fintech

Collecto chiude round pre-seed da 750mila euro

La startup consente a chiunque di avvicinarsi agli investimenti in beni di lusso, il round vede la partecipazione di numerosi business angel

Pubblicato il 05 Feb 2024

I co-fondatori di Collecto

Collecto, startup che si propone di democratizzare l’accesso ai beni di lusso trasformandone il concetto di proprietà attraverso il crowdfunding, annuncia il completamento  di un round di investimento pre-seed da 750 mila euro. 

Il nuovo capitale servirà a investire nell’acquisizione di nuovi clienti e nella tecnologia, evolvendo ulteriormente la app da cui gli utenti possono acquistare quote di beni di lusso come  vini pregiati, opere d’arte, orologi di lusso e borse in tutta sicurezza.

“Siamo entusiasti per il successo del nostro round. La  fiducia dimostrata da investitori così importanti nel team e nella business idea ci riempie di  gratitudine e dimostra la validità del progetto. I primi risultati, dopo appena un mese dal lancio, hanno superato ogni nostra aspettativa. Un  caloroso “grazie” va ai nostri utenti, che ci affidano ogni giorno la loro fiducia. Il concetto di proprietà sta cambiando rapidamente e noi siamo pronti a emergere come  pionieri dell’innovazione nel settore con determinazione e impegno”, dice in una nota Giovanni Camisasca, co-fondatore della startup.

Pool di investitori

Il round è guidato da business angel, imprenditori e c-level come: Matteo Barcella, CEO di Brumbrum; Marco Bragadin, ex CEO ING Direct Italia; Camillo Candia, ex CEO Zurich italia; Manlio Costantini executive director Assist Digital; Paola Galbiati membro del CDA di Illimity bank, Mondadori, Unieuro; Stefano Gnocchi partner Fidiger (Pirola Pennuto Zei), Mark Iuliano ex calciatore; Giacomo Lorusso general manager Jakala; Andrea Manfredi, CEO SuperMoney; Marco Morfino managing partner Clearwater International; Marco Valioni CIO Nexi Payments;

WHITEPAPER
Sicurezza informatica: NIS2 e Regolamento DORA, cosa devono fare banche e aziende Fintech
InsurTech
Open Banking

Tra gli investitori, anche i partner di tre importanti studi legali: Enrico Troianiello partner  Dentons, Vincenzo Colarocco partner Studio Previti e Giovanni Alessi partner SAPG Legal.

Fondata nel 2023 da Giovanni Camisasca, Matteo Costantini e Salvatore Zola, la startup oggi, a pochi mesi dal lancio, ha all’attivo oltre 150mila euro in beni di lusso venduti tra orologi, opere d’arte, vini da collezione e borse, con circa settemila utenti iscritti alla  piattaforma. Tra i partner di Collecto si possono menzionare diversi esperti di settore che  supportano l’azienda nel trovare le migliori occasioni e certificare la bontà dei beni.

Collecto fraziona la proprietà di beni di lusso di grande valore in piccole quote, permettendo  così a più collezionisti di comprare insieme un bene e condividerne la proprietà. La startup  rivoluziona il settore passando da un mercato riservato a pochi scelti, a un mercato aperto e  trasparente, in cui più collezionisti uniscono le forze per accedere a beni esclusivi. Per il  collezionista tutto questo avviene in pochi clic grazie a molta tecnologia e la garanzia di un  processo fisico di gestione del bene professionale, dallo scouting, quindi ricerca e reperibilità,  fino alla sua vendita.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4