Key Capital, la boutique firm per investimenti nel digitale e nel mobile - Startupbusiness
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Key Capital, la boutique firm per investimenti nel digitale e nel mobile

‘Obiettivo di Key Capital venture incubator è quello di realizzare quattro investimenti in ambito digital e mobile, la società è inoltre interessata a soggetti la cui attività è fortemente intrecciata con le aziende, con orientamento prevalentemente B2B.’ Con questa affermazione si presenta il nuovo soggetto nel panorama del venture capital italiano che, nato ufficialmente nel 2012 è ora pienamente operativo come spiega a Startupbusiness il suo Ceo e fondatore Giorgio Di Stefano in una battuta: “Essere piccoli per noi non rappresenta un limite, ma una formidabile opportunità: con la nostra flessibilità e la vicinanza ai team possiamo esprimere la creatività che ci contraddistingue come italiani in una logica di concretezza e coinvolgimento”.

Key Capital si definisce come “boutique firm”, ovvero una realtà flessibile e di piccole dimensioni, con un capitale proveniente dal proprio network, e per dimensioni adatto a investimenti di tipo seed e un’attitudine all’affiancamento nello sviluppo del business.

Operativamente Key Capital si prefigura come una società a responsabilità limitata il cui presidente del consiglio di amministrazione è Massimo Mazza, già presidente di Federfarma e si avvale di cinque advisor le cui professionalità attingono dal mondo del marketing, della consulenza strategica e della finanza aziendale. Fra loro Davide Maggi, partner di Digital Magics fino al 2008 e fondatore di Nimai, digital company a Bologna. Il ruolo degli advisor è strategico per il modello di business di Key Capital che offre un consistente apporto di tipo manageriale alle imprese partecipate.

Key Capital ha in programma a breve di annunciare i primi investimenti che sono in fase di chiusura e tra i progetti in via di definizione vi sono la piattaforma di crowdfunding e l’apertura verso i micro-investimenti. E’ inoltre previsto un potenziamento dell’aspetto consulenziale grazie alla recente partnership instaurata con Italia Startup, di cui Key Capital è socio da aprile 2013.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

02 luglio 2013

Categorie:

Must Read, Notizie


Articoli correlati
Video Consigliati
reply