education

BCorp School, quando le startup nascono tra i banchi

Il programma di InVento Innovation Lab unisce aziende, scuole, e istituzioni per portare la cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione agli studenti

26 Giu 2022

Si chiama BCorp School ed è l’iniziativa di InVento Innovation Lab per portare l’innovazione, l’imprenditorialità e la sensibilità verso i temi della sostenibilità e dell’impatto sociale nelle scuole.

“BCorp School è uno dei due filoni principali del business di InVento – dice a Startupbusiness Giulia Detomati, fondatrice e CEO della società – l’altro filone comprende tutte le attività che facciamo per aiutare le aziende a ridurre il loro impatto e a diventare società benefit, lavoriamo sia con grandi aziende, sia con PMI sia con startup”.

BCorp School si rivolge a scuole di ogni grado ma in particolare agli istituti superiori e coinvolge aziende, istituzioni e collettività: “le aziende lanciano sfide legate agli SDG (i sustainable development goal delle Nazioni Unite, ndr), le scuole rispondono e sviluppano i progetti e in alcuni casi nascono anche startup vere e proprie, abbiamo avuto casi di progetti molto interessanti e capaci i svilupparsi in imprese come un sensore per la qualità dell’acqua, una piattaforma per condividere le biciclette, una soluzione per effettuare cultura idroponica in ambiente domestico, uno shampoo monodose idrosolubile”.

Quella che parte a fine 2022 sarà la sesta edizione del programma BCorp School e le scuole, così come le aziende possono candidarsi entro ottobre: “da quest’anno agiremo anche in modo preciso per aiutare le idee a diventare startup con uno specifico programma di incubazione – aggiunge Elena Detomati che è digital e education strategist di InVento – che si attiva partendo oda esercizi di impresa simulata durante i corsi e che si sviluppa tenendo presente anche i valori sociali e l’impatto sul territorio perché spesso le aziende che lanciano le sfide hanno a cuore che esse abbiano impatto sul territorio dove opera l’azienda e la scuola”.

Il programma coinvolge mentor e si articola in workshop, hackathon e nell’evento finale denominato change maker competition, le aziende contribuiscono con budget molto variabili che possono andare da 10mila e 100mila euro. InVento non prende equity delle startup che eventualmente nascono e fino a oggi sono stati coinvolti 28mila studenti di tutta Italia, circa 180 aziende, 500 scuole e il tutto si basa su una piattaforma tecnologica e una metodologia che sono state ideate e sviluppate da InVento.

“BCorp School oltre a essere pensato per portare la cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione nelle suole è anche valido per l’alternanza scuola lavoro e soprattutto – aggiunge la CEO – si è dimostrato efficace come strumento per arginare il fenomeno dell’abbandono scolastico, abbiamo registrato un impatto positivo sugli studenti che per diversi motivi si trovavano nella condizione di volere lasciare la scuola e hanno trovato nel nostro programma nuovi stimoli e questo è un risultato importantissimo”.

InVento che oggi conta su uno staff di circa 12 persone più numerosi collaboratori, lavora con quasi 40 aziende e ha un fatturato che raggiungerà nel 2022 gli 800mila euro punta a crescere in modo sostanziale e ad espandere il programma BSchool anche all’estero. (Photo by Kenny Eliason on Unsplash )

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3