Startup contro la violenza sulle donne - Startupbusiness
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Startup contro la violenza sulle donne

Secondo Amnesty International, solo la violenza sulle donne tra i i 15 e i 44 anni uccide nel mondo tante donne quanto il cancro.

E' un male ancestrale che non accenna a scomparire nonostante i progressi sociali, culturali e economici che quasi in tutto il mondo rappresentano l'idea di progresso. E' un male che si esprime nelle forme più barbare e estreme come le mutilazioni genitali, la deturpazione con l'acido, le lapidazioni, le botte in famiglia, gli stupri, fino agli omicidi ; ma anche in modi meno feroci, ma molto sottili come la violenza psicologica, lo stalking, l'emarginazione, la solitudine e l'indifferenza che spesso costituiscono il corollario e l'aggravante di situazioni drammatiche.

Varie istituzioni internazionali e nazionali e tantissime associazioni, no profit, religiose, laiche,  ovunque nel mondo si occupano di offrire sostegno, aiuto, conforto e soluzioni alle donne che subiscono violenza. Molte donne, grazie a queste associazioni, riescono prima a sopravvivere e a volte anche a VIVERE una seconda vita.

 

 

Con l'iniziativa 2.0 promossa da AIED (Associazione Italiana per l'educazione demografica, no profit e laica) in collaborazione con Cocoon Projects (open enterprise che si occupa di innovazione, comunicazione e impresa) la lotta alla violenza sulle donne chiede aiuto al mondo dei giovani e delle startup. 

L’obiettivo è unire intorno all’argomento giovani tra i 18 e i 29 anni, leader di opinione, esperti di vari settori e istituzioni.

Il progetto avrà la durata di 4 mesi durante i quali i giovani saranno chiamati e presentare idee che inizino ad incidere concretamente sul problema.

Due le fasi principali, la prima principalmente via web caratterizzata dalla presentazione delle proposte e votazione delle migliori cinque (il brainstorming su twitter è già cominciato su #noviolenza);  la seconda fase nel mese di maggio 2013 si realizzerà con evento-conferenza dal vivo che includerà un pitch contest dei cinque progetti selezionati per l’elezione del vincitore.

Il primo premio avrà un valore complessivo di circa 10.000€.

 

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

07 gennaio 2013

Categorie:

Must Read, Notizie


Articoli correlati
reply