Cucula, la startup degli immigrati - Startupbusiness
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Cucula, la startup degli immigrati

La storia di un gruppo di persone sbarcate a Lampedusa che hanno fondato un’impresa a Berlino.

Si chiama Cucula, la startup che hanno creato un gruppo di rifugiati che, dopo essere scappati da guerre e fame, sono giunti in un rifugio per profughi di Berlino hanno cominciato a costruirsi da soli i mobili a loro necessari utilizzando le tecniche di auto-progettazione del designer italiano Enzo Mari.

Da qui i cinque ragazzi, grazie alla propria bravura, sono partiti per un nuovo viaggio, quello verso la loro nuova vita da imprenditori. Vendendo online, facendosi promozione sui social e con una campagna di crowdfunding, Cucula è diventato un nuovo marchio di design.

Costruiti anche con il legname dei barconi naufragati a Lampedusa, i pezzi di Cucula non sono solo oggetti, ma frammenti di storia. Li vedremo nei musei d’arte moderna.

Questo è il loro sito ufficiale. 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

02 dicembre 2015

Categorie:

Inspiration, Video

Tag:

design


Articoli correlati
Video Consigliati
reply