Crowdfunding a impatto sociale, ecco cosa fa Teaming con 1 euro
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Crowdfunding a impatto sociale, ecco cosa fa Teaming con 1 euro

Quanto vale un euro? Per Teaming, la prima piattaforma di crowdfunding sociale nata in Spagna che raccoglie fondi attraverso micro donazioni, vale moltissimo: un euro alla volta ha già raccolto oltre 9.5 milioni e supportato 8.605 cause sociali.

Sviluppata da everis nel 2011 in Spagna, Teaming è la prima piattaforma online in cui tutte le associazioni no profit, ma anche privati che vogliono sponsorizzare un’iniziativa socialmente utile possono raccogliere fondi, mensilmente e a lungo termine. Infatti, una volta individuata la causa da supportare, si può decidere di donare 1€ al mese, né di più né di meno, proprio per rendere l’iniziativa il più possibile democratica e popolare e per sostenere nel tempo le associazioni nei costi di gestione. Teaming è un’iniziativa gratuita al 100%, ogni euro viene devoluto interamente alla causa, non viene trattenuta nessuna commissione, né costo di gestione.

Nata dall’idea di Jil Van Eyle, un ex manager di successo che a seguito della nascita di una figlia affetta da idrocefalia ha cominciato a interessarsi alla solidarietà arrivando poi a concepire l’idea di un sistema che permettesse a tutti di partecipare a iniziative sociali con un impegno minimo e sostenibile, che però se diffuso poteva creare molto valore. Da questa spinta ha preso vita Teaming Online, che ha individuato subito il partner bancario giusto (cioè che offrisse i propri servizi gratuitamente, senza chiedere nessun tipo di commissione) inizialmente in Banca Civica, poi in Banco Sabadell. Finché nel 2011 il coinvolgimento di everis ha permesso lo sviluppo della piattaforma di crowdfunding, fatto che ha permesso all’iniziativa di diffondersi maggiormente e scalare internazionalmente, prima in Francia e ora anche in Italia.

Ad oggi sono 8.605 i Gruppi Teaming che hanno inserito cause senza scopo di lucro da sostenere: questi possono essere fondazioni e altri enti senza scopo di lucro; privati che vogliono creare una campagna di raccolta fondi a favore di una causa a cui sono legati (famiglie che raccolgono fondi per l’associazione che li sta aiutando, persone legate ad un ente no profit….); o anche aziende che possono scegliere di raddoppiare l’importo che i propri dipendenti mensilmente versano.

I Teamers attivi che donano mensilmente ad oggi sono 210.690 e i soldi raccolti finora 9.605.734€, di cui 309.115€ solo in febbraio. Alcuni esempi di progetti sostenuti da Teaming sono: la Fondazione Alba Pérez che contribuisce a finanziare la ricerca sul sarcoma di Ewing portata avanti dall’Institututo Bellvitge Hospital di Barcellona ha raccolto 297.844€ grazie a 5.337 Teamers. I dipendenti dell’azienda Credito y Caucion invece hanno già raccolto 15.883€ per la Federazione del Banco Alimentare.

Qui il sito italiano di Teaming.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

16 marzo 2018

Categorie:

Must Read


Articoli correlati
Video Consigliati
reply