Uber, ecco come vuole abbattere traffico e inquinamento con il carpooling
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Uber, ecco come vuole abbattere traffico e inquinamento con il carpooling

Travis Kalanick, fondatore di Uber, ha recentemente tenuto un Ted Talk in cui ha raccontato come e perchè Uber può rappresentare la soluzione ai problemi di traffico e di smog.

Uber – racconta Kalanick – non ha cominciato le proprie attività con la missione ecologista. Ma, col tempo ha cominciato a chiedersi  se ci fosse un modo per fare in modo che le persone che utilizzano Uber lungo le stesse rotte potessero condividere la corsa, riducendo i costi e le emissioni di anidride carbonica. Così è nato uberPOOL, il servizio di carpooling della società, che nei suoi primi otto mesi ha risparmiato alla città di Los Angeles, dove è stato lanciato,  1.400 tonnellate di diossido di carbonio. Ora, il servizio di carpooling potrebbe funzionare per i pendolari in periferia. “Con la tecnologia che è già nelle nostre tasche,  i nostri smartphone, e un po ‘di regolamentazione intelligente,” dice, “siamo in grado di trasformare ogni auto in una macchina condivisa, e siamo in grado di recuperare le nostre città a partire da oggi.”

L’intervento di Kalanick al TedTalk 2016 di Vancouver (lo scorso febbraio) si allinea con altre recenti operazioni della società, per la quale è arrivato il momento di spingere su questo servizio nato nel 2014.

Vedi in proposito The Verge, ChicagoInno, Miami’s Community Newspaper.

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

17 marzo 2016


Articoli correlati
Video Consigliati
reply