Camper on line, più di 3000 italiani hanno scelto Yescapa
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Camper on line, più di 3000 italiani hanno scelto Yescapa

Viaggiare in camper è una modalità che piace sempre di più anche in Italia, un vero boom: sono oltre 8 milioni i veicoli ‘ricreazionali’ (ovvero i camper), tra italiani e stranieri, che ogni anno percorrono le strade della Penisola, oltre 5mila veicoli di questo tipo sono stati immatricolati in Italia nel 2017 (dati Touring Club).

E tanti sono quelli che vorrebbero affrontare questo tipo di viaggio in libertà, provare l’esperienza, ma sono frenati da alcuni fattori piuttosto banali, come il costo del mezzo sia di acquisto che di noleggio tradizionale. Yescapa, piattaforma di sharing tra privati lanciata in Italia ad aprile 2018, semplifica l’accesso al viaggio in camper, permettendo ai neofiti della passione (o a chi non vuole sostenere il costo di acquisto) di scegliere tra diversi modelli messi a disposizione da proprietari e proponendosi come intermediario di fiducia, assicurando una soluzione chiavi in mano per un viaggio in camper in totale libertà e sicurezza. Yescapa verifica i documenti degli utenti e offre la migliore assicurazione camper multi-rischi per tutto il periodo di utilizzo nonché un’Assistenza stradale 24/7.

Come ha accolto l’Italia questa piattaforma? Benissimo.

“Siamo entusiasti dell’accoglienza ricevuta dal camper sharing di Yescapa in Italia: entro il prossimo semestre ci aspettiamo una forte crescita della flotta di veicoli disponibili, oltre  alla nascita di nuove collaborazioni con gli attori locali per sviluppare l’incoming del turismo in libertà”, spiega Dario Femiani, Country Manager di Yescapa in Italia. “I numeri ottenuti quest’anno mostrano come il camper sharing possa contribuire in maniera sostenibile all’indotto economico locale generato dall’affluenza di viaggiatori e camperisti provenienti da tutto il mondo”.

Più di 8mila utenti registrati, quasi 300mila euro i compensi per i proprietari di veicoli, più di 3.000 sono state le richieste di viaggio nel nostro Paese generate dai veicoli immatricolati in Italia attualmente disponibili su Yescapa. La Sardegna è la regione con la più alta concentrazione di veicoli (26%), seguita da Lombardia e Lazio, entrambe all’11%, dove spiccano le zone intorno a Milano e Roma. Sul podio anche la Sicilia (9,9%), con Catania che registra la maggiore concentrazione di veicoli ricreazionali.

I dati italiani sono in linea con il successo già ottenuto dalla piattaforma in ambito europeo, dove conta una community di oltre 250mila utenti e offre la più grande flotta di veicoli ricreativi in Europa, con un’ampia scelta di veicoli-camper mansardati, semintegrali, motorhome e van camperizzati: ogni giorno mediamente 100 camper si mettono on the road grazie a Yescapa.

“Stiamo lavorando affinché Yescapa diventi punto di riferimento in Europa per i viaggi itineranti,  dando sempre più opportunità di viaggiare alla community: un brand unico che offra soluzioni che facilitino l’accesso a tutti i tipi di veicoli ricreazionali per vivere esperienze indimenticabili” aggiunge Benoît Panel, Presidente di Yescapa. “Anche per questo, nel 2019 lavoreremo alla costruzione di partnership con concessionari e allestitori di camper e furgoni camperizzati”.

Il team internazionale di Yescapa

Il camper sharing presenta numerosi vantaggi: prima di tutto rappresenta una forma di rilancio del settore dei veicoli ricreazionali e di autofinanziamento del nuovo, offrendo ai proprietari di camper, van e furgoni camperizzati la possibilità di ammortizzare i costi di mantenimento del veicolo. Si stima infatti che un camper venga utilizzato in media 70 giorni l’anno, ovvero appena il 20% del suo intero ciclo di vita, e che resti fermo per 295 giorni l’anno, a fronte di oltre 3.000 euro di costi ogni anno, tra bollo, assicurazione, revisione e manutenzione varia. Secondo quanto rivela Yescapa, bastano 6 settimane di condivisione del proprio camper per ammortizzare completamente il costo di mantenimento annuale del veicolo: il compenso medio di un proprietario con il camper sharing è di circa 490 euro a settimana (70 euro al giorno), mentre i compensi annui medi si aggirano sui 2.500 euro. In Italia, dal lancio del servizio, Yescapa ha già riversato ai proprietari italiani quasi 300mila euro.

Alcuni dati sul turismo in camper raccolti da Yescapa.

Dove viaggiano gli italiani in camper – Quasi la metà degli utenti italiani che hanno prenotato il camper su Yescapa viaggia tra i confini nazionali: ToscanaPiemonte e Sardegna tra gli itinerari più ambiti. Il 26% sceglie invece la caliente Spagna, mentre il 14% oltrepassa le Alpi per scoprire la Francia. Subito fuori dal podio, spicca il Portogallo, dove tra l’altro di recente è stato attivato il servizio di camper sharing di Yescapa: per il 2019 si prevede una forte richiesta di veicoli portoghesi da parte degli utenti italiani.

Quando viaggiano gli italiani in camper – I mesi preferiti dagli italiani per viaggiare in camper sono quelli estivi, tra luglio e settembre (64%). In particolare, un terzo dei viaggiatori si mette alla guida nel mese di agosto, quando van e camper vengono prenotati per viaggi della durata media di 17 giorni. Nei mesi invernali la percentuale di utilizzo si attesta sul 12% e cambiano le modalità di viaggio: si privilegiano infatti gite fuori porta e on the road della durata media di 4 giorni, per weekend lunghi.

Viaggiatori stranieri in Italia – Interessante è anche l’afflusso di arrivi in Italia da parte di stranieri che prenotano un camper su Yescapa (50% delle prenotazioni): i più amanti del nostro Paese sono i francesi, con il 20% delle prenotazioni di veicoli italiani, seguiti dagli spagnoli (16%) e dai tedeschi (8%). La sharing economy in questo senso rappresenta un traino rilevante per il turismo incoming in Italia.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

22 gennaio 2019

Categorie:

Growth, Scaleup


Articoli correlati
reply