Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Service design, cos’è e perchè è indispensabile alle startup

Il service design significa progettare meglio le interazioni e le esperienze tra il servizio e le persone. 

L’organizzazione e l’interazione tra il prodotto o servizio è uno degli argomenti più importanti per chi sta avviando una startup. Esistono molti motivi per i quali, anche se uno ha già la sua startup avviata, vi è la possibilità di trovarsi un po’ persi nel processo di sviluppo dell’idea originale, della customer experience, del modello di business, della value proposition, per farli crescere ulteriormente. 

Quasi sempre non si può contare su una seconda possibilità per andare avanti, e affrontare sfide e fare sforzi diventa sfida complessa che non si sa mai se sarà vinta.

Quello che potrebbe aiutare e dare valore dall’inizio, ma anche durante tutto il processo e la vita di una startup, e anche delle sue fasi di evoluzione quando diventa una scale-up e poi una impresa più grande, è integrare il service design per condividere visione, cultura e organizzazione. Oggi ci stiamo spostando da un’economia di prodotti a un’economia di servizi ed esperienze, anche i prodotti fisici vengono oggi proposti sotto forma di esperienza piuttosto che di prodotto puro, un’evoluzione e combinazione di tangibilità e di intangibilità. Il service designer è colui che deve valutare la situazione, capire l’interazione, darle un senso, e renderla fluida, col minimo attrito. Ciò che deve emergere, e che avviene dall’ambito dello Human Centred Design, è generare attrazione attraverso la sovrapposizione di questi tre fattori: fattibilità, desiderabilità e praticabilità (feasible, desirable and viable).

All’inizio il service design era applicato quasi esclusivamente al concetto di possesso, oggi la sua definizione e applicabilità è più articolata ma il concetto resta il medesimo: fino a che punto le nuove funzionalità possono essere proposte attraverso nuovi servizi? Come organizzare qualcosa per avere un’esperienza positiva? Un buon libro che dettaglia tutto è ‘This is service design thinking’. Il concetto di Design con la D maiuscola è cambiato, non si rivolge più all’estetica e il funzionamento, ed è più contestuale, globale e olistico. Disegnare vuole dire partire da un punto a un altro, ma anche capire lo spazio, le capacità, i bisogni, i motivi e i comportamenti.

L’industrial design è in evoluzione e si applica sempre più a vari ambiti: dal product design all’architettura e al fashion per esempio. Richard Buchanan, professore di design, management e sistemi informativi, attualmente docente della Weatherhead School of management presso la Case Western Reserve Univerisity in Usa e specializzato in interaction design afferma che il design non ha un soggetto o una materia predefinite, ed è per questo che si tratta di una disciplina molto efficace: “Siamo noi che rendiamo importante il soggetto del nostro lavoro perché il design ha il potere di integrare varie discipline”.

Infatti, un designer è un esperto che ha imparato a pensare in un modo diverso, micro e macro allo stesso tempo, ed è per questo motivo che tante imprese, oggi, vedono il valore del service design e stanno creando, assumendo o comprando competenze in questa direzione. E questa è una opportunità anche per le startup che applicano il service design perché in tal modo mostrano come innovando anche questo paradigma si ottengono risultati migliori in ogni settore.

A cosa serve il service design

Il service design aiuta le imprese e aziende a lavorare in un modo meno rigido, più focalizzato e veloce, e soprattutto a meglio comprendere e interpretare le richieste e le esigenze degli utenti.  Si diverge, si converge, si itera più di una volta, si definisce, si prototipa e si testa (come illustra il modello cosiddetto del double diamond riportato in figura).

 

 

 

È un approccio questo in grande crescita e lo sono le metodologie che si concentrano su problemi complessi, questo insieme crea un ambiente per nuovi strumenti di progettazione, ma anche strumenti pensati per aiutare a progettare anche coloro che non sono designer come per esempio : Service design toolkit ; Gamestorming e Smaply.

Il Service Design sopporta in modo efficace le organizzazioni in fase di implementazione di un cambiamento culturale e innovazione e contribuisce a indirizzare gli sforzi . 

Contributor: Maria Matloub @mariawanted
D’animo imprenditoriale, ama costruire community e parla quatto lingue. La sua passione per gli scenari futuri si accompagna alle attività quotidiane di design e organizzazione. Attraverso spazi digitali e fisici, prodotti e sistemi, crea storie ed esperienze per migliorare la vita delle persone.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

10 marzo 2017

Categorie:

Learn, Risorse


Articoli correlati
Video Consigliati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply