Open Seed, quando la società di partecipazioni sfrutta il crowdfunding

26 Mar 2021

Open Seed è società di partecipazione nata a Firenze nel 2016, per investire nell’avvio di startup in pre-seed e affiancarle nel loro sviluppo. Oggi la conta oltre 30 soci, 15 partecipazioni in startup ed è affiliata alle principali associazioni di investitori e innovatori a livello nazionale come IBAN – Italian Business Angels Network, VC Hub Italia e InnovUP.

Open Seed ha fino a oggi investito in startup come CleanBnB, SeedMoney, FrescoFrigo, Birrificio 620 Passi e Treedom, registra performance di rendimento medio degli investimenti pari a oltre 3x in tre anni – secondo quanto affermato da una nota diffusa dalla stessa società – e ha deciso si avviare una campagna di equity crowdfunding con l’obiettivo di accelerare il proprio percorso di crescita e ampliare il portafoglio di startup e investimenti, La campagna si basa sulla piattaforma CrowdFundMe e a poche ore dal lancio ha già superato i 100mila euro di raccolta.

Ma perché una società di partecipazioni ricorre al crowdfunding per finanziarsi? Startupbusiness lo ha chiesto a Lorenzo Ferrara, presidente e co-fondatore di Open Seed.

“Il nostro punto di forza sta nell’essere open, per questo puntiamo ad attrarre nuovi soci e nuove professionalità per far crescere il nostro progetto condiviso. Con una campagna di equity crowdfunding raccogliamo capitali di soggetti che entrano a far parte della nostra compagine sociale e condivideranno con noi il rischio di investimento. Tramite il crowdfunding abbiamo aperto il capitale a tutti i contributori ma sono presenti due tipi di quote. Chi verserà un chip minimo di 500 euro avrà quote di tipo B con solo diritto patrimoniali. Chi verserà un chip minimo di 5 mila euro diventerà invece socio di tipo A con diritto patrimoniale e di voto in assemblea. Prima della campagna eravamo in 30 soci ma al termine contiamo di essere oltre i 100 dei quali almeno un terzo in quota A” – dice Ferrara che aggiunge – : Open Seed aveva molti investitori interessati a entrare in società, anche con piccole quote, quindi abbiamo deciso di realizzare la campagna su CrowdFundMe. La raccolta in equity crowdfunding è inoltre una modalità di raccolta usata anche da altri veicoli di investimento della nostra dimensione. Il nostro è un progetto collettivo nato da una realtà territoriale e una campagna di crowdfunding è un mezzo per attrarre nuovi soci e capitali dal panorama nazionale”.

Articolo 1 di 4