investimenti

Approxima chiude un round da 1,6 milioni di euro

La startup medtech è spin-off del Politecnico di Milano e il round è guidato da Panakes Partners e dal Clud degli Investitori

Pubblicato il 06 Feb 2023

I fondatori di Approxima

Approxima annuncia la chiusura di un round di investimento seed da 1,6 milioni di euro. Approxima è una startup medtech early-stage, spin-off del Politecnico di Milano, la sua missione è quella di sviluppare un sistema mininvasivo di riparazione della valvola tricuspide basato su un approccio di rimodellamento del ventricolo destro per il trattamento di pazienti con insufficienza tricuspidale.

La società è stata fondata nel 2020 da Michal Jaworek, CEO, Edoardo Maroncelli, CTO, e due advisor scientifici del Politecnico di Milano, Riccardo Vismara e Gianfranco Beniamino Fiore. Il round è stato guidato da Panakes Partners insieme al Club degli Investitori e ad altri business angel, tra cui Barbara Taddei e Carlo Alberto Marcoaldi. I fondi raccolti saranno impiegati per far progredire ulteriormente la tecnologia attraverso test preclinici e in direzione dei futuri studi clinici.

Nuove nomine

In concomitanza alla chiusura del round, la società è riuscita ad attrarre nuovi profili chiave con una grande esperienza nel settore. Paolo Denti è stato nominato CMO di Approxima, è cardiochirurgo del’Ospedale San Raffaele di Milano, membro del PCR Tricuspid Focus Group, della Società Europea di Chirurgia Cardiotoracica, della Società Europea di Cardiologia e delle Società Europea e Italiana di Cardiologia Interventistica. È un esperto nell’ambito della cardiochirurgia mininvasiva e ha vasta esperienza come operatore nelle tecniche percutanee per le valvole aortica, mitrale e tricuspide. Ha servito come Principal Investigator in una serie di studi clinici. Durante la sua carriera ha contribuito allo sviluppo preclinico ed è stato operatore in studi first-in-human di innovative tecnologie percutanee (es. Tricinch, Saturn e Mitral Shortcut).

WHITEPAPER
Industria 4.0: Scopri come accedere ai fondi della Nuova Sabatini per innovare la tua impresa
Protocolli IoT
Machine to machine

Umberto Pasquali è stato nominato presidente del Consiglio di Amministrazione; ha oltre 20 anni di esperienza in business development, project management, operation e finanza nel campo dei dispositivi medici in posizioni di livello dirigenziale presso Lima Corporate e LivaNova.

“Sono entusiasta della tecnologia unica di Approxima che va alla radice del problema affrontando la dilatazione ventricolare piuttosto che la patologia, insufficienza tricuspidale. Con un impianto mininvasivo, la caratteristica di regolazione post-operatoria e un ingombro ridotto, riteniamo che il dispositivo di Approxima possa diventare un trattamento di prima-linea per i 13 milioni di persone in tutto il mondo affette da insufficienza tricuspidale che, per la stragrande maggioranza (99 %), non vengono curate” afferma in una nota Umberto Pasquali.

Barbara Castellano entrerà a far parte del Consiglio di Amministrazione in rappresentanza di Panakès Partners. Barbara porta una competenza specifica nell’ambito cardiovascolare nonché un’ampia conoscenza del settore dei dispositivi medici acquisita come ex direttore Affari clinici, certificazioni, regolatorio e qualità presso CID (ora Alvimedica) e come ex direttore business development e ex global marketing director per le valvole cardiache di Sorin (ora LivaNova).

“Approxima sta sviluppando un concetto nuovo e intelligente per trattare una patologia complessa e molto diffusa. Noi di Panakes siamo orgogliosi ed entusiasti di dare supporto allo sviluppo tecnologico e contribuire alla formazione della prossima generazione di imprenditori – afferma Castellano – . Con questo interessante investimento si conferma la crescente attenzione del Club per operazioni innovative medtech. Abbiamo molto apprezzato l’energia e le idee dei founder, la rapida espansione di un team qualificato, il ruolo forte di un investitore specializzato come Panakès e la compagine di altri soci, con esperienza e skin-in-the-game.

Come Club contiamo di contribuire ad una rapida ed efficace roadmap di sviluppo grazie alle specifiche esperienze del nostro network di soci e in particolare con le competenze dei nostri champion: Alice Ravizza, professionista con un forte know how in campo regolatorio, e Angelo Italiano, manager di grande esperienza”, dice Andrea Rota, managing director del Club degli Investitori.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2