Come la tua startup può sopravvivere al coronavirus
Come la tua startup può sopravvivere al coronavirus

I consigli di Preston Byrne, editorialista di CoinDesk ed esperto legale, su come la startup può salvarsi dal coronavirus

Tra i diversi interventi che arrivano dalla rete in questi giorni a tema ‘coronavirus e startup’ quello di Preston Byrne, editorialista di CoinDesk, avvocato, esperto di temi legali ed economici del mondo startup e criptomonete, offre indicazioni pratiche su come una startup dovrebbe affrontare questo momento di crisi. Al netto di alcuni particolari passaggi che sono calati nel contesto US, in generale si tratta di una ‘to-do list’ molto utile per startup di ogni latitudine.

Questa settimana, faccio una piccola deviazione dai miei soliti temi legali, per parlare di un’azienda nel bel mezzo di una crisi globale, cosa che – fondamentalmente – comporta spinosi problemi legali.

Quello che tutti devono ricordare è che l’epidemia di coronavirus non è la fine del mondo. Questa non è la prima recessione del mondo e non sarà l’ultima. Non è la prima pandemia del mondo e non sarà l’ultima. La chiave per gli imprenditori è mantenere il sangue freddo, non fare niente di stupido (se non avete mai usato armi da fuoco, per esempio, ora non è il momento di acquisirne una e iniziare a portarla con voi mentre indossate una maschera antigas per le strade della città), e adottare un approccio bellico mentre guidate le vostre aziende in acque agitate per 12-18 mesi.

Mentre la crisi persiste, la vostra azienda avrà degli obblighi che è tenuta a rispettare. Quando la crisi si ritirerà e i tribunali riapriranno, la vostra azienda dovrà fornire un resoconto dei suoi obblighi e rispondere di tutti quelli che nel frattempo non ha adempiuto.

Ecco cosa fare:

1. Proteggete i vostri dipendenti

A mio parere, il primo compito dei fondatori non è quello di proteggere i loro investitori, ma piuttosto i loro dipendenti.

E’ vero che un dirigente d’azienda, un imprenditore, deve promuovere il successo dell’azienda stessa a beneficio dei suoi soci, che talvolta è/sono gli stessi fondatori, altre volte include dei soci di capitale, dei venture capitalist. Le scelte aziendali in queste due diverse situazioni possono essere però molto diverse e a volte conducono la startup a mettere al primo posto gli interessi degli investitori.

Nell’attuale situazione, dovete mettere al primo posto gli interessi dei vostri dipendenti, anche perché: (a) gli investitori in venture capital accettano un alto grado di fallimento come inevitabile; (b) non curarvi  dei vostri dipendenti  può causare la loro malattia o addirittura la morte, la possibile trasmissione a terzi e le conseguenze negative per la salute vostra, della vostra azienda e della società in generale.

In altre parole, gli investitori possono permettersi di perdere un po’ di soldi. I vostri dipendenti non possono permettersi di ammalarsi.

Ora, non la prossima settimana, non domani, ma oggi, è il momento di scrivere e pianificare l’attuazione di policy che prevedano l’interruzione dei viaggi del personale, lo scaglionamento dei pendolari al di fuori dall’orario di punta, la modifica dei permessi retribuiti per malattia e la copertura di invalidità, e lo smart working

Call4ideas CARDIF
Il Next Normal di Open-F@b?Call4Ideas. Proponi il tuo progetto innovativo!
Digital Transformation
Open Innovation

Comunicate queste politiche ai vostri dipendenti. Queste cose possono comportare una leggera riduzione della produttività o meno “face time” in ufficio, ma salveranno vite umane e proteggeranno la vostra forza lavoro. Persone con cui dovrete lavorare di nuovo, faccia a faccia, una volta che l’epidemia si sarà placata.

2. Ridurre il burn rate. Ora

Quando i sauditi hanno fatto cadere sui mercati Opec l’equivalente di un’arma nucleare, facendo crollare il prezzo di un barile di greggio Brent a 30 dollari, è diventato chiaro che l’emergenza del coronavirus avrebbe avuto conseguenze più ampie per l’economia statunitense, in primis, i fallimenti di molte compagnie petrolifere americane di medie dimensioni.

Queste compagnie saranno tra le vittime della prossima recessione. Se non si vuole diventare una statistica, bisogna assolutamente pianificare almeno un anno di condizioni commerciali altamente avverse.

