europa

In calo gli investimenti in startup in Europa nel 2022

Il report State of European Tech di Atomico mette in luce un rallentamento negli investimenti, da 104 miliardi di dollari del 2021 a 85, ma il settore resta forte

Pubblicato il 07 Dic 2022

Atomico ha presentato l’edizione 2022 del rapporto State of European Tech realizzato insieme a Orrick, Lazard, Silicon Valley Bank e Slush. Qui di seguito una sintesi di quanto il rapporto ha messo in luce rilevando un rallentamento generale degli investimenti in startup, un raffreddamento dell’interesse da parte degli investitori statunitensi, una contrazione nel numero di nuovi unicorni rispetto al 2021, ma sottolinea come i valori del 2022 sono comunque superiori a quelli degli anni precedenti allo scorso ponendo enfasi come l’anno sia stato un anno di consolidamento considerando anche il difficile scenario che attualmente caratterizza l’economia europea. Resta quindi molto forte la fiducia per il futuro e l’importanza del settore tecnologico europeo sia in relazione al suo peso sull’economia in generale sia in relazione al suo ruolo rispetto all’ecosistema globale. Il rapporto completo è disponibile a questo link.

L’industria tecnologica europea ha vissuto un anno diverso da tutti gli altri: una crescita da record si è incontrata con venti contrari di natura macroeconomica e geopolitica, dando vita a un anno che si può definire controverso. A giugno 2022, i livelli di investimento nella tecnologia europea erano superiori del 4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia, un calo degli investimenti nella seconda metà dell’anno indica che gli investimenti totali non raggiungeranno il livello record dell’anno scorso (oltre 100 miliardi di dollari), attestandosi intorno agli 85 miliardi di dollari. Nonostante la lotta con il contesto macroeconomico più difficile dai tempi della crisi finanziaria globale, gli investimenti di quest’anno saranno comunque più del doppio di quelli del 2020 (38,8 miliardi di dollari).

Secondo i dati quantitativi raccolti da Atomico in 41 Paesi europei e un sondaggio sugli atteggiamenti e le esperienze di migliaia di fondatori, operatori e investitori europei, le sfide in corso includono: una compressione dei mercati pubblici e privati; le aziende tecnologiche europee, sia nel mercato pubblico sia in quello privato, hanno visto cancellare circa 400 miliardi di dollari di valore dall’inizio del 2022. Il valore totale dell’ecosistema è ora sceso a 2,7 trilioni di dollari dal picco di 3 trilioni di dollari raggiunto alla fine del 2021, ma è ancora 5 volte superiore al valore del 2015. Decine di unicorni, ma un rallentamento rispetto al 2021: nel 2022 sono emersi “solo” 31 nuovi unicorni, rispetto al record di 105 del 2021.

Questo riporta il tasso di creazione di nuovi unicorni ai livelli tipici degli ultimi anni con 25 nuovi unicorni nel 2020 e 35 nel 2019. Gli investitori statunitensi appaiono in ritirata e il deal making è in calo: nella prima metà del 2022 ci sono stati in totale 133 round da 100 milioni di dollari o più, superando il totale degli anni 2019 e 2020. Tuttavia, con solo 37 operazioni di questa portata nella seconda metà dell’anno, le operazioni di grandi dimensioni sono in sono complessivamente in calo. Si registra anche un notevole calo (-22%) del numero di investitori statunitensi attivi in questi round dal 2021.

L’82% dei fondatori che hanno risposto al sondaggio ritiene che ora sia più difficile raccogliere capitale di rischio rispetto a 12 mesi fa.
I licenziamenti sono stati inevitabili: A oggi, sono stati licenziati oltre 14.000 dipendenti di aziende con sede in Europa, pari al 7% del totale delle imprese, pari al 7% del totale dei licenziamenti di dipendenti a livello globale.

Dati in contrazione ma resta la fiducia

Sarah Guemouri, principal di Atomico e coautrice del rapporto spiega in una nota: “Quest’anno ha sfidato le aspettative, ma deve essere visto con una lente più ampia che comprende un arco di 24 mesi. I numero del fundraising che ci siamo abituati a vedere l’anno scorso erano astronomicamente alti, quindi possiamo essere ottimisti sul fatto che ciò che stiamo vedendo nel 2022 è ancora significativamente superiore a ciò che eravamo due anni fa. Con la maturazione dell’ecosistema europeo, assisteremo naturalmente a flussi e riflussi, ma non dobbiamo sottovalutare i nostri progressi complessivi sulla base delle condizioni macroeconomiche che stanno influenzando tutti i settori a livello mondiale”.

WHITEPAPER
Decisioni più rapide con l’intelligenza artificiale

Nonostante i dati principali, l’innovazione prosegue a ritmo sostenuto e il 77% degli intervistati rimane fiducioso sul futuro della tecnologia europea.

