Ecco come le startup stanno cambiando il Giappone
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Ecco come le startup stanno cambiando il Giappone

Tim Romero è l’autore di Disrupting Japan considerato punto di riferimento dell’ecosistema delle startup giapponesi e in questo articolo per Startupbusiness racconta come il Paese del Sol Levane vive una nuova stagione di cambiamento e perché le startup sono importanti in questo processo

Le startup stanno già cambiando il Giappone. Il Paese sta cambiando in modi che il governo ancora non approva completamente e in modi che gli osservatori esterni e a volte anche i giapponesi stessi non capiscono completamente.

Ho avviato quattro startup nei 25 anni in cui sono stato in Giappone, e i cambiamenti che ho visto in quel periodo sono stati stupefacenti, ma ora si stanno gettando le basi per qualcosa di molto più trasformativo.

Grazie al mio lavoro nelle startup e a Disrupting Japan, sono fortunato a poter lavorare con alcune delle persone più innovative e creative del Giappone come investitore, consulente o spesso solo come amico.

Il Giappone non è esattamente sotto i riflettori in questo periodo. La Cina è più grande, più dinamica e cresce più velocemente. Singapore è più semplice e più accessibile. Ma il Giappone è più importante e molto più interessante.

Anche gli stessi giapponesi a volte considerano la società giapponese come poco creativa o inflessibile, ma questo è sbagliato. La scena delle startup giapponesi è molto più ricca e dinamica di quanto solitamente si immagini.

Per capire il mito dell’inflessibilità giapponese, dobbiamo fare un passo indietro di circa 150 anni; all’inizio del periodo Meiji. A quel punto il Giappone aveva trascorso centinaia di anni in isolamento come economia feudale quasi completamente chiusa all’influenza straniera. Ma l’inizio della fine di questa era arrivò nel 1853 con l’arrivo del commodoro Perry e di quattro grandi navi da guerra americane.

Nel 1868 il governo giapponese capì il loro schiacciante svantaggio economico e militare e prese la decisione di trasformare radicalmente tutto ciò che riguardava il Giappone per modernizzarlo. Il Giappone si reinventava, trasformando radicalmente il sistema educativo, il sistema giuridico, l’esercito e il governo. Anche la lingua giapponese e la storia giapponese sono state riviste e aggiornate.

I decenni successivi videro rapidi progressi nel potere economico, politico e militare. Questo portò il Giappone non solo a conquistare un flusso costante di vittorie militari sulla Cina, ma anche a sconfiggere in modo decisivo la Russia sotto lo zar Nicola nel 1905. Un Giappone appena modernizzato aveva sconfitto una delle grandi potenze mondiali.

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Purtroppo, il militarismo e il nazionalismo nati da questa espansione economica hanno portato a sofferenze inimmaginabili. È qualcosa che quasi 100 anni dopo, il Giappone e il resto dell’Asia stanno ancora cercando di affrontare.

Tuttavia, questa espansione dimostra la straordinaria capacità di adattamento del Giappone. In meno di 40 anni il Giappone si è trasformato da un arretrato tecnologico, diplomatico ed educativo; da una nazione che era letteralmente centinaia di anni indietro rispetto ai tempi, in una nazione che ha sconfitto una delle superpotenze del mondo.

Questa non è una cultura incapace di cambiare. Un Paese che si reinventa completamente e diventa una superpotenza globale in pochi decenni non era mai successo prima, ma qualcosa di molto simile sarebbe successo di nuovo.

La sconfitta del Giappone nella Seconda Guerra Mondiale è stata totale. Molti degli economisti che lavoravano con le forze di occupazione americane pensavano che il Giappone non sarebbe mai stato in grado di riprendersi. La devastazione economica era troppo grande e l’esperienza del Giappone nel commercio moderno era troppo limitata per diventare un’economia moderna.

Oggi sappiamo quanto quegli economisti si sbagliavano di grosso. Il Giappone si è allontanato dal militarismo e si è concentrato sulla democrazia e sulla crescita economica. Ancora una volta, in un periodo di pochi decenni, il Giappone si è trasformato da un paese con quasi nessuna infrastruttura funzionante e nessun mercato economico rilevante, nella seconda economia più grande del pianeta.

Questo non è un Paese incapace di cambiare.

Il dopoguerra ha visto i primi veri imprenditori globali del Giappone. Persone come Soichiro Honda della Honda e Akio Morita della Sony. In quell’epoca il Giappone non era favorevole alle startup. Il governo decideva la politica economica e quali aziende ricevevano finanziamenti per la ricerca e, in larga misura, decideva quali aziende avrebbero potuto competere sul mercato interno.

Così Honda e Sony si resero conto di doversi sviluppare a livello globale.

I lettori più giovani potrebbero non rendersi conto di quanto fossero innovative queste aziende.

Morita era visionario al pari di Steve Jobs e combattente strategico al pari di Richard Branson, ma una generazione prima. Sony è stata la società che per prima ha commercializzato la radio a transistor, che ha inventato il tubo Trinitron per i televisori a colori, il nastro audio digitale, il Walkman e il floppy disk da 3,5 pollici.

Queste aziende imprenditoriali hanno avuto successo all’estero prima dei loro enormi successi in Giappone, e così facendo hanno definito la strada per le generazioni di imprenditori giapponesi che si sono succedute.

Questo ci riporta ai giorni nostri. All’inizio del XXI secolo, il Giappone si trova ad avere bisogno di un cambiamento sociale tanto ampio e profondo quanto la ricostruzione del dopoguerra del XX secolo e il restauro Meiji del XIX secolo.

Cresce il consenso a livello nazionale sul fatto che il futuro è nelle piccole imprese innovative e indipendenti e che i grandi conglomerati appartengono al passato. Tuttavia, nel tentare il suo terzo miracolo economico, il Giappone si trova ad affrontare una sfida che non ha avuto nei due precedenti. L’innovazione, quasi per definizione, deve venire dal basso.

I due miracoli economici del Giappone del passato sono stati in gran parte il risultato di politiche dall’alto verso il basso. Sono stati progettati dal governo centrale ed eseguiti attraverso un’efficiente gerarchia sociale e industriale. Questa strategia non funzionerà questa volta.

Naturalmente, le vecchie abitudini e le vecchie gerarchie sono dure a morire. Molte delle vecchie guardie non vogliono uscire dalla ribalta. Proprio come i samurai 150 anni fa, i dirigenti, i burocrati e gli accademici di oggi non rinunceranno volontariamente al loro potere. Molti vedono con estremo sospetto questi giovani, scarsamente finanziati, fondatori di startup.

Tuttavia, proprio come i samurai 150 anni fa, questi scettici stanno combattendo una battaglia persa.

I finanziamenti alle startup giapponesi sono aumentati di oltre l’800% negli ultimi cinque anni, e la creazione di startup è al più alto livello della storia. Anche gli atteggiamenti sociali stanno cambiando. Non solo i laureati delle migliori università giapponesi rifiutano sempre più spesso le offerte delle grandi aziende per fondare o lavorare nelle startup, ma scuole come l’Università di Tokyo hanno creato fondi di capitale di rischio per accelerare questo cambiamento.

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

Il Giappone ha già iniziato a cambiare. Nuovamente.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

10 gennaio 2020

Scritto da:

Tim Romero

Categorie:

Must Read


Articoli correlati
reply