investimenti

H-Cube raccoglie 180mila euro da Archangel

La startup che sviluppa tecnologie di smart clothing per atleti e sportivi ha chiuso un round seed con Archangel Adventure

25 Mag 2022

H-Cube, startup con sede a Torino che sviluppa tecnologie per lo smart clothing, annuncia di avere chiuso un round seed del valore di 180mila euro con Archangel Adventure

L’operazione porterà la startup a un nuovo livello di sviluppo delle sue soluzioni tecnologiche pensate per accompagnare gli sportivi nei loro allenamenti, dando suggerimenti mirati anche in tempo reale.

H-Cube, costituita nel 2021, ha sviluppato un algoritmo di elaborazione dei dati biometrici in grado di dare vita a una nuova generazione di sensori, detti patch, intelligenti per il monitoraggio degli allenamenti dell’atleta, rilevando alcuni parametri fisici come la temperatura corporea, il ritmo respiratorio, il battito cardiaco, la variabilità cardiaca.

H-Cube ha già realizzato un prototipo di maglietta tecnica al cui interno è inserita una patch che misurerà i parametri dell’atleta sia nella fase di allenamento sia in quella di riposo. La patch, realizzata interamente in tessuto, è infatti rimovibile e può essere applicata su diversi modelli di t-shirt e capi d’abbigliamento sportivi. I dati raccolti dalla patch vengono analizzati e presentati all’atleta tramite una dashboard di consultazione, suggerendogli tempi di recupero fisiologici correlati all’allenamento svolto e i percorsi di training ottimale in funzione agli obiettivi prefissati.

Ciro Di Carluccio, CEO di Archangel Adventure, commenta in una nota: “L’operazione è la conferma del contributo che un investitore come Archangel Adventure può fornire all’innovazione in fase embrionale. H-Cube utilizzerà i fondi raccolti per proseguire lo sviluppo tecnologico del software della propria soluzione, nonché per accedere a un percorso di accelerazione che possa rafforzare il proprio modello di business e ottimizzare l’esperienza utente di un prodotto unico che siamo certi sarà di grande successo”.

La startup, candidata ad acquisire lo status di spin-off del Politecnico di Torino, è guidata dal CEO Federico Izzo e può contare su un team di sei persone con competenze multidisciplinari, il team è infatti composto da ingegneri, atleti e figure commerciali e di business.

Il mercato di riferimento, quello dello smart clothing, è in forte espansione. I numeri più recenti parlano di un una valutazione internazionale complessiva di circa 2 miliardi di dollari, di cui 325 milioni appannaggio dell’Europa e con un tasso di crescita annuale del 25%. In particolare, H-Cube opererà in un segmento di questo mercato dedicato allo sviluppo di soluzioni wearable per applicazioni sportive (fonti: Statista e Business Market Insights).

“La nostra missione è arrivare a fine 2022 con un prodotto validato e testato da un pool di atleti professionisti selezionati e afferenti a diversi ambiti sportivi. L’obiettivo è intercettare le esigenze dei clienti e proporre uno strumento chiave nel processo di miglioramento delle performance”, afferma Federico Izzo, CEO di H-Cube. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2