Tiscali Indoona, la comunicazione 'all-in-one'

 

 
Prendete la timeline di Twitter, la bacheca di Facebook, i messaggi di WhatsApp, il voip di Skype, aggiungete la possibilità di chiamare numeri telefonici fissi a zero costo e soprattutto quella di poter pubblicare video e audio in real time, in diretta streaming e ottenete la nuova creatura di Tiscali che si chiama Indoona, nome che deriva dalla inglesizzazione della parola sarda induna che significa proprio, tutto in uno, all in one. 
 
Indoona è potentissimo, lo garantisce in persona Renato Soru che è tornato a guidare la società da lui fondata e che intende rilanciare fortissimo sull'innovazione senza commettere gli errori del passato come quello di netphone che, dice, è stato erroneamente abbandonato troppo presto: “a Indoona daremo almeno dieci anni di tempo per svilupparsi, crescere e diventare il nuovo strumento di comunicazione sia personale sia sociale”.
 
L'applicazione disponibile per dispositivi iOS e Android e presto anche per Windows8 è stata pubblicata lo scorso mese di agosto e già oggi sono circa 2 milioni coloro che l'hanno scaricata e che la utilizzano in tutto il mondo: “registriamo un particolare interesse nel Medio Oriente – afferma Soru – soprattutto in Arabia Saudita, ma Indoona è già oggi un'applicazione usata in tutto il mondo”. Il mondo intero è il mercato di questa nuova scommessa che parte da Cagliari tanto che Soru ha spiegato come verrà costituita una società spin-off interamente dedicata all'applicazione che avrà sede a San Francisco per sfruttare al meglio le opportunità di mercato, ma, sottolinea, la ricerca e lo sviluppo resteranno in Sardegna. 
 
Indoona consente di pubblicare ogni tipo di contenuto e, come detto, il suo punto di forza è la possibilità di fare le dirette audio e video, funzionalità possibile solo perché dietro a Indoona c'è una società di telecomunicazioni che sa bene come ottimizzare server e connessioni di rete (e che sa anche bene come gestire lo streaming live cosa che ha dimostrato anche con un'altra sua applicazione che si chiama Streamago e che può essere usata, a pagamento, anche per fare dirette audio e video in alta definizione).
“Il nostro obiettivo oggi è quello di fare utenti – spiega Soru – e poi ragioneremo su come implementare il modello di business che certamente farà leva un po' sulla pubblicità, un po' sui servizi premium, e un po' anche sulla vendita della piattaforma in white label ad aziende e organizzazioni che desiderano usarla per creare reti tra i membri del loro personale”. 
 
Un ulteriore e non certo marginale elemento fa della piattaforma di Tiscali, disponibile anche sul web, qualcosa che innalza il livello della tecnologia e della competizione di mercato nell'ambito degli strumenti di comunicazione: l'affidabilità e la sicurezza, con Indoona per esempio non è possibile che si verifichino fenomeni come quelli dei face follower di Twitter. 
 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

18 gennaio 2013

Categorie:

Must Read, Notizie


Articoli correlati
Video Consigliati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo.

Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy