ESG

Aboca, la B Corp dell’healthcare raccoglie 33,5 milioni di euro

Puntano su benessere e sostenibilità i fondi CDP e Crédit Agricole Italia che hanno appena destinato un finanziamento milionario a sostenere la crescita del Gruppo aretino pioniere in Italia della filosofia naturale e green per la salute delle persone

16 Ago 2022

Per anagrafica non è una startup, ma per cultura lo è dal 1978. Aboca, nata a San Sepolcro, è stata ed è tuttora un’azienda che ha saputo sempre coniugare innovazione e sostenibilità.

L’azienda opera su un ciclo produttivo verticalmente integrato: a partire dalle piante, coltivate in circa 1.700 ettari destinati alla produzione biologica, sviluppa complessi molecolari naturali basati su evidenze scientifiche e sviluppati nei propri laboratori di ricerca e sviluppo secondo l’approccio della System Biology e Systems Medicine, discipline che studiano il potenziale delle sostanze vegetali in relazione alle esigenze dell’organismo nel suo complesso e dell’ambiente in cui esso vive.

Conta oggi più di 1.400 dipendenti, 32 brevetti registrati e presenza in 26 Paesi.

Un’eccellenza del made in Italy, a cui Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Crédit Agricole Italia (CAI) danno fiducia, accordando un finanziamento da 20 milioni di euro da parte di CDP, a cui si aggiungono ulteriori 13,5 milioni di euro messi a disposizione da CAI, tutti garantiti da SACE. L’interesse è per tutti quello di sostenere aziende italiane che rispondono anche a criteri di rating ESG, cosa che Aboca evidentemente fa pienamente, trattandosi di una delle più grandi società benefit e B Corp italiane.

Con questa operazione Aboca intende ampliare le proprie attività di Ricerca e Sviluppo e aumentare la propria capacità di produzione e distribuzione, in particolare verso i mercati esteri, in linea con la strategia di internazionalizzazione prevista dal piano di investimenti 2022-2024, che punta a garantire un miglior posizionamento competitivo del gruppo a livello globale, anche attraverso lo sviluppo del processo produttivo, che avviene interamente in Italia.

“Il sostegno da parte di CDP e CAI è un’ulteriore spinta alla crescita della nostra azienda – afferma in una nota Massimo Mercati, amministratore delegato di Aboca – e conferma l’interesse crescente del mondo finanziario verso quelle realtà imprenditoriali che fanno della sostenibilità e dell’impegno verso il bene comune un elemento base della propria competitività, soprattutto nel settore della salute”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3