investimenti

Starting Finance, 1,5 milioni di euro da Vertis

La startup specializzata nell’educazione economico-finanziaria finalizza l’operazione da complessivi 2,5 milioni di euro

Pubblicato il 04 Lug 2024

Starting Finance startup che si propone di rivoluzionare l’educazione economico-finanziaria per coloro che hanno meno di 35 anni fa sapere di avere finalizzato un’operazione da 2,5 milioni di euro. L’assemblea dei Soci della società ha deliberato l’aumento di capitale di 1,5 milioni di euro sottoscritto dal fondo Vertis Venture 5 Scaleup gestito da Vertis.

L’aumento di capitale completa l’operazione da 2,5 milioni di euro avviata nel 2023 con la sottoscrizione di 1 milione di euro in strumenti finanziari partecipativi da parte del Fondo Rilancio Startup gestito da CDP Venture Capital.

In questo modo Starting Finance, che ha una community con più di 1,3 milioni di utenti e 36 Starting Finance Club nelle principali Università italiane, può accelerare il processo di educazione economica e finanziaria di cui il nostro Paese ha urgente bisogno. Una priorità per l’Italia rilanciata dalle novità legislative in materia di promozione dell’inclusione finanziaria, introdotte a marzo di quest’anno con l’approvazione della Legge n. 21/2024, nota come DDL Capitali.

La centralità dell’educazione finanziaria è stata riconosciuta dal citato provvedimento, che ha modificato la legge sull’insegnamento scolastico dell’educazione civica nelle nostre scuole, già a partire dall’anno scolastico 2024/2025, specificando che questo insegnamento dovrà promuovere anche lo sviluppo del «diritto alla salute, al benessere della persona, al risparmio e all’investimento, all’educazione finanziaria e assicurativa e alla pianificazione previdenziale, anche con riferimento all’utilizzo delle nuove tecnologie digitali di gestione del denaro, alle nuove forme di economia e finanza sostenibile e alla cultura d’impresa».

Starting Finance lavora ogni giorno per avvicinare i giovani al mondo dell’economia e della finanza, affinché siano in grado di compiere, in autonomia e senza condizionamenti, scelte più consapevoli e informate, in termini di risparmio, investimenti e lavoro, per migliorare il benessere finanziario personale, della propria famiglia e della società.

Esaminando più approfonditamente i dettagli dell’operazione, si evidenzia che l’aumento di capitale sarà destinato all’implementazione di tre obiettivi strategici, mirati alla crescita e allo sviluppo di Starting Finance.

Il finanziamento faciliterà il piano di assunzioni aziendali mediante l’inserimento di giovani under 30.  In tal modo l’azienda può ampliare il team composto dalle divisioni Media, Academy, Marketing, B2B, Eventi e Club rafforzando così la propria capacità di promuovere l’alfabetizzazione economico-finanziaria tra i giovani.

Con l’aumento di capitale Starting Finance continuerà il piano di acquisizione delle principali realtà media che operano nel settore economico-finanziario, dando continuità a quanto già fatto negli ultimi mesi con l’integrazione di Nabila Finanza. Nabila Finanza è un progetto media che si occupa di educazione finanziaria avanzata con un focus sui mercati e sugli investimenti.

Il terzo obiettivo dell’operazione è il posizionamento del settore education di Starting Finance. Tale intervento è mirato a risolvere il problema dell’educazione finanziaria nel contesto scolastico italiano e quindi a colmare il divario tra il mondo accademico e quello lavorativo.

Starting Finance vuole supportare scuole e università italiane, in collaborazione con le istituzioni pubbliche, per fornire ai giovani l’orientamento alla persona necessario per capire quale carriera intraprendere e l’orientamento professionale che serve agli studenti per prepararsi a entrare nel mondo del lavoro.

Marco Scioli, co-fondatore e presidente di Starting Finance, insieme a Edoardo Di Lella, co-fondatore e CEO, dichiarano in una nota: “L’educazione economico-finanziaria è un pilastro fondamentale per il futuro dei giovani italiani e del nostro Paese. Con queste nuove risorse Starting Finance vuole contribuire a colmare questo divario, ma non possiamo farlo da soli. Facciamo appello sia al settore pubblico che a quello privato affinché uniscano le forze per dare priorità a questa problematica. Molte realtà ci hanno già dato fiducia e siamo costantemente alla ricerca di nuovi partner con cui sviluppare il nostro progetto.”

Amedeo Giurazza, amministratore delegato di Vertis, aggiunge: “Abbiamo trovato in Starting Finance una grande voglia di innovare il settore coinvolgendo i giovani under 35 e accompagnare le nuove generazioni verso una maggiore consapevolezza ed attenzione ai temi economico-finanziari. La principale mission della società, infatti, è quella di incrementare il grado di alfabetizzazione finanziaria, attestatasi nel 2023 in Italia su livelli ancora insufficienti. La numerosità e il forte coinvolgimento della community nell’attività di Starting Finance ci fa ben sperare per le sfide che ci attendono. A queste caratteristiche si aggiunge un team di founder giovane e affiatato con grandi motivazioni e con una capacità di execution provata dagli ottimi risultati realizzati a oggi.” (nella foto Marco Scioli, co-fondatore e presidente di Starting Finance, insieme a Edoardo Di Lella, co-fondatore e CEO)

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link