investimenti

Connected-Stories, quinto investimento di BlackSheep

La startup riceve due milioni di euro dal fondo specializzato in madtech per sviluppare messaggi pubblicitari personalizzati sfruttando l’intelligenza artificiale

12 Set 2022

BlackSheep MadTech Fund annuncia il suo quinto investimento. Il fondo di respiro europeo specializzato in investimenti in tecnologie digitali applicate ai settori digital marketing e advertising, gestito da Eureka! Venture SGR a poche settimane dopo l’ingresso in AdTonos, porta a termine una nuova operazione e investe 2 milioni di euro in Connected-Stories.

Connected-Stories è una piattaforma per la gestione della creatività ideata per la pubblicità video, che utilizza un sistema brevettato e supportato dall’intelligenza artificiale in grado di realizzare spot personalizzati in tempo reale basati sui dati, al fine di rendere gli annunci più pertinenti e ingaggianti. La piattaforma collabora con società specializzate come Dentsu e Omnicom, oltre a brand come McDonald’s, Audi, Mercedes, Bacardi, AT&T e Sky Broadcasting.

I player oggi attivi nel digital marketing utilizzano i dati principalmente per la pianificazione media e per il targeting del pubblico, meno invece per migliorare la creatività dei propri spot, nonostante quest’ultima costituisca il principale elemento di successo in una campagna. Tuttavia, con le trasformazioni in atto nel mercato per la tutela dei consumatori, come la progressiva eliminazione dei cookies di terza parte, l’ottimizzazione creativa dei contenuti è riemersa come una delle principali priorità per brand e agenzie. Secondo dati Ipsos, coloro che per primi riusciranno a dare vita a nuove modalità di digital marketing avranno il 21% in più di probabilità di attrarre i consumatori. Per cogliere questa opportunità saranno necessarie piattaforme di gestione creativa che forniscano supporto omnicanale, che abbraccino nuovi formati e che siano preparati per l’imminente perdita di cookie. Connected-Stories ha colto le future esigenze, posizionandosi tra i primi player a ottimizzare la creatività attraverso l’intelligenza artificiale. La società è infatti in grado di creare spot personalizzati per ogni utente utilizzando una vasta gamma di dati e declinandoli sulla base di diverse variabili, tra cui l’età, le preferenze, i device utilizzati per la fruizione dei contenuti e addirittura le condizioni meteo, differenziando spot che altrimenti sarebbero uguali per tutti gli utenti.

BlackSheep ha colto l’aspetto profondamente innovativo di Connected-Stories e le sue grandi potenzialità, trainate in primis dalle prospettive di espansione che la Connected TV ha già dimostrato. L’investimento sarà destinato a supportarne il progetto di crescita, prevedendo il continuo sviluppo della piattaforma e il rafforzamento nel mercato USA e europeo.

Umberto Bottesini, co-fondatore e managing partner di BlackSheep commenta in una nota: “Siamo lieti di poter supportare la crescita di Connected-Stories, una realtà innovativa che utilizza l’intelligenza artificiale per migliorare l’esperienza d’uso e la fruizione pubblicitaria di milioni di utenti nel mondo. Connected Stories offre agli inserzionisti una creatività estremamente ricca dal punto di vista del formato e per la prima volta realmente interattiva e personalizzata, massimizzando l’efficacia della comunicazione in termini di ricordo e call-to-action. Con questa operazione BlackSheep si è assicurata un’altra importante tessera del puzzle nel settore del digital marketing & advertising, ambito in costante crescita ed evoluzione anche in virtù delle novità attese, come l’eliminazione dei cookies, che Connected-Stories è già pronta ad affrontare”. (Photo by KAL VISUALS on Unsplash )

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4