Web3

Web3 e le strategie delle aziende

Il web3 è ancora qualcosa in fase iniziale ma sono già diverse le aziende che stanno sperimentando strategie per sfruttarne le potenzialità

21 Nov 2022

Il termine Web3 può sembrare un po’ futuristico e tecnico, ma in realtà si riferisce a qualcosa di molto interessante: una nuova iterazione del world wide web che ospita applicazioni decentralizzate che funzionano con la tecnologia blockchain.

Web3 è un’ideologia incentrata sulla libertà e sulla democrazia, oltre che sulla proprietà. Permette alle persone di costruire e possedere beni digitali, piuttosto che essere prodotti o beneficiari di modelli commerciali alimentati dalla tecnologia.

L’emergere del Web3

Il Web 3.0, o Web3 in breve, può essere considerato un re-branding di successo della tecnologia blockchain. È stato coniato per la prima volta nel 2014 dal cofondatore di Ethereum Gavin Wood in un articolo sul suo blog, “Insights into a Modern World”.

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale

Il concetto di Web3 ha affascinato gli investitori e gli addetti ai lavori del settore tecnologico per più di un anno, con investimenti in startup Web3 che hanno raggiunto 23,7 miliardi di dollari nel 2021, secondo la società di ricerca Pitchbook. Nello stesso anno, la società di analisi blockchain Chainalysis Inc. ha stimato  che le vendite totali di NFT hanno raggiunto quasi 41 miliardi di dollari.

Web3 è ancora in fase di sviluppo iniziale. L’industria e la comunità sono ansiose di integrare Web3 nel mainstream, ma potrebbero passare anni prima di vedere un’adozione diffusa dello standard.

Punti di forza e di debolezza di Web3

Web3 ha stimolato la creazione di nuove opportunità per artisti, giocatori e grandi marchi attraverso l’uso di criptovalute, token non fungibili (NFT), realtà virtuale (VR), realtà aumentata (AR) e altre forme di interattività virtuale.

Secondo un sondaggio Gemini , la metà dei possessori di criptovalute negli Stati Uniti, in America Latina, in Asia Pacifica, in Brasile, a Hong Kong e in India ha acquistato per la prima volta beni digitali nel 2021. Inoltre, il 41% degli intervistati che non possiedono criptovalute ha dichiarato di essere interessato a saperne di più o ad acquistarle nel 2022.

Crypto.com riporta  che 295 milioni di persone in tutto il mondo utilizzavano le criptovalute alla fine del 2021. Se l’attuale tasso di crescita rimane costante, questo numero potrebbe raggiungere 1 miliardo entro la fine del 2022.

Con la crescita dell’interesse per i cripto-asset, le autorità di regolamentazione hanno intensificato il controllo del settore (si dice) per proteggere i consumatori. A maggio, il Gruppo dei Sette (G7)  ha chiesto una regolamentazione rapida, coerente e completa degli emittenti di cripto-asset e dei fornitori di servizi (cosa che anche alla luce dello scandalo FTX assume importanza ancora più rilevante, ndr).

Mentre i governi entrano nello spazio delle criptovalute e iniziano a redigere regolamenti, le tecnologie decentralizzate devono rimanere in primo piano nel settore se vogliono rimanere fedeli ai precetti fondamentali che hanno portato alla loro creazione.

Nel dicembre 2021, il cofondatore di Twitter Jack Dorsey ha pubblicato un tweetstorm che criticava Web3.
Poiché i token di governance possono essere acquistati e venduti, è possibile che un’entità acquisisca il controllo di una piattaforma. Questo potrebbe creare un sistema iniquo che avvantaggia gli individui ricchi.

Gli 800 miliardi di dollari di Bitcoin sono di proprietà del 2% degli account, mentre l’80% del valore di mercato di NFT appartiene al 9% degli indirizzi di Web3.

Un altro problema di Web3 è che il codice sorgente di DAO è disponibile al pubblico, il che lo rende vulnerabile agli attacchi informatici se gli hacker riescono a sfruttare le debolezze del codice. Per esempio, nel 2016, un fondo di venture decentralizzato chiamato TheDAO è stato violato .

Il Web 3 è entusiasmante, ma sta anche mettendo a nudo punti deboli come i furti informatici, il plagio e i falsi, l’esclusività e l’elitarismo. Il futuro di questo capitolo di internet è attualmente in competizione con chi è alla ricerca di denaro e prestigio.

I costruttori di Web3 stanno implementando misure di sicurezza che mirano a frodi e hacking. Sebbene la criminalità legata alle criptovalute sia ai massimi storici, la crescita è molto più lenta rispetto all’adattamento complessivo delle criptovalute, che nel 2021 era di 15,8 trilioni di dollari.

La strada verso la disruption è lastricata di clamore e fallimenti. Si pensi alla bolla delle dot-com che ha preceduto successi mainstream come Amazon, eBay e Craigslist.

Adozione e strategia Web3 delle aziende e i loro marchi

I brand si stanno impegnando nel Web3 proprio come hanno fatto con la costruzione di siti web, lo sviluppo di una strategia mobile e la partecipazione ai social media.

