Airlite, la pittura mangia smog, vince a NY e avvia il crowdfunding
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Airlite vince a NY e avvia la campagna di crowdfunding

Il nome AM Technology forse dice poco, ma molto probabilmente Airlite è invece già giunto alle orecchie di molti. Airlite è la pittura anti smog  che purifica l’aria e che è prodotta appunto da AM Technology, società che oggi fa due importanti annunci: l’avvio della campagna di crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd con un obiettivo minimo di 500mila euro e scadenza 13 novembre 2019, e la vincita della Open Innovation Call della città di New York avvenuta proprio in queste ore quando nella Grande Mela si discute proprio di clima all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Nazioni Unite che a loro volta avevano già riconosciuto la tecnologia di Airlite come una delle più efficaci a livello globale per combattere l’inquinamento.

AM Technology, che è l’oggetto dell’investimento, è una azienda consolidata, che ha già effettuato gli investimenti necessari (ne scrivemmo qui ) , che vanta un team internazionale preparato e motivato e che dopo aver sostenuto e superato la fase di ricerca e sviluppo ha avviato la commercializzazione del prodotto.

Nei primi quattro anni di attività AM Technology ha sviluppato un fatturato complessivo di 3,5 milioni di euro, di cui 850mila euro nei primi 6 mesi del 2019.

“I fondi raccolti saranno utilizzati per rafforzare la rete commerciale in modo da aumentare il fatturato – spiega a Startupbusiness Antonio Cianci, CEO e o-fondatore della società – L’azienda è presente direttamente in quattro paesi, Italia, Svizzera, Regno Unito e Cina, e ha business partner che supportano il suo sviluppo in Spagna e America Centrale. L’obiettivo per il 2020 è consolidare la presenza commerciale in questi mercati e puntare a quello statunitense, il più difficile del mondo, ma anche quello con il maggiore potenziale”. (in questa video intervista del 2016 Antonio Cianci spiega ai lettori di Startupbusiness tutto ciò che c’è da sapere su Airlite )

Airlite vincitrice all’Open Innovation Call di New York

Airlite sta ottenendo successi e riconoscimenti in tutto il mondo e, come detto, ieri 24 settembre ha vinto la Open Innovation Call organizzata dal Città di New York per migliorare la qualità dell’aria e le isole di calore urbana. La sfida è stata sviluppata in 2 diversi ambiti: il track 1 è rivolto a prodotti e servizi che possano migliorare la qualità dell’aria e/o ridurre gli effetti nocivi delle isole di calore urbane; il track 2 è focalizzato sull’individuazione di soluzioni progettuali attraverso le quali New York possa reinventare gli aspetti della vita cittadina per migliorare la qualità dell’aria e/o ridurre l’intensità o gli effetti nocivi dell’effetto delle isole di calore. Dopo una prima valutazione incentrata su caratteristiche del prodotto, certificazioni, capacità di riflettanza solare, Airlite è stata nominata vincitrice del track 1.

“Si tratta di un risultato molto importante – aggiunge Cianci – in quanto questo premio porta Airlite a essere inserita tra i prodotti che la città di New York potrà utilizzare in progetti specifici. Grazie alla raccolta con Mamacrowd vogliamo reperire i fondi necessari per avere le risorse per crescere commercialmente e avviare le attività nel mercato americano, che ha mostrato di apprezzare la nostra tecnologia ai massimi livelli”.

Airlite e la Formula E

Vettura di Formula E con vernice Airlite

Altra novità recente che riguarda la società è la collaborazione con la Formula E, la competizione tra bolidi con motore elettrico, con la quale ha avviato un progetto per l’applicazione di Airlite Clear Coat, l’innovativo coating antinquinamento basato su tecnologia Airlite e dedicato alle applicazioni industriali, sulle carrozzerie delle vetture del circuito. La Formula E, ufficialmente denominata ABB FIA Formula E Championship, è appunto una serie automobilistica ideata dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) dedicata esclusivamente a veicoli spinti da motori elettrici.

“Airlite e la Formula E hanno una lunga collaborazione – ci dice Cianci – Nel 2015, Airlite è stata partner della scuderia Auguri Suzuki come partner tecnico. Il rapporto è nato nel 2014, quando Airlite è stata inserita tra le 10 tecnologie cleantech più innovative al Cleantech di Montercarlo. Capitò che uno dei membri della giuria propose una collaborazione, in quanto , egli disse ‘così come le auto di Formula 1 hanno avuto in passato come partner le società di sigarette, le auto di Formula E, che non inquinano, oggi non possono non avere come partner Airlite, la pittura che riduce l’inquinamento’ “.

Riconoscimenti

Va inoltre ricordato che il ministero dell’Ambiente italiano ha riconosciuto questa tecnologia come perfetta per migliorare il comfort abitativo nelle scuole, Il ministero della Salute messicano ha inserito Airlite tra gli strumenti per ridurre le infezioni all’interno degli ospedali. Ha ottenuto importanti certificazioni (Friendly Materials, Green Seal, Leed Compliant, Well compliant, Zero VOC, per citarne alcuni) e grandi aziende come Autogrill, Decathlon, Poste Italiane, Italgas, Polo Ralph Lauren, Pernod Ricard e China State Construction hanno già scelto Airlite per migliorare la qualità dell’aria nei propri uffici e nei propri negozi. È infatti dimostrato che una migliore qualità dell’aria incide positivamente anche sulla salute, il benessere e, di conseguenza, la produttività dei dipendenti.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

25 settembre 2019

Categorie:

Growth, Scaleup


Articoli correlati
reply