Open innovation, il caso Digital360 Group che cresce con le startup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Open innovation, il caso Digital360 Group

Quando il tuo business è aiutare le aziende a comprendere l’importanza del digitale e dell’innovazione, aiutarle a essere maggiormente competitive e a guardare sempre avanti, è fondamentale che anche la tua strategia di sviluppo ricalchi tali principi.

Così il gruppo Digital360 di cui anche Startupbusiness fa parte dall’aprile del 2015 continua a crescere puntando sulla open innovation, portata avanti anche attraverso una campagna di acquisizioni che dopo la quotazione in Borsa presso Aim Italia avvenuta un anno fa circa, ha vissuto un significativo sviluppo.

Le acquisizioni più recenti sono quelle di EffettoDomino, di IQ Consulting e di ServicePro, aziende che hanno sviluppato competenze specifiche sulla consulenza in ambito industry 4.0, sull’online marketing e sulla demand e lead generation.

In numeri l’effetto di queste acquisizioni tutte avvenute nel primo trimestre del 2018 si declina nei risultati proforma che recitano: ricavi pari a 19,2 milioni di euro, con una crescita del 51% rispetto al 2016; ebitda pari a 2,5 milioni di euro, in aumento del 50% rispetto al 2016; ebit adjusted ed utile netto adjusted rispettivamente pari a 1,6 e 1,1 milioni di euro, in crescita del 45% e del 79% rispetto al 2016.

Valori sia in termini assoluti sia di percentuali di crescita che offrono una chiara idea di come il gruppo Digital360 stia perseguendo la sua strategia e abbia messo a punto un piano di integrazione tra queste diverse realtà volto a sviluppare sinergie al fine di ottenere un risultato che è molto superiore alla semplice somma delle parti.

Inoltre tale approccio pone enfasi su un’ulteriore aspetto che trascende quello specifico e i suoi numeri, e che si concretizza nel vedere come anche in Italia ci siano gruppi industriali che seguono l’evolversi di aziende innovative e che quando trovano soluzioni, tecnologie e soprattutto persone interessanti non esitano a procedere con acquisizioni e con strategie di consolidamento.

Un segnale che appare ancora più significativo in un momento in cui l’intero processo di rinnovamento del tessuto economico e industriale del Paese ha bisogno di imprenditori e imprese che mostrino come la strada dell’innovazione sia quella giusta da seguire.

«Sin dall’inizio – commenta Andrea Rangone, AD e co-founder della societàDigital360 ha giocato una partita importante per cambiare profondamente il mercato dell’innovazione digitale. Per continuare a farlo abbiamo la consapevolezza che noi stessi dobbiamo innovare sempre di più. Dico spesso che la nostra partita è appena cominciata, ed è proprio così. Il percorso da fare è ancora lungo, e continueremo a investire massicciamente sulle piattaforme tecnologiche che abilitano il nostro modello di business, quello della match making platform. Ecco perché non è escluso che altre acquisizioni si possano concludere da qui in avanti».

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

24 aprile 2018


Articoli correlati
Video Consigliati
reply