medio oriente

Anghami si fonde con OSN+

Nasce il colosso dell’intrattenimento per i mercati del Medio Oriente grazie all’unione tra la scaleup libanese con sede a Dubai e il gruppo kuwaitiano che opera anch’esso dall’Emirato

Pubblicato il 30 Nov 2023

Elie Habib, co-fondatore di Anghami e Joe Kawkabani, CEO di OSN

OSN+ e Anghami. la scaleup che per prima tra quelle nate nel mondo arabo si è quotata al Nasdaq, con sede a Dubai hanno annunciato la fusione con l’obiettivo di creare uno dei maggiori servizi di streaming di intrattenimento del Medio Oriente, cercando di respingere la concorrenza di rivali come Spotify e Netflix.

Nell’ambito dell’accordo, la società madre di OSN+, OSN Group, conferirà 50 milioni di dollari ad Anghami e diventerà azionista di maggioranza della società. La nuova entità avrà oltre 120 milioni di utenti registrati, 2,5 milioni di abbonati paganti e 100 milioni di dollari di fatturato, hanno dichiarato le società in una nota.

“Siamo due marchi locali nati in casa e questo è molto importante perché stiamo creando qualcosa che non è ancora stato tentato nella regione”, dice Elie Habib, uno dei due co-fondatori di Anghami, che assumerà il ruolo di CEO della nuova società.

Grazie all’aumento del reddito disponibile e a una popolazione sempre più numerosa e giovane, esperta di digitale, il Medio Oriente è un mercato interessante per le aziende di intrattenimento e tecnologia. Aziende regionali come OSN e Starzplay, con sede ad Abu Dhabi, si contendono il pubblico locale, insieme a grandi rivali internazionali come Disney+ e Netflix.

“Siamo sicuramente entrati a far parte di una ristretta cerchia di operatori di questa portata e questo è stato un motivo importante per concludere l’accordo”, afferma Joe Kawkabani, amministratore delegato di OSN.

L’operazione dovrebbe concludersi all’inizio del prossimo anno, previa approvazione delle autorità di regolamentazione e dell’antitrust. OSN Group, che è in maggioranza di proprietà di un conglomerato kuwaitiano, continuerà a gestire le sue attività di pay TV separatamente.

Musica e contenuti multimediali

Anghami fondata in Libano nel 2011 da Eddy Maroun ed Elie Habib è emersa rapidamente come il principale rivale locale di Spotify e Deezer. Ora ha sede ad Abu Dhabi e all’inizio di quest’anno ha ottenuto un finanziamento di 5 milioni di dollari da una società di media saudita.

WHITEPAPER
Crowdfunding: cos'è, come funziona e le migliori piattaforme

Anghami ha un catalogo di oltre 100 milioni di canzoni e podcast, mentre OSN+ ha oltre 18mila ore di contenuti e accordi di partnership esclusiva con HBO, NBC Universal, Paramount e i principