Foodtech

Heura, la sua carne vegana piace e vola il fatturato

Fatturato di 31,4 milioni di euro nel 2022, in crescita dell’80% rispetto ai 17,7 milioni di euro del 2021. La scaleup spagnola fondata dagli attivisti alimentari Marc Coloma e Bernat Añaños, ha un successo internazionale. in Italia aumentato le vendite del 240%

Pubblicato il 02 Mar 2023

Il 2022 è stato un anno cruciale per Heura, durante il quale siamo passati dall’essere i leader del movimento plant-based in Spagna a rafforzare il nostro impatto fuori dalla nostra nazione di oltre il 260%.” ha commentato Marc Coloma, co-founder e CEO di Heura. “Rappresentando quasi il 40% delle vendite, le nostre innovazioni più recenti – come il chorizo, la salsiccia e la cotoletta impanata a base vegetale – sono state accolte con grande entusiasmo in tutta Europa, dimostrando l’impatto concreto dell’impegno che ogni giorno mettiamo in atto per creare alimenti che rispondano al gusto dei nostri consumatori e che rinnovino le loro tradizioni culinarie preferite.

La risposta europea a Beyond Meat e in controtendenza rispetto ad essa: l’azienda statunitense che produce sostituti per la carne e prodotti caseari a base di vegetali, ha registrato nel quarto trimestre del 2022 un calo del 20,6% anno su anno. Mentre Heura, già leader in Spagna, ad allargarsi in tutta Europa con un solido standing, diventando il marchio con il più alto livello di riacquisto nella categoria con un tasso di oltre il 50%, in crescita del 75% anche con i punti vendita globali , praticamente raddoppiati, passando lo scorso anno da 13.000 a 22.700.

La ricetta, è il caso di dirlo, di Heura è un mix di tecnologia alimentare, risposta a nuovi stili di vita e alimentari, strategia commerciale. Sotto quest’ultimo punto possiamo citare le nuove partnership con servizi di ristorazione come Poke House (Italia), Domino’s Pizza (Spagna), Dishoom (Regno Unito), e New School Tacos (Francia).

Fatturato di 31,4 milioni di euro nel 2022 per la carne vegetale

Heura copre l’80% della crescita dell’intera categoria plant-based in Spagna, mentre nel resto di Europa si allarga progressivamente: nel 2020 soltanto il 6% delle vendite della start-up veniva registrato al di fuori della Spagna, nel 2021 questo stesso dato è cresciuto fino ad arrivare al 12%, raggiungendo nel 2022 addirittura il 23%.

WHITEPAPER
Crowdfunding immobiliare, 10 piattaforme digitali dove raccogliere fondi per l'edilizia
Smart building
Real Estate

Nel Regno Unito la start-up ha chiuso il 2022 aumentando di sei volte la disponibilità dei suoi prodotti grazie al suo ingresso in Waitrose, mentre in Francia ha aumentato le opzioni di alimenti plant-based in importanti rivenditori come Super U e Casino Géant, contribuendo al 30% della crescita della categoria nel Paese. Lo scorso anno Heura ha inoltre aumentato le vendite in Italia del 240% e ha messo radici anche nella regione DACH, approdando nei principali rivenditori Billa (Austria) e Migros (Svizzera).

La tecnologia alimentare

Nel 2022 Heura ha lanciato Good Rebel Tech (G.R.T.), un nuovo approccio alla tecnologia alimentare che riesce a offrire un vantaggio competitivo risolvendo, al contempo, le principali sfide della categoria, come la densità nutrizionale, il gusto e la familiarità dei sapori. Oltre ad aver raggiunto con ogni prodotto il punteggio nutrizionale A, il team di ricerca e sviluppo altamente qualificato di Heura – più che raddoppiato nel corso dell’ultimo anno – si impegna costantemente nella creazione di alimenti deliziosi che le persone possano amare, realizzati con più proteine e micronutrienti e con meno grassi e ingredienti.

Grazie a Good Rebel Tech, Heura sta raggiungendo ottimi risultati in termini di gusto e consistenza, come dimostrato dal tasso di riacquisto dei suoi prodotti di oltre il 50% e da una percentuale di consumatori flexitariani pari al 90%. Heura è stata inoltre la prima azienda a creare un ingrediente analogo al grasso dell’olio di oliva in grado di assicurare la stessa succosità della carne tradizionale ma con l’85% in meno di grassi saturi e continuerà a sfruttare la sua tecnologia per creare etichette il più trasparenti possibile. L’azienda, che sta studiando e sviluppando il design degli alimenti per migliorare l’esperienza dei consumatori, depositerà i suoi primi brevetti derivanti da G.R.T. nel primo trimestre di quest’anno. Sfruttando la tecnologia al fine di produrre alimenti di qualità superiore a livello nutrizionale, i brevetti saranno in uscita in tutto il mondo nel terzo trimestre del 2023.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link