Dice l'esperto: la mascherina può fermare il coronavirus
Dice l’esperto: la mascherina può fermare il coronavirus

Se l’80% delle persone indossassero la mascherina, la trasmissione del coronavirus potrebbe essere interrotta, le ragioni spiegate da un esperto

Jeremy Howard, Distinguished Research Scientist presso l’Università di San Francisco, ed è uno dei 100 accademici del mondo che hanno presentato una lettera aperta a tutti i governanti del mondo affinché venga resa obbligatoria come misura di prevenzione contro il Covid-19.

Il professore ha scritto questo articolo su The Conversation (in calce i riferimenti all’articolo originale) in cui spiega perché in questa pandemia indossare la mascherina sia un comportamento fondamentale per abbattere le possibilità di circolazione del virus e il contagio. Qui di seguito il suo pensiero.

Sono uno scienziato dei dati dell’Università di San Francisco e tengo corsi online di machine learning per fast.ai. Alla fine di marzo ho deciso di cominciare a utilizzare la maschera in pubblico, anche come caso di studio per mostrare ai miei studenti come combinare e analizzare diversi tipi di dati e prove.

Con mia grande sorpresa, ho scoperto che le prove a favore dell’uso della mascherina in pubblico erano molto forti e confermavano che l’uso universale della maschera potesse essere uno degli strumenti più importanti per affrontare la diffusione di COVID-19. Eppure le persone intorno a me non indossavano maschere e le organizzazioni sanitarie negli Stati Uniti non ne raccomandavano l’uso.

Io, insieme ad altri 18 esperti di diverse discipline, ho condotto una revisione della ricerca sull’uso delle maschere pubbliche come strumento per rallentare la diffusione della SARS-CoV-2. Abbiamo pubblicato una preprint del nostro lavoro il 12 aprile ed è ora in attesa di una revisione tra pari presso gli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Da allora, ci sono state molte altre recensioni a sostegno dell’uso della maschera.

Il 14 maggio, io e 100 dei migliori accademici del mondo abbiamo pubblicato una lettera aperta a tutti i governatori degli Stati Uniti, chiedendo che “i funzionari richiedono che le maschere di tessuto siano indossate in tutti i luoghi pubblici, come i negozi, i sistemi di trasporto e gli edifici pubblici”.

Attualmente, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano che tutti indossino una maschera – così come i governi che coprono il 90% della popolazione mondiale – ma, finora, solo 12 stati degli Stati Uniti la richiedono. Nella maggior parte degli altri Stati, la raccomandazione del CDC non è stata sufficiente, la maggior parte delle persone attualmente non indossa maschere. Tuttavia, le cose stanno cambiando rapidamente. Ogni settimana sempre più giurisdizioni richiedono l’uso della maschera in pubblico. Mentre scrivo questo, ci sono ora 94 paesi che hanno fatto questa mossa.

Allora, qual è questa prova che ha portato me e tanti scienziati a credere così fortemente nelle maschere?

Le prove

La ricerca che per prima cosa mi ha convinto è stata un esperimento di diffusione della luce laser. I ricercatori degli Istituti Nazionali di Sanità hanno usato i laser per illuminare e contare quante gocce di saliva sono state lanciate in aria da una persona che parlava con e senza maschera. Il documento è stato pubblicato ufficialmente solo di recente, ma ho visto un video su YouTube che mostrava l’esperimento all’inizio di marzo. I risultati sono sorprendentemente evidenti nel video. Quando il ricercatore ha usato una semplice maschera facciale di stoffa, quasi tutte le gocce sono state bloccate.

Questa prova è rilevante solo quando il COVID-19 è trasmesso da goccioline provenienti dalla bocca di una persona. Lo è. Ci sono molti casi documentati di superdiffusione legati ad attività – come il canto in spazi chiusi – che creano molte goccioline.

L’esperimento di diffusione della luce non può vedere “micro-gocce” che sono più piccole di 5 micron e potrebbero contenere alcune particelle virali. Ma gli esperti non pensano che queste siano responsabili della trasmissione di COVID-19.

Un altro recente studio ha dimostrato che le maschere chirurgiche sono efficaci al 100% nel bloccare il coronavirus stagionale nelle goccioline espulse durante la respirazione.

Se solo le persone con sintomi infettassero gli altri, allora solo le persone con sintomi avrebbero bisogno di indossare le maschere. Ma gli esperti hanno dimostrato che le persone senza sintomi rappresentano un rischio di contagio per gli altri. Infatti, quattro studi recenti dimostrano che quasi la metà dei pazienti è infettata da persone che non hanno sintomi.

Questa prova mi sembra chiara e semplice: COVID-19 è diffuso da goccioline. Possiamo vedere direttamente che un pezzo di stoffa blocca quelle goccioline e il virus che contengono. Le persone senza sintomi che non sanno nemmeno di essere malate sono responsabili di circa la metà della trasmissione del virus.

