Investimento

Cybersecurity, Cyber Guru raccoglie 3,6 milioni di euro

Cyber Guru, la piattaforma italiana che offre alle imprese servizi formativi per imparare a difendersi dagli attacchi informatici, raccoglie un round di investimento da 3,6 milioni di euro in aumento di capitale, guidato da P101 con Azimut e Adara Ventures

09 Giu 2021

Cyber Guru, la piattaforma italiana che offre alle imprese servizi formativi per imparare a difendersi dagli attacchi informatici, raccoglie un round di investimento da 3,6 milioni di euro in aumento di capitale, guidato da P101 , attraverso il suo secondo veicolo P102 e il fondo di venture capital Italia 500, istituito da Azimut Libera Impresa e gestito in delega da P101. Il round è stato condotto in co-investimento con il venture capital spagnolo Adara Ventures.

Fondata da Gianni Baroni, la società nasce nel 2017 con l’obiettivo di contribuire a creare una cultura diffusa della sicurezza informatica. Cyber Guru è una piattaforma tecnologica innovativa che si rivolge a corporate di piccole, medie e grandi dimensioni per offrire ai loro dipendenti una conoscenza aggiornata e continua su tematiche riguardanti la cybersecurity. Sono infatti proprio gli utenti, con i loro comportamenti non corretti e inconsapevoli, a costituire il vettore primario utilizzato dalla criminalità informatica per insinuarsi all’interno delle organizzazioni: secondo il report di Ibm “Cost of a Data Breach” del 2020, il 24% delle violazioni dei dati è causato da errori umani, con in media un costo di 3,9 milioni di dollari e un tempo di 280 giorni per rimediare al danno subito. Attraverso percorsi di apprendimento che uniscono approcci formativi di carattere nozionistico ad altri di carattere esperienziale e induttivo, Cyber Guru è in grado di agire efficacemente sul fattore umano e trasformare l’anello debole della catena difensiva nella prima linea di protezione contro il cyber crime, con un miglioramento superiore al 400% nella resistenza al phishing, dopo soli dieci mesi dall’utilizzo del servizio.

La società ha visto nel 2020 una crescita significativa pari al 600% anno su anno, con la chiusura di più di 30 contratti con corporate e pubbliche amministrazioni, e con il lancio di una nuova soluzione formativa, il Cyber Guru Channel che, attraverso una metodologia di tipo induttivo, completa l’offerta arricchendo la piattaforma con contenuti inediti. Lo scorso anno Cyber Guru è inoltre risultata vincitrice ai Digital360Awards 2020 nella categoria cybersecurity grazie al progetto Cyber security awareness realizzato per il ministero del Lavoro. Con i fondi raccolti la società punta a consolidare la propria presenza sul mercato italiano e a espandersi su quello internazionale.

Per P101 l’operazione rappresenta un consolidamento all’interno dei settori dell’edtech e della cybersecurity che nel 2020 hanno conosciuto una forte espansione. La pandemia ha infatti da una parte accelerato la fruizione di servizi educativi digitali, ma, dall’altra, ha esposto sempre di più gli utenti al rischio di attacchi informatici. L’azione dei criminali cyber si è infatti concentrata sempre più sugli individui, che di fronte al fenomeno pandemico e alle sue principali conseguenze, come il massiccio ricorso allo smart working, si sono rivelati molto più vulnerabili di quanto le organizzazioni potessero immaginare. A conferma di ciò, secondo i dati dell’Osservatorio Information security & privacy della School of Management del Politecnico di Milano, ormai le aziende stanno investendo sempre di più sulla sicurezza informatica, destinando ad essa fino al 23% dell’intero budget dedicato agli investimenti in information technology. Sempre secondo l’Osservatorio, in particolare il mercato italiano della sicurezza informatica vale oggi 1,3 miliardi di euro, registrando una crescita del +11%. Un trend in linea con quanto afferma il report di PwC Global Digital Trust Insights 2021 secondo cui nel mondo i costi legati agli attacchi informatici cresceranno del 15% nel 2021 e il 55% dei dirigenti prevederà di aumentare gli investimenti in cybersecurity.

“La domanda di soluzioni di cybersecurity in Italia, così come all’estero, è ai massimi storici. Crediamo fortemente che l’education sia uno dei pillar fondamentali per prevenire frodi e attacchi informatici, per questo l’approccio innovativo di Cyber Guru e la sua recente crescita posizioneranno la società come futuro leader di mercato in questo settore in rapido sviluppo” commenta in una nota Giuseppe Donvito, partner di P101.

“Siamo lieti di collaborare con Gianni e il team di Cyber ​​Guru, che segna il nostro primo investimento in Italia. Fin da subito siamo rimasti colpiti dalla profonda conoscenza del settore da parte di Gianni e dalla sua strategia di prodotto, in grado di trasformare i dipendenti delle aziende nella prima linea di difesa contro gli attacchi informatici. Non vediamo l’ora di contribuire all’espansione a livello internazionale della società”, aggiunge Alberto Gómez, managing partner di Adara Ventures.

“L’obiettivo delle nostre innovative soluzioni di formazione – spiega Gianni Baroni, amministratore delegato di Cyber Guru è quello di far crescere il livello di consapevolezza degli utenti nell’uso delle tecnologie digitali, aumentando la resistenza degli individui e delle organizzazioni agli attacchi cyber. L’efficacia comprovata delle nostre soluzioni è strettamente legata alla capacità di coinvolgere e motivare l’utente in un percorso di sviluppo individuale i cui benefici si trasmettono anche alla sua dimensione professionale”.

Photo by Sigmund on Unsplash

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4