Mentre Twitter e Reddit permettono agli utenti di mostrare i loro NFT preferiti come immagini del profilo, le Smart TV permettono di scoprirli, acquistarli, venderli e scambiarli. Accenture ha progettato un metaverso per i dipendenti; Lacoste ha attivato un sistema di votazione simile a DAO per la sua comunità di collezionisti di NFT; Coca-Cola, Gucci, Louis Vuitton e molte altre aziende hanno abbracciato gli NFT da collezione.

Ecco una panoramica di alcuni dei modi in cui i marchi stanno adottando il Web3

La strategia Web3 di Starbucks – Odyssey

Starbucks ha annunciato il lancio di Starbucks Odyssey, una nuova esperienza basata sul Web3 che offrirà ai membri di Starbucks Rewards e ai partner di Starbucks (dipendenti) negli Stati Uniti l’opportunità di guadagnare e acquistare beni digitali da collezione che sbloccano l’accesso a nuovi vantaggi e a esperienze di caffè coinvolgenti.

La strategia Web3 di Unilever

Unilever, azienda di beni di consumo che possiede marchi come Magnum, Vaseline, Dove e Ben & Jerry’s, sta abbracciando il metaverso creando un collettivo Web3 interfunzionale.

Influencer virtuali di Marks & Spencer

Marks & Spencer utilizza l’influencer virtuale Mira per promuovere abbigliamento e accessori su Instagram. Mira è l’acronimo di “Marks & Spencer, influencer, realtà aumentata” e il personaggio digitale è stato sviluppato utilizzando una combinazione di fotografia, CGI all’avanguardia e computer vision.

La strategia Web3 di Tiffany – NFT

Tiffany & Co., da oltre un secolo attiva nel settore dei beni di lusso, ha fatto il botto esaurendo tutti i 250 NFT chiamati “NFTiffs” all’inizio di agosto. Questi NFT sono pass digitali esclusivi per i titolari di NFT CryptoPunk e danno accesso a ciondoli personalizzati contenenti pietre preziose e diamanti.

Strategia Web3 del Coachella – NFT

Coachella ha venduto tre collezioni di NFT: Sights and Sounds, Desert Reflections e Coachella Keys, in occasione del ritorno del festival in persona lo scorso aprile. Un set di 10 NFT ha conferito pass a vita per l’evento annuale; un secondo set di 1.000 NFT è stato venduto a 180 dollari ciascuno. Gli acquirenti hanno ricevuto un libro fotografico non disponibile per gli altri. Tutti i possessori di biglietti hanno potuto richiedere un NFT gratuito che poteva essere utilizzato per ottenere extra come l’ingresso accelerato. Più di 63.000 possessori di biglietti hanno richiesto i loro NFT gratuiti, e più di 13.000 vantaggi ed esperienze sono stati riscattati oltre all’ingresso più veloce.

La strategia Web3 del Time – TIMEPieces

L’editore Time, che ha 99 anni, sta guidando i media tradizionali verso il futuro degli NFT con la sua iniziativa TIMEPieces. L’iniziativa comprende quattro collezioni: Genesis, Inspiration, Long Neckie Women of the Year, Slices of TIME e Beatclub Collection.

I brand non sono gli unici ad adottare il Web3, anche le agenzie governative stanno entrando in azione. Per esempio, ad aprile il Regno Unito ha fatto notizia annunciando un progetto di tesoreria di token non fungibili. In Giappone, la Digital Agency ha dichiarato di voler creare una propria organizzazione decentralizzata autonoma (DAO) per capire meglio come funziona prima di concederle uno status legale.

Costruire un team di strategia Web3

I responsabili della strategia Web3 stanno diventando sempre più comuni nelle aziende, insieme all’assunzione di chief metaverse officer. L’esigenza di una persona che guidi le attività Web3 sta crescendo nelle aziende. Molte aziende hanno già assunto questo tipo di persone, tra cui Procter & Gamble, la società di telecomunicazioni spagnola Telefonica e il produttore di beni di lusso LVMH.

Dodici anni fa, le aziende non pensavano di aver bisogno di un team per i social media e pensavano di poter fare tutto da sole. Ma oggi, con così tante persone che utilizzano Facebook, Twitter e altri social network? Hanno capito che avere un direttore dei social media dedicato e un intero team di social media è essenziale per le loro aziende. Lo stesso vale per le aziende che operano nel Web3.

Quando iniziate a pensare a come il vostro marchio apparirà nel Web3, è importante considerare come la blockchain possa aiutare a risolvere problemi. Finché non definirete sia un punto dolente sia una soluzione, è improbabile che possiate convincere le persone a venire alla vostra porta. Allineare la propria strategia all’etica del Web3 può contribuire a garantirne il successo.

Al momento, il Web3 è ancora agli albori. Non è ancora entrato nell’uso comune, ma questo non deve scoraggiare le persone dall’usarlo e dall’esplorarlo. Dopo tutto, dimentichiamo che internet stesso ha impiegato un po’ di tempo per essere abbracciato dal mainstream.

Se volete partecipare al Web3, non aspettate a iniziare. È importante disporre di una strategia prima di tuffarsi a capofitto nel nuovo paradigma. (Photo by julien Tromeur on Unsplash )

L’articlo originale è apparso sul blog Vattan PS che collabora anche con Startupbusiness

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3