Non aspettate che le cose cambino, né sperate che i mercati cambino; le precedenti epidemie a livello globale hanno richiesto 12-18 mesi di tempo per uscire completamente e, in assenza di un intervento farmacologico che renda l’epidemia di Coronavirus una malattia spiacevole ma non letale, dovreste pianificare per il prossimo anno un percorso molto accidentato.

Uffici costosi, pesi morti nel team – tutto questo deve finire ora. Non abbiate paura di fare scelte difficili.

3. Qualunque sia l’accordo, chiudetelo. Ora.

Per citare Ryan Selkis, “Il mercato del fundraising per le startup è appena stato bruciato. Il post “Black Swan” di Sequoia mette in allarme i negoziatori e porterà ad accordi di recesso, licenziamenti nelle startup e ad operazioni di M&A di società in difficoltà”.
In seguito a quanto sopra, se avete un affare sul tavolo – un’acquisizione o un investimento venture capital – a condizioni non ottimali ma comunque accettabili, prendetelo. Ora è il momento di andare avanti con decisione in termini di chiusura di qualsiasi transazione commerciale che faciliterà la sopravvivenza a breve termine della vostra azienda o qualsiasi ritorno di capitale per voi stessi o per i vostri investitori.
Lo stesso vale per la chiusura di nuovi clienti. Se avete solo 12-18 mesi di pista, iniziate a macinare sulle entrate – ora.

4. Rivedete la vostra assicurazione.

Se cercate una copertura specific per il coronavirus e la relativa business interruption, ho delle cattive notizie – probabilmente non la troverete, o è possibile che molti mercati che hanno coperto questo tipo di rischio possano fallire.

Questo non significa che non si sia coperti affatto o che non si debbano mettere in atto certi tipi di copertura. Se siete un’azienda in fase iniziale, probabilmente vorrete mettere in atto una copertura di base, ad esempio per la responsabilità civile generale che alcuni dei vostri contratti e contratti di locazione vi richiederanno di avere.

Se avete già un’assicurazione, verificate le vostre polizze. È possibile trovare una copertura in luoghi sorprendenti – e l’assistenza di un consulente può aiutarvi a scoprirla. Se riuscite a scoprire una polizza che copre una perdita legata al Coronavirus, prima di presentare un reclamo, assicuratevi di contattare un consulente legale prima di presentarlo per aumentare le probabilità di successo.

5. Rivedere e ristrutturare i vostri contratti.

Nell’ambito della revisione del vostro burn rate, date un’occhiata ai vostri contratti con i fornitori, ai contratti di locazione e ad altri contratti che vi costano molto e di cui potreste fare benissimo a meno. Se c’è una clausola di forza maggiore che vi permette di rescindere il contratto, considerate di farlo.

Se il coronavirus ha interferito con il contratto in modo tale che la sua esecuzione è stata resa essenzialmente impossibile, ci possono essere anche rimedi di diritto comune come la frustrazione o l’impossibilità (similmente a caso fortuito forza maggiore dell’ordinamento italiano, ndr). Possono anche esserci disposizioni esplicite di risoluzione anticipata direttamente applicabili,  se conoscete i termini dei vostri contratti, questo vi aiuterà a sapere quali sono le clausole che potete invocare e le possibilità di rescissione.

Anche se pensate di non poter o non volete rescindere un contratto, potrebbe valere la pena di rivolgersi alle vostre controparti per cercare di ristrutturare l’affare. Non otterrete un abbattimento dell’affitto né sarete liberati da un contratto a tempo determinato se non lo chiederete. Una trattativa concordata in anticipo è quasi sempre preferibile a un contenzioso  dopo il fatto.

6. Mettete in atto un piano di continuità gestionale

Agli occhi di un virus, un CEO e un tirocinante sono esattamente la stessa cosa; infatti, se il CEO è più anziano, è probabilmente più vulnerabile al virus rispetto a un numero maggiore di collaboratori junior.

Non date a una sola persona le chiavi dell’intero regno. Avere piani di disaster recovery e una catena di comando chiave in modo che se un membro del personale si ammala o muore, l’azienda possa continuare ad operare come un’azienda in attività. Eseguire il backup dei dati in più località geografiche.

Stay safe out there.

 

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

11 marzo 2020


Articoli correlati
Video Consigliati
reply