ecosistema

E4Impact, l’acceleratore per le startup africane

Il programma della Fondazione E4Impact per l’Università Cattolica è finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo con 2,7 milioni di euro

23 Mag 2022

E4Impact Accelerator, il programma della Fondazione E4Impact per l’Università Cattolica finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS), annuncia di avere accelerato 26 nuove startup africane e di averne incubate 12.

La Fondazione che ha sede a Nairobi in Kenya ha scelto le 26 imprese preferendo i settori dell’agri processing, quindi la lavorazione e trasformazione di prodotti provenienti dall’agricoltura, dalla silvicoltura, dall’allevamento o dalla pesca e poi quello  della sostenibilità e del manufacturing  ma anche quelli del tech e quelle attive nel fashion e design e nella pelletteria. Le 12 startup incubate, invece, operano in ambito fintech, B2B Saas, nel settore energetico, agricolo e della trasformazione della frutta.

E4Impact Accelerator è stato lanciato nel 2018 dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano con la Fondazione E4Impact  impegnata nella promozione di programmi di imprenditoria a forte impatto sociale in Africa grazie al contributo di AICS, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di startup e Pmi locali attraverso attività di formazione personalizzate, sostegno nell’accesso ai mercati e networking per facilitare l’incontro delle imprese con investitori africani e internazionali e aziende italiane.

Nel dettaglio, si tratta di un programma della durata di un anno che mira a supportare le startup favorendo l’attività di training, partnership con imprese italiane, accesso ai mercati italiani, presenza nei social media, uffici a Nairobi, servizi professionali, seed grant e supporto nel fund-raising.

Finora E4Impact Accelerator ha lavorato con 40 imprese attive in diversi settori, privilegiando quelle che operano negli ambiti che meglio potrebbero favorire l’incontro tra esigenze locali ed eccellenze italiane, in particolare l’agri-food, il settore dell’edilizia e delle costruzioni e i business green e sostenibili.

Recentemente, il programma è diventato centro di eccellenza per l’impresa in Kenya grazie al finanziamento da 2,7 milioni di euro concesso dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo per sostenere l’imprenditorialità in Africa.

Siamo felici di poter continuare a supportare la nascita e la crescita di startup e imprese in Africa – dice in una nota Mario Molteni, CEO di E4Impact e delegato del Rettore ai rapporti con le imprese dell’Università Cattolica. Il supporto all’imprenditoria, in particolare in un territorio complesso come quello africano, è ancor più importante soprattutto in un momento come questo, dove alle difficoltà generate dalla diffusione della pandemia sono seguite quelle determinate dall’avvio del conflitto in Ucraina che, come ha rilevato un recente studio della Banca Mondiale, si aggiunge ai fattori che frenano la ripresa, come l’aumento dei prezzi delle materie prime, dei beni di prima necessità e dei combustibili, oltre all’inasprimento delle condizioni finanziarie globali e la contrazione dei flussi di capitali esteri alla regione. Grazie al nostro lavoro e con il sostegno dei nostri partner, vogliamo dare il nostro contributo per invertire questo trend e consentire ai nostri partner di poter continuare a crescere, creare lavoro e generare valore”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3