Tom Wehmeier, partner, head of insights di Atomico e co-autore del rapporto aggiunge: “L’ecosistema tecnologico come lo conosciamo ha appena vent’anni e in questo lasso di tempo è maturato a un ritmo incredibile. Il vero successo del settore si basa sul talento, l’innovazione e la creazione di aziende a lungo termine. I pezzi cruciali di questo puzzle sono ancora al loro posto, con 44 miliardi di dollari di fondi europei di venture capital europei pronti per essere investiti nelle giuste opportunità. In termini di forza complessiva il nostro ecosistema è cambiato molto meno di quanto pensiamo”.

Sono diverse le tendenze che indicano opportunità per il prossimo anno in tutta l’Europa tecnologica: l’ecosistema sta maturando rapidamente, nonostante il ritiro di alcuni investitori, l’ecosistema tecnologico europeo beneficia ancora di un insieme diversificato di investitori esperti, orientati al lungo termine e attivi.

Alla fine del 2021, l’ultimo periodo per il quale sono disponibili dati completi e affidabili, gli investitori europei in capitale di rischio e di crescita avevano a disposizione un totale di 84 miliardi di dollari, con un aumento di quasi tre volte in cinque anni. Possiamo prevedere che la corsa all’impiego del capitale il più rapidamente possibile rallenterà nel 2023, ma questi dati rassicurano il mercato sul fatto che ci sarà liquidità di capitali anche se le condizioni continueranno a rimanere non semplici nel 2023.

L’impegno verso il pianeta e gli obiettivi legati all’ambiente son in cima all’agenda e i livelli di investimento europei in aziende che operano in tale ambito sembrano destinati a superare il record del 2021 anche se solo in minima parte. Su base globale, l’Europa rappresenta oggi la quota maggiore (51%) di tutti gli investimenti in aziende tecnologiche early-stage, in base alla quota di capitale investito nei round fino a 20 milioni di dollari. Quest’anno, le aziende planet positive hanno guadagnato un’ulteriore quota del più ampio mercato tecnologico, conquistando il 15% del totale dei finanziamenti europei, rispetto al 12% dello scorso anno. A oggi, questo rappresenta 10,3 miliardi di dollari investiti in aziende tecnologiche con tematiche planet positive. Al contrario, gli investimenti in Nord America e in Asia in aziende orientate al pianeta sono diminuiti del 50% e del 65% circa rispettivamente nel 2022 rispetto all’anno precedente.

Focus sull’Ucraina

Il settore tecnologico ucraino è stato fondamentale per l’economia del Paese. L’industria tecnologica ucraina ha rispecchiato la capacità di ripresa dell’Europa in generale, nonostante la guerra. Nei primi otto mesi del 2022, l’ICT in Ucraina è cresciuto del 16% su base annua. È al momento l’unico settore di esportazione che genera stabilmente entrate in valuta estera per l’Ucraina.

La maggior parte delle aziende ucraine del settore ICT (85%) ha ripristinato gli indicatori prebellici e il 77% delle aziende ICT del Paese ha attirato nuovi clienti dall’inizio della guerra.vAnche quest’anno, nel bel mezzo della guerra, un’azienda ucraina si è qualificata per diventare un unicorno: Unstoppable Domains costruisce siti web non censurabili attraverso domini protetti da blockchain. Questa crescita riflette la più ampia forza dell’ecosistema ucraino delle startup, che ha attirato 241 milioni di dollari fino alla fine di ottobre.  Nel più ampio scenario dell’Europa Centrale e Orientale, l’Ucraina si colloca al sesto posto per investimenti in startup.

Chris Grew, partner, technology companies group, Orrick dice: “Siamo in un periodo di incertezza del mercato e i dati suggeriscono chiaramente che i fondatori faranno bene a concentrarsi sull’efficienza, sostenibilità e redditività piuttosto che sulla crescita sfrenata. Detto questo, il bacino di investitori è più profondo che mai e il ruolo della tecnologia nell’economia europea è molto diverso rispetto all’ultima crisi, anzi, è fondamentale per risolvere la crisi climatica e le altre sfide che la società deve affrontare”.

Simon Bumfrey, responsabile relationship banking europe, Silicon Valley Bank UK aggiunge: “Non c’è dubbio che quest’anno l’economia abbia dovuto affrontare forti venti contrari, il che ha portato all’incertezza in ogni fase della vita e in ogni settore dell’ecosistema tecnologico e dell’innovazione. Il rallentamento dell’attività di attività di investimento non è una sorpresa, ma nel complesso è stato incoraggiante vedere come le imprese si sono adattate rapidamente alle sfide con tanta tenacia e agilità.”

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3