investimenti

Investimenti startup secondo trimestre 2023: 273 milioni di euro

L’ammontare dei capitali investiti in startup e aziende innovative nel secondo trimestre registra una crescita rispetto ai primi tre mesi dell’anno

Pubblicato il 11 Lug 2023

Gli investimenti in startup in Italia nel secondo trimestre del 2023 registrano un ammontare complessivo pari a 273 milioni di euro suddivisi in 70 round d’investimento, di cui 13 round Serie A e 2 Serie B. Si registra una crescita delle exit, che arrivano a quota 19. Lifestyle è il settore che ha registrato più round e life sciences quello che ha raccolto più fondi, mentre la startup biotech AAvantgarde Bio ha chiuso il round con l’ammontare più alto del trimestre (€61M). L’assenza di mega round risulta la ragione principale di una raccolta limitata per il terzo trimestre consecutivo.

investimenti startup italia q2 2023

I dati sono quelli dell’Osservatorio trimestrale sul venture capital in Italia, realizzato da Growth Capital in collaborazione con Italian Tech Alliance. L’Osservatorio analizza trimestralmente l’andamento degli investimenti e i trend nell’ecosistema del venture capital in Italia, confrontando i dati anche con quanto accade in Europa.

L’Osservatorio è stato presentato da Lorenzo Triboli e Giacomo Bider, rispettivamente vice presidente e senior analyst di Growth Capital; Francesco Cerruti, direttore generale di Italian Tech Alliance; Lucia Faccio partner di Sofinnova Partners; Riccardo Allegra, head of seed investment & portfolio di LVenture Group; Francesco De Stefano, fondatore e CEO di Caracol e Fabrizio D’Eredità, co-head EMEA digital segment di Egon Zehnder.

Durante l’evento, è stata presentata anche la prima edizione del VC Index, realizzato da Growth Capital in collaborazione con Italian Tech Alliance. Si tratta di un indicatore su scala da 1 a 10 calcolato a cadenza semestrale e che fornisce un’indicazione sullo stadio di sviluppo dell’ecosistema VC in Italia e sul sentiment dei suoi attori. L’index è costruito considerando input quantitativi, da analisi dei dati di mercato, e qualitativi, forniti da operatori del VC (startup e investitori) sulla base del sentiment della situazione attuale e prospettica.

vc index italia

“Nel primo semestre 2023, come avevamo previsto, l’Italia ha subìto l’impatto del generale contesto di incertezza macroeconomica in modo meno significativo rispetto all’Europa. I risultati complessivi di quest’anno dipenderanno dalla presenza di mega round e dalla volontà degli investitori di impiegare l’elevato livello di dry powder attualmente a disposizione. Prosegue inoltre la tendenza di consolidamento nel venture capital in Italia, dove ci aspettiamo per il 2023 il record storico nelle operazioni di M&A”, commenta in una nota Fabio Mondini de Focatiis, founding partner di Growth Capital.

“Seppur in crescita rispetto al trimestre precedente, i dati che emergono dal report continuano ad evidenziare come il nostro Paese guardi ancora da lontano i principali bacini per quanto riguarda gli investimenti in innovazione in Europa – spiega Francesco Cerruti, direttore generale di Italian Tech Alliance –. Per provare a diminuire il gap esistente sarebbe importante un maggiore attivismo di soggetti che all’estero sono molto più presenti in questo ambito, fra cui grandi corporate e investitori istituzionali come casse di previdenza, fondi pensione, fondazioni bancarie e assicurazioni. Inoltre, è sempre più necessario per sostenere l’ecosistema dell’innovazione sbloccare lo stallo creatosi nel rinnovo delle nomine dei vertici di CDP Venture Capital, che auspichiamo venga risolto a breve insistendo sulla continuità e sulla competenza dimostrata nei primi anni di attività. L’attuale impasse decisionale rischia fortemente di pregiudicare lo sforzo di rinnovamento normativo che regola il settore che le istituzioni stanno portando avanti, a partire del lavoro relativo alla modernizzazione dello Startup Act”.

Meno round, più capitali

Pur a fronte di una lieve diminuzione del numero di round (70 contro gli 89 del Q1-23), nel Q2-23 in Italia la raccolta ha toccato quota 273 milioni di euro, in crescita del 34% rispetto ai 204 del Q1-23. Considerando l’intero primo semestre 2023, i round registrati sono stati 159, per una raccolta complessiva di 477 milioni, dati in linea con la media degli ultimi 5 anni.

WHITEPAPER
Preparati al cambiamento: Scopri i 26 settori che verranno rivoluzionati dal 5G nel 2024!
Protocolli IoT
Network Security

Come nel Q1-23, non sono stati registrati mega round, che erano stati determinanti nei trimestri con maggiore raccolta negli ultimi 5 anni (Q2-22 e Q3-22), incidendo per circa il 40-50%.

Nel Q2-23 i round pre-seed e seed si sono confermati la tipologia più frequente (55 round, pari a più del 78% del totale). I round Serie A risultano invece la tipologia più rilevante per ammontare (59%), benché più di un terzo del totale investito sia riconducibile al solo round di AAvantgarde Bio. Rispetto al Q1-23, si segnala l’aumento della raccolta a livello Pre-seed (+56%), Serie A (+93%) e soprattutto Serie B (+131%), ma una riduzione a livello Seed (-45%).

vc in italia

Guardando ai singoli settori, nel secondo trimestre lifestyle risulta quello con il maggior numero di deal annunciati (12), seguito da smart city (10). Con 71 milioni life sciences è il settore con la raccolta più alta (26% del totale), seguito da fintech (61 milioni) e smart city (50 milioni).

L’analisi dei top 5 deal del trimestre evidenzia la maggiore cautela degli operatori del venture capital, testimoniata dall’assenza di mega round (come riscontrato anche nei due trimestri passati). In prima posizione troviamo AAvantgarde Bio (Serie A, 61 milioni), seguita da Energy Dome (Serie B, 40 milioni), One Trading (Serie A, 30 milioni), Banca Aidexa (Serie A, 20 milioni) e, al quinto posto, un round Serie B da 15 milioni non ancora ufficialmente annunciato. Contrariamente al Q1-23, torna la presenza di investitori internazionali.

Il Q2-23 ha registrato infine 19 exit, in crescita rispetto alle 11 del primo trimestre. Tutti gli eventi di liquidità si sono concretizzati attraverso operazioni di M&A.

Il report integrale e la metodologia di ricerca sono disponibili a questo link.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2