni, Assicurazioni Generali, Heineken Italia, Fondazione Telethon, Vodafone Italia, in Italia e il World Economic Forum, London School of Business and Finance, Kaplan International, all’estero. Egomnia ha inoltre siglato accordi con alcune delle principali società di head hunting come Hays, Gi Group, Randstad e Intermedia Selection (Egomnia ha anche una partnership con Startupbusiness).

Il modello di business di Egomnia

Il modello di business di Egomnia segue tre direzioni: business to consumer, attraverso Egomnia.com, il portale di incontro domanda-offerta di lavoro che grazie alla quarta versione della piattaforma rilasciata ad aprile 2015 ha definito un modello basato su transazioni automatiche per attività di recruiting, employer branding e advertising; business to business to consumer con le aziende che acquistano pacchetti di servizi, generalmente annuali, da utilizzare su Egomnia. Questi clienti hanno servizi potenziati, il contatto diretto con il team Egomnia e agevolazioni di prezzo. Egomnia ha inoltre alcune soluzioni business to business già presenti sul mercato e rivolte sempre al settore delle risorse umane: come Egomnia Monitoring ed Egomnia Wellness. La società è poi attiva anche nell’ambito della consulenza informatica per la realizzazione di soluzioni enterprise, portali o applicazioni complesse. L’attività di consulenza è spesso volta a creare partnership strategiche o partecipazioni della stessa Egomnia come accaduto con le società Fidenia e Mondocane per esempio.

“La chiave principale del modello di business adottato da Egomnia – dice il fondatore – fino a ora sono i prezzi. Oggi i nostri prezzi sono nettamente vantaggiosi, molto al di sotto della soglia dei competitor, per esempio la pubblicazione di un annuncio di lavoro su Egomnia costa 15 euro, la promozione di un post che raggiunga mille persone appena 0,15 euro. Non solo, Egomnia ha molti dei suoi servizi ancora totalmente gratuiti, come per esempio la ricerca all’interno del database, e molte soluzioni software business to business rilasciate gratuitamente ai propri clienti. L’obiettivo è quello di creare valore e fare di Egomnia lo strumento di riferimento le aziende. Poi magari in futuro i prezzi cresceranno ma attualmente non siamo concentrati sull’aumentare il fatturato ma sull’accrescere il valore: numero di iscritti, qualità del servizio tecnico, qualità dei clienti, fidelizzazione, numero di software presenti sul mercato”.

La storia di Egomnia

acma4Un capitolo piuttosto curioso della storia di Egomnia fino a qui è quello legato alla sua visibilità mediatica che le ha sì permesso di aumentare il giro d’affari, i numeri e il network, ma ha anche creato qualche deriva di tipo critico soprattutto perché molta di questa visibilità si è concentrata più sul fondatore che non sulle attività industriali della società. Matteo Achilli è stato infatti protagonista di una copertina di Panorama Economy nel 2012 (allora aveva appena 20 anni), fu uno dei casi citati dal documentario della BBC intitolato “The Next Billionaires” dalla BBC e girato nel 2014 , è stato inserito da Business Insider tra i ventenni più potenti del mercato internet nel 2014 e terzo tra gli under trenta più potenti nel 2015 .

Achilli ha inoltre, sempre nel 2014, ottenuto la medaglia dalla Presidenza della Repubblica italiana firmata da Giorgio Napolitano e con Egomnia è stato sponsor della 71esima e 72esima edizione del Festival del Cinema di Venezia.

Questa strategia mediatica è certamente servita all’azienda per farsi conoscere anche a livello internazionale, è certamente servita a compensare la mancanza di fondi iniziali da destinare a campagne promozionali, ma è anche vero che l’interesse mediatico ricevuto da Achili e da Egomnia è certamente unico per una startup italiana e ciò ha, come sempre accade in questi casi, generato anche alcune opinioni discordanti e critiche principalmente per essersi esposto tanto in anticipo rispetto all’effettiva disponibilità del prodotto. Nonostante le critiche, a volte anche insistenti, il modello di strategia comunicativa utilizzato da Achilli si è dimostrato efficace e ha permesso a Egomnia di impostare così la sua strategia di crescita che, come descritto sopra, punta a creare prima il valore e poi a generare i numeri che daranno la dimensione della sua capacità di fare business.

Capacità che è anche legata alla gestione finanziaria e azionaria della società. Matteo Achilli ha sempre rivendicato il 100% della proprietà di Egomnia Srl. Nel corso del 2016 però, per la prima volta, sono stati firmati term sheet per l’apertura del capitale. La strategia seguita dal fondatore e fino a ora unico socio è però un po’ diversa rispetto a quella che caratterizza normalmente il percorso di crescita di una startup, ciò perché entreranno in Egomnia investitori locali nelle subsidiary che Egomnia ha costituito e costituirà fuori l’Italia. Matteo Achilli continuerà a mantenere il 100% le quote dell’azienda italiana dove risiede la proprietà intellettuale delle soluzioni. Per avere i dettagli sulle operazioni finanziarie di Egomnia e per conoscerne la capitalizzazione dovremmo però aspettare il 2017.

La storia di Egomnia fino a qui è quindi piuttosto particolare nel panorama delle startup italiane ma non esente dalle difficoltà che le imprese italiane affrontano e nemmeno dagli errori e i passi falsi che anche il suo fondatore ha compiuto, come egli stesso dice: “in Italia la burocrazia e le alte tasse certo non aiutano, in più essendo io molto giovane e senza garanzie ho avuto difficoltà a trovare fidi, finanziamenti o mutui che solo oggi riesco ad avere grazie al buon rating che Egomnia Srl.  Inoltre l’avere legato troppo il mio nome a quello dell’azienda, l’avere avuto una esposizione mediatica forte fin dall’inizio e il non avere reso pubbliche le modalità di business e le strategie di Egomnia ha alimentato le critiche da parte dell’ecosistema delle startup italiane, a ciò si aggiunge che Egomnia essendo un marketplace ha avuto una viralità piuttosto bassa rispetto a quella di altre piattaforme web dal punto di vista della sua capacità di attirare clienti i quali oggi ci sono, ma abbiamo lavorato intensamente per fare crescere in modo parallelo le due comunità: quella dei candidati e quella delle aziende con lo scopo di fornire valore a entrambi i membri di queste comunità”. Achilli sottolinea anche come per operare nel business to consumer serve essere scalabili e avere numeri consistenti e ciò lo si sta realizzando anche attraverso il processo di internazionalizzazione appena cominciato ma continua a essere non certo semplice trovare i fondi necessari per sostenere questa crescita, difficoltà che si accentuano anche per il fatto che il fondatore è stato per lunghissimo tempo l’unico socio dell’impresa e, infine, continua il fondatore, un altro punto debole è stata la mancanza di management: “io come unico socio e fondatore ho cercato di fare tutto ma sono consapevole che non sempre le mie capacità, la mia esperienza sono state sufficienti per prendere sempre le decisioni più giuste ed efficaci benché i risultati siano arrivati, e questa è una riflessione che diventa ancor più importante oggi che Egomnia ha una base clienti importante e si sta avviando verso la crescita internazionale”. Certo Egomnia se e quando cercherà figure con le giuste competenze per formare il suo gruppo di manager non avrà difficoltà a trovare le persone giuste grazie proprio al suo stesso algoritmo e alla sua stessa piattaforma, ma anche di questo sapremo con il prossimo anno che promette di essere un anno fondamentale nell’evoluzione e nella crescita della startup.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

15 dicembre 2016


Articoli correlati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply