Investimenti

Enerbrain chiude un round da 5,2 milioni di euro guidato da Edf

Il corporate venture capital della francese Edf guida il round di investimento in Enerbrain a cui partecipano anche Cross Border Growth Capital, Iren Equiter, Azimut e Gellify

31 Lug 2021

Enerbrain, scaleup di Torino che ha sviluppato un sistema per l’efficienza energetica degli edifici chiude un round da 5,2 milioni di euro.

La notizia è stata diffusa da Cross Border Growth Capital che ha agito come unico advisor finanziario di Edf (Electricity of France), multinazionale francese di servizi elettrici con 70 miliardi di euro di ricavi e 37,9 milioni di siti clienti.

Edf Pulse Croissance, il fondo di corporate venture capital del Gruppo Edf; ha guidato il round a cui hanno partecipato Iren, la multiutility italiana che opera nei settori dell’elettricità, del calore e del gas; Equiter Rif-T, investitore e consulente finanziario verticale nel settore delle infrastrutture e dell’innovazione; il Fondo Digitech di Azimut Libera Impresa, il primo fondo di venture capital nel settore B2B digitale italiano e Gellify piattaforma di innovazione che mette in contatto le startup B2B ad alta tecnologia con le aziende tradizionali per innovarne i processi.

Con questo round, Enerbrain raccoglie i capitali necessari per attuare un ambizioso piano industriale 2021-23 volto a rafforzare la propria posizione sul mercato internazionale, a sviluppare nuovi modelli di business e a realizzare importanti investimenti in ricerca e sviluppo.

Il round arriva sulla scia di un anno record per Enerbrain, che ha visto i suoi ricavi crescere di oltre il 300% anno su anno e, che ora vanta un team interdisciplinare di oltre 50 persone.

“Investendo in Enerbrain, il gruppo Edf riafferma il suo impegno a contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico attraverso soluzioni concrete e scalabili che possono essere rapidamente implementate per aiutare tutti i settori dell’economia a raggiungere una maggiore sobrietà ed efficienza energetica”, dice in una nota Michel Vanhaesbroucke, direttore generale di Edf Pulse Croissance.

Fabio Mondini de Focatiis, fondatore e Ceo di Cross Border Growth Capital e Andrea Casati, vice presidente di Cross Border Growth Capital che ha guidato il team a supporto di Edf, dichiarano: “L’investimento di una multinazionale straniera come Edf, uno degli investitori corporate più attivi in Europa con oltre 250 milioni di euro investiti in una ventina di startup, rappresenta un segnale positivo di crescita, interesse e attrattività verso l’ecosistema italiano del venture capital formato da aziende di successo come Enerbrain”. (Photo by the blowup on Unsplash )

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4