Ecco le prime 5 startup scelte dal programma Bocconi for innovation - Startup Business
Ecco le prime 5 startup scelte dal programma Bocconi for innovation

Bocconi for innovation, il progetto dell’Università Bocconi che è stato lanciato a dicembre 2019 e di cui abbiamo scritto nel dettaglio qui da il via al suo primo programma di accelerazione scegliendo cinque startup.

“Siamo lieti di aver potuto inaugurare il programma di accelerazione di B4i in remoto con gli imprenditori che guidano le cinque startup selezionate – dice a Startupbusiness Nico Velenti Gatto, direttore operativo di Bocconi for Innovation – . Di queste, una ha sede a Padova, una a Roma e tre a Milano, di cui una con operazioni in Tanzania. Con tre co-fondatrici su cinque team selezionati, riscontriamo inoltre una percentuale alta di imprenditrici. Dei tre verticali di riferimento, contiamo due startup in digital tech, due in made in Italy e una nell’ambito sustainability. Le nostre aspettative sono di sostenere gli imprenditori con cui lavoriamo nel prendere le migliori decisioni possibili per lo sviluppo delle loro aziende, e di aiutarli a trovare opportunità di business e investitori. I principali criteri di selezione sono stati qualità ed esperienza del team e l’attrattività della proposta di valore e del mercato a lungo termine. Gli obiettivi di B4i sono di attrarre il più alto numero possibile di imprenditori di talento e ambizione, offrendo un mix di formazione e risorse per lo sviluppo dei loro progetti. Inoltre B4i facilita opportunità di business development per startup e grandi aziende“.

Le cinque startup selezionate sono Doctors in Italy, Duing, Endelea, ViamadeinItaly, Qi4M, che sono state selezionate partendo da oltre 200 proposte nella prima fase di “call to action”, le cinque finaliste ottengono 30 mila euro ciascuna e un percorso gratuito di accelerazione della durata di quattro mesi.

I cinque progetti sono stati scelti in base a innovatività dell’idea imprenditoriale, qualità del team di fondatori, capacità di soddisfare il mercato e attinenza con le tre aree di specializzazione nelle quali ha deciso di strutturarsi B4i – Bocconi for innovation, ovvero: digital tech, sostenibilità e made in Italy. 

Duing è la piattaforma online di recruiting che collega le aziende ai giovani talenti, sfruttando l’interazione e l’impegno; Doctors in Italy sviluppa il servizio di pronta assistenza medica per turisti internazionali in Italia, che durante l’emergenza Covid-19 ha focalizzato lo sviluppo del pivot Tivisito.it; Qi4M è soluzione di Intelligenza Artificiale al servizio dell’automazione e della semplificazione delle scelte di investimento per le aziende. Queste le tre che rientrano nell’area digital tech che è coordinata da Massimo Della Ragione. Nell’area made in Italy che fa capo al lavoro di coordinamento di Gabriella Lojacono c’è ViamadeinItaly che si propone come piattaforma a supporto di artigiani e produttori italiani che punta ad aiutarli a trovare nuovi acquirenti e clienti in tutto il mondo della vendita al dettaglio. Infine per l’area sostenibilità coordinata da Stefano Pogutz e dedicata ai progetti che possono spaziare dalla circular economy al futuro della mobilità passando per le smart city, è stata selezionata Endelea, e-commerce che propone capi e accessori dai colori vibranti, realizzati con tessuti wax tipicamente africani, ma con un design e gusto europeo.

Bocconi for innovation ha già stretto partnership partnership operative come quelle con l’Istituto italiano di tecnologia (IIT), il Politecnico di Milano, l’Università degli studi di Milano, Plug and Play e HenkelX e vede il diretto coinvolgimento anche di Markus Venzin, prorettore all’Innovazione dell’Università Bocconi che in una nota afferma: “Siamo entusiasti di iniziare il programma di accelerazione per startup di Università Bocconi, una istituzione accademica nota in tutto il mondo per la competenza della sua alta attività formativa e già fucina di talenti imprenditoriali. Con B4i speriamo di scrivere tante altre storie di grande successo, per l’Italia, e da esportare in tutto il mondo”.

 

Photo by Chris Hahn on Unsplash

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

26 Aprile 2020

Categorie:

Must Read


Articoli correlati
reply