Internazionalizzazione, Buzzoole si affaccia in India
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Internazionalizzazione, Buzzoole si affaccia in India

Buzzoole, la piattaforma di influencer marketing end-to-end in grado di connettere i brand ai giusti influencer della rete grazie all’utilizzo dei big-data, mette un piede in India, il secondo Paese più popolato al mondo con oltre 1,3 miliardi di persone, ma soprattutto il secondo più vasto mercato online dopo la Cina, con oltre 460 milioni di internet users con una grande passione per i social network (fonte Statista). La scaleup italiana è infatti l’unica non indiana invitata a partecipare all’HUL Content Day di Mumbai, organizzato da Hindustan Unilever Limited con l’obiettivo di riunire i migliori progetti e le migliori menti dell’industria dei “contenuti” in grado di promuovere i brand attraverso idee originali e innovative.

“ L’espansione sui mercati internazionali è iniziata con l’apertura della sede nel Regno Unito e la successiva convertible note firmata con il fondo russo Impulse. – ha commentato Fabrizio Perrone, founder e CEO di Buzzoole – L’India è sicuramente un altro dei mercati in cui abbiamo previsto di aprire nel prossimo futuro per sostenere l’attuale crescita a tre cifre e il Content Day di HUL sarà un ottimo primo test per comprendere meglio il mercato locale e tutti gli attori in gioco”.

Buzzoole presenterà la propria piattaforma, costituita da una rete neurale e da un “cervello” (GAIIA-Growing AI for Influencer Affinity) che utilizza algoritmi di machine learning in grado di indicare quali influencer possano essere un “perfect match” per una specifica azienda.

La scaleup italiana, che è stata selezionata anche per la scorsa edizione di ScaleIT,  nasce a Napoli nell’ottobre 2013 per volontà dei 4 co-founder Fabrizio Perrone (CEO), Gennaro Varriale (CTO), Luca Pignataro (Art Director) e Luca Camillo
(System Engineer). Già nel 2013 viene nominata come “la startup più innovativa nell’ambito dei big data, real time e predictive analysis” da SAP e l’anno successivo si qualifica tra le prime 8 startup su oltre 24.000 selezionate da tutto il mondo all’Intel Business Challenge Europe. Nel 2015 viene selezionata per l’Unilever Foundry Startup Street e per il Global Entrepreneur Programme di UK Trade&Investment. Nel febbraio 2017 è stata l’unica azienda italiana selezionata per pitchare all’Accenture ConsumerTech Award di New York, classificandosi tra le prime tre.
Nel 2015 chiude 2 round per 1.2 milioni di euro con Digital Magics, R301, altri VC e altri noti Angel Investor. Nel 2016 apre una sede a Londra. A gennaio 2017 chiude una convertible note da $830.000. Il round è guidato dal Venture Fund
internazionale Impulse VC con il co-investimento della venture firm tecnologica svizzera R301 Capital. L’intero investimento potrebbe raddoppiare (fino a $1,6M) entro 18 mesi e includere ulteriori investitori.
Oggi vanta un team di oltre 70 persone distribuite tra le sedi di Londra, Milano, Roma e Napoli e si appresta ad aprire nuove sedi all’estero.
La sua piattaforma può contare su una base di oltre 250.000 utenti da tutto il mondo, di cui circa il 40% in Italia. Ha all’attivo collaborazioni con oltre 750 top brand nazionali e internazionali – da Mastercard a Unilever, da Ceres a Toyota fino a Tim, Vodafone, MSC Crociere, Dietorelle, RedBull, Wind e Ford, solo per citarne alcuni – con previsione chiusura 2017 con raddoppio delle collaborazioni con PMI (dal 10% al 20%) e  €5M di fatturato.
Ha preso parte ai principali eventi di settore in Italia e all’estero, da Berlino a Vienna fino a Dublino, Berkley, Vilnius, Berkeley, S.Francisco.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

09 ottobre 2017

Categorie:

Growth, Scaleup


Articoli correlati
reply