intelligenza artificiale

AD cube, riconoscimento europeo e finanziamento da 60mila euro

La startup nata in seno al Politecnico di Milano innova nel settore dell’advertising online ed è riconosciuta tra le 16 migliori nell’IA da parte di ELISE

Pubblicato il 19 Dic 2023

AD cube, startup italiana che sviluppa soluzioni di intelligenza artificiale per l’advertising e il digital marketing, è stata selezionata tra le 16 migliori startup europee nel campo dell’IA da ELISE (EU-funded European Network of AI Excellence Centres). Grazie a questo riconoscimento, AD cube avrà accesso a un finanziamento di 60mila euro, che servirà per alzare ulteriormente il livello della piattaforma.

AD cube è emersa da un pool di oltre 400 candidature pervenute da tutta Europa al network ELISE nell’ambito della sua ultima open call, pensata per supportare progetti volti a sviluppare nuovi servizi e applicazioni di IA per le sfide sociali ed economiche del futuro. In questo senso, il riconoscimento di ELISE, una rete di hub di ricerca dove i migliori ricercatori europei in machine learning e IA lavorano insieme per attrarre talenti, posiziona AD cube in evidenza nel panorama europeo dell’IA, in particolare per quella applicata all’advertising.

Nata nel Politecnico di Milano

Sviluppata da ML cube, spin-off di ricerca del Politecnico di Milano, AD cube nasce con l’obiettivo di rivoluzionare il mercato advertising italiano e internazionale. Le sue radici partono da una serie di studi svolti da un team di ingegneri, professori, ricercatori ed esperti di intelligenza artificiale applicata all’advertising del Politecnico di Milano. La vasta expertise scientifica, come testimonia anche il riconoscimento di ELISE, rappresenta uno dei punti di forza principali della startup, che vanta al suo interno un comitato scientifico di alto livello, con nomi di spicco nel campo della ricerca su adaptive AI e reinforcement learning, tra cui Nicola Gatti, Francesco Trovò e Marcello Restelli, professori all’interno del dipartimento di Elettronica, informazione e bioingegneria presso il Politecnico di Milano.

WHITEPAPER
AI Generativa: strategie per non perdere il treno dell’automazione intelligente
Machine Learning
Chatbot

La piattaforma della startup, guidata dal CEO Alessandro Nuara, integra l’intelligenza artificiale per la gestione ottimizzata e autonoma delle campagne pubblicitarie su vari canali. È uno strumento basato su algoritmi di IA proprietari, interamente sviluppati da AD cube, che permettono di implementare strategie basate sui dati, eliminando del tutto i bias umani. La piattaforma aiuta gli advertiser soprattutto nella fase di strategia e continua ottimizzazione delle campagne multicanale rispondendo alle principali domande che gli advertiser si pongono. I risultati sono evidenti: l’uso di AD cube per i clienti nazionali ed internazionali già attivi ha portato ad un incremento del 30% sul ROI e un risparmio del 40% sul tempo di gestione.

“Essere inseriti tra le 16 startup migliori in Europa nel settore dell’intelligenza artificiale, uno dei comparti più in crescita nell’ultimo anno, è motivo di grande orgoglio per tutto il team. A maggior ragione se questo riconoscimento arriva da un network prestigioso a livello internazionale come ELISE, i cui fondi ci aiuteranno a continuare a sviluppare in nostro lavoro – commenta in una nota Nuara – . La nostra missione è quella di portare l’eccellenza dell’IA e del machine learning per l’advertising e il marketing all’interno delle aziende, con l’obiettivo di aiutarle a dedicarsi più al pensiero strategico che a quello operativo. Capita spesso, nel campo dell’advertising, ma non solo, che le decisioni umane vengono prese sulla base di preconcetti. Con AD cube, il dato diventa sovrano: il fattore umano non viene sostituito, anzi viene elevato. La nostra piattaforma è come un co-pilota, può indicarti la rotta e supportarti durante il viaggio, ma la destinazione la sceglie sempre l’uomo. L’IA può trasformare radicalmente l’advertising, e noi di AD cube vogliamo essere protagonisti di questo cambiamento epocale e portare in alto il nome del made in Italy in ambito tecnologico.” (Foto di Kate Trysh su Unsplash )

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2