Twago chiude in bellezza l’anno con un finanziamento a sei cifre - Startupbusiness
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Twago chiude in bellezza l’anno con un finanziamento a sei cifre

twago, società berlinese nata come piattaforma online per l’incontro tra aziende e freelance per progetti in outsourcing, ha ottenuto un investimento a 6 cifre da parte di un gruppo di finanziatori provenienti dal settore bancario privato di Francoforte. In un solo anno il valore della società è salito a diversi milioni di euro, grazie a fatturati che hanno registrato tassi di crescita mensile di oltre il 40%.

Idea di business, validità del team, strategia internazionale, ottime performance in un brevissimo periodo, sono i fattori che hanno convinto la cordata di investitori.“twago è la tipologia di business che stavamo proprio aspettando in Germania. In particolare l’orientamento internazionale ci permetterà in futuro alti fatturati. A parte il concetto stesso, sono stati il team dei fondatori e la strategia aziendale presentata i fattori che ci hanno spinto ad investire” spiega l’investitore da Francoforte che preferisce rimanere anonimo”.

C’è da dire che il settore dell’outsourcing online e offshoring rappresentano ormai il futuro. McKinsey prevede, fino al 2020, tassi di crescita che vanno al di là del 500 per cento. Un anno fa, la startup online twago si è lanciata proprio in questo mercato.

Gunnar Berning, Thomas Jajeh, e Maria Lindinger sono il trio dei fondatori. Prima di fondare twago, hanno tutti e tre lavorato per aziende internazionali. “Siamo entusiasti che la nostra idea sia stata ricevuta così bene”, dice Gunnar Berning. Thomas Jajeh sottolinea invece: “l’esperienza dell’investitore nel settore bancario è di particolare importanza strategica per twago”. “Ci siamo trovati nella fortunata situazione di poter scegliere il nostro investitore tra diverse parti interessate” aggiunge Maria Lindinger.

twago sta attualmente lavorando sull’ingresso in altri Paesi europei tra cui proprio l’Italia, dove le a società ha siglato sin dallo scorso agosto un accordo di partnership con Startupbusiness, in base al quale i membri della piattaforma di networking Startupbusiness possono registrasri a twago a condizioni particolari. “Stiamo ricevendo un notevole interesse da parte del mercato italiano, ogni mese sia le registrazioni che i progetti sono in crescita”, dice Silvia Foglia, Country Manager per l’Italia. Il primo round d’investimenti è destinato ad aumentare ulteriormente il tasso di crescita. La piattaforma è in continua espansione e miglioramento, nuove notizie saranno divulgate nelle prossime settimane”.

In attesa delle prossime notizie, complimenti a twago, il 2011 sarà un anno fortissimo per loro! nell’immagine i tre fondatori

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

24 novembre 2010

Categorie:

Notizie


Articoli correlati
Video Consigliati
reply