Dovremmo tutti indossare delle maschere.

Controcorrente

Dopo aver esaminato tutte queste forti prove alla fine di marzo e all’inizio di aprile, mi sono chiesto perché l’uso della maschera fosse controverso tra le organizzazioni sanitarie del mondo occidentale. I CDC statunitensi ed europei non hanno raccomandato l’uso di maschere, e non lo ha fatto quasi nessun governo occidentale ad eccezione di Slovacchia e Cecenia, che hanno entrambi richiesto l’uso di maschere alla fine di marzo.

Penso che ci fossero tre problemi chiave.

Il primo era che la maggior parte dei ricercatori si poneva la domanda sbagliata: quanto bene una maschera protegge chi la indossa dall’infezione e non quanto bene una maschera impedisce a una persona infetta di diffondere il virus. Le maschere funzionano in modo molto diverso come dispositivi di protezione individuale (DPI) rispetto al controllo alla fonte del contagio.

Le maschere sono molto brave a bloccare le gocce più grandi e non altrettanto brave a bloccare le particelle più piccole. Quando una persona espelle le goccioline nell’aria, esse evaporano rapidamente e si restringono fino a diventare minuscole particelle trasportate dall’aria chiamate nuclei di goccioline. Queste sono estremamente difficili da rimuovere dall’aria. Tuttavia, nell’atmosfera umida tra la bocca di una persona e la sua maschera, ci vuole quasi cento volte tanto tempo perché una gocciolina evapori e si restringa in un nucleo di goccioline.

Questo significa che quasi ogni tipo di semplice maschera di stoffa è ottima per il controllo della sorgente del contagio (ndr. cioè per evitare che chi la indossa contamini gli altri). La maschera crea umidità, questa umidità impedisce alle goccioline contenenti virus di trasformarsi in nuclei di goccioline, e questo permette al tessuto della maschera di bloccare le goccioline.

Purtroppo, quasi tutte le ricerche disponibili all’inizio di questa pandemia si sono concentrate sull’efficacia della maschera come DPI. Questa misura è molto importante per la protezione degli operatori sanitari, ma non ne coglie il valore come controllo alla fonte. Il 29 febbraio, il chirurgo generale statunitense ha twittato che le maschere “NON sono efficaci nell’impedire al pubblico di prendere #Coronavirus”. Questo ha mancato il punto chiave: sono estremamente efficaci nel prevenire la sua diffusione, come ha dimostrato la nostra recensione della letteratura.

Il secondo problema è che la maggior parte dei ricercatori medici è abituata a giudicare gli interventi sulla base di studi controllati a campione. Queste sono le basi della medicina basata sull’evidenza. Tuttavia, è impossibile, scorretto,  testare l’uso della maschera, il lavaggio delle mani o l’allontanamento sociale durante una pandemia.

Esperti come Trisha Greenhalgh, l’autrice del libro di testo best-seller “Come leggere una pubblicazione scientifica: i fondamentali della medicina bsata sulle prove”, si chiede ora: “La medicina basata sulle prove è la nemesi della Covid-19? Lei e altri suggeriscono che quando un semplice esperimento trova prove a sostegno di un intervento e che l’intervento ha un limitato svantaggio, i responsabili politici dovrebbero agire prima che uno studio randomizzato sia fatto.

Il terzo problema è che c’è una carenza di maschere mediche in tutto il mondo. Molti politici erano preoccupati che raccomandare coperture per il viso per il pubblico avrebbe portato la gente ad accumulare maschere mediche. Questo ha portato ad una guida apparentemente contraddittoria, dove il CDC ha detto che non c’era motivo per il pubblico di indossare le maschere, ma che le maschere dovevano essere salvate per gli operatori sanitari. Il CDC ha ora chiarito la sua posizione e raccomanda l’uso pubblico di maschere fatte in casa, conservando al contempo maschere di qualità superiore per i professionisti del settore medico.

Risultati dell’uso della maschera

Ci sono numerosi studi che suggeriscono che se l’80% delle persone indossano una maschera in pubblico, allora la trasmissione COVID-19 potrebbe essere interrotta. Fino a quando non si scoprirà un vaccino o una cura per COVID-19, le maschere facciali potrebbero essere lo strumento più importante che abbiamo attualmente a disposizione per combattere la pandemia.

Date tutte le prove di laboratorio e le prove epidemiologiche, il basso costo di indossare le maschere – che può essere fatto a casa senza strumenti – e il potenziale di rallentare la trasmissione di COVID-19 con l’uso su larga scala, i responsabili politici dovrebbero garantire che tutti indossino una maschera in pubblico.

 

Jeremy Howard, Distinguished Research Scientist, University of San Francisco

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

21 Maggio 2020

Categorie:

#Coronavirus, Must Read


Articoli correlati
Video Consigliati
reply