Imprese al femminile cercasi, si apre la call di Angels4Women
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Imprese al femminile cercasi, si apre la call di Angels4Women

Aperta la Call per startup guidate da donne che vogliono presentare il proprio progetto (e farsi finanziare) dalle donne business angel del network A4W. Ecco come candidarsi

Con un’intervista a Lorenza Morandini, Managing Director di A4W, abbiamo recentemente raccontato questa nuova iniziativa volta a stimolare e supportare in Italia la presenza femminile nell’imprenditoria innovativa e anche nel settore dell’angel investing, un network di ‘donne che investono in donne’, ci aveva detto appunto la Morandini.

Iniziativa unica nel suo genere in Italia, che si ispira ad altre iniziative di questo genere nate in US e in altri Paesi europei e nello Stivale ha trovato il sostegno di Impact Hub Milano e Axa. 

L’obiettivo più generale dell’operazione è quello di contribuire a colmare il gender gap attraverso l’empowerment femminile. “Per AXA l’empowerment femminile passa da azioni concrete. Per questo abbiamo lanciato Angels4Women con Impact HUB Milano, una rete di business angels a supporto delle donne imprenditrici. – ha dichiarato Patrick Cohen, CEO del Gruppo assicurativo AXA Italia, in occasione del recente premio per la migliore startup al femminile assegnato a EcoSteer, guidata da Elena Pasquali, nel quadro del Premio Gaetano Marzotto. Il premio speciale AXA/Angels4Women assegnato dal Gruppo assicurativo AXA Italia darà la possibilità a questa startup di essere accompagnata in un percorso di incubazione di eccellenza del valore di 50.000 euro presso Impact Hub Milano.Premiando EcoSteer diamo un segnale forte del cambio culturale di cui siamo promotori, con l’auspicio che sempre più imprenditrici trovino supporto anche nell’innovazione tecnologica, dove le start up femminili sono ferme al 13,5% del totale”.

EcoSteer ha realizzato una Data Ownership Platform, basata su Smart Contracts nella blockchain, che monetizza i flussi di dati provenienti da oggetti connessi e ne regola l’accesso da parte di applicazioni e stakeholder, implementando a livello tecnologico il consenso al trattamento dei dati e la sua revoca, in conformità con la normativa attualmente vigente in ambito privacy.

“Contribuire all’assegnazione di questo premio rappresenta uno dei momenti chiave nello sviluppo di Angels4Women e del rinnovato impegno al sostegno dell’empowerment delle donne, che portiamo avanti assieme al Gruppo AXA Italia–ha sottolineato Lorenza Morandini, Managing Director Angels4Women. – Premiare EcoSteer è un ulteriore passo avanti verso il nostro obiettivo di ridurre il gender gap nel mondo dell’innovazione e dell’imprenditoria. In tal senso ricordiamola riapertura della Call per startup guidate da donne che vogliono presentare il proprio progetto e finanziamento alle riunioni 2020 di Angels for Women”

Open Call for Startup 2020

La ricerca di startup ‘al femminile’ per Angels4Women è quindi appena partita. Come ha ricordato la Morandini con l’Open Call for Startup 2020 si sono riaperte le candidature per le startup che vogliono presentare il proprio progetto e la loro richiesta di finanziamento alle riunioni per la selezione dei progetti che si terranno nel corso del 2020 da parte dell’associazione. La call, dedicata a startup con una governance femminile o un business rivolto all’empowerment femminile, ha come prima scadenza il 7 gennaio 2020 ed offre un investimento da 100.000€ a 500.000€e supporto professionale, in base alle specifiche esigenze della startup.

Per maggiori informazioni sulle candidature, questo è il link.

“Contiamo di fare 3/4 incontri plenari all’anno (le date si pubblicano nel sito) e viene fissata una deadline per le candidature 30 giorni prima di tale incontro. Nel mese precedente l’incontro vengono infatti individuate prima 6/7 startup che affronteranno il processo di screening, durante il quale verranno magari contattate, sarà richiesto altro materiale, ecc; solo 3 di queste saranno chiamate per il pitch all’incontro stesso. Chi non dovesse essere selezionato non demorda, può sempre riprovarci. – ci aveva detto la Morandini.

Ricordiamo anche due preziosi consigli che ci aveva dato Lorenza Morandini:

1) non applicare vicino alla scadenza: i progetti vengono visionati (e assegnati per lo screening alle socie più competenti per il settore)  man mano che arrivano, quindi prima arrivano meglio per la startup, gli si può dedicare più tempo, più attenzione, hanno più visibilità tra le associate; 

2) applicare sempre e in ogni caso, anche se si nutre qualche dubbio perché A4W da’ sempre dei feedback nel merito del progetto che possono essere molto importanti per migliorare il progetto stesso e magari ripresentarlo in futuro, le porte sono sempre aperte.

 

 

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

25 novembre 2019

Scritto da:

Donatella Cambosu

Categorie:

Growth, Must Read


Articoli correlati
Video Consigliati
reply