download bdsm
Wib raccoglie 750mila euro, Vertis e RedSeed tra gli investitori

 

Sono 750mila gli euro raccolti da Wib, Warehouse in a box, da una serie di investitori privati e da due fondi Vertis Venture e RedSeed Venture. Warehouse in a box è stata fondata da Nino Lo Iacono e si propone di rivoluzionare il concetto di vendita tramite dispositivi automatici.

“La raccolta dei fondi è durata quasi nove mesi e il deal è stato piuttosto complesso – dice Lo Iacono a Startupbusiness -. La campagna di raccolta ti tipo crowdfunding ha richiesto di mettere insieme 16 investitori diversi per taglio di investimento, provenienza geografica e altri parametri. Alla fine è stata creata una Holding apposita per raccoglierli tutti insieme.

Il lato positivo di avere gli angel comunque è significativo, abbiamo ampliato notevolmente il nostro network, le capacità manageriali e le esperienze da cui attingere”.

Wib è in procinto di lanciare la suo primo store presso IperCoop Sicilia, la startup è infatti siciliana essendo nata presso l’incubatore Arca dell’Università di Palermo ed è stata accelerata nel programma Seed-lab e ha già fatto parlare di se quando si è qualificata tra le migliori startup europee all’Intel business challenge 2013.

“Riguardo al business – continua Nino - sono contento per due cose: la nostra giovane startup ha rimesso benzina nel serbatoio di una pmi un po’ rallentata dalla crisi, presso cui le macchine verranno prodotte; registriamo molto interesse e contatti dagli utenti e da potenziali clienti di provenienza estera. In particolare un grosso gruppo dell'est Europa è appena stato  nella nostra sede per visionare le nostre soluzioni e teniamo le dita incrociate affinché la discussione possa andare avanti”.

La macchina progettata da Wib è in grado di gestire, grazie a una tecnologia brevettata, un ampio catalogo di prodotti di ogni genere permettendo ai clienti di impostare le varie scelte, anche da remoto tramite il personal computer, e poi ritirare comodamente i prodotti direttamente dalla macchina.

“Le sensazioni sono molto buone – aggiunge il fondatore - considerato che i primi investimenti in area marketing saranno effettuati solo nel prossimo mese di maggio.

Ora stiamo ampliando il nostro team tecnico mantenendo sempre la sede principale a Palermo, mentre nei prossimi mesi inizieremo a costruire una rete commerciale su un territorio più diffuso”. Del team fa parte anche Marco Bicocchi Pichi che ha seguito la startup in veste di mentor durante il programma Seed-lab e che oggi si occupa di tutte le attività di marketing. 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

06 aprile 2014

Categorie:

Notizie

Tag:

Vertis


Articoli correlati
Video Consigliati
Funding News

Big Data, la startup WaterView raccogl..

WaterView, startup dei big data incuba..

Startup ecommerce, 3 milioni per Lanie..

Lanieri è la startup ecommerce che ha ..

CoContest va in US e raccoglie 1,9 mil..

CoContest ha appena chiuso un round da..
Più letti

Shark Prank..

Dopo avere visto la prima puntata di S..

Cassa Depositi e Prestiti fa il Ventur..

Ci siamo. Il nuovo fondo di venture ca..

Ecco Endeavor, la noprofit che aiuta l..

Endeavor  non è un venture capital, al..
Più condivisi

Perchè in Italia non si investe in sta..

E' la domanda che serpeggia sempre, pi..

Chatbot, cosa sono e perchè sono impor..

L'organizzatore del primo evento itali..

Guida alle migliori startup city e sta..

Per fare start up all'estero la Silico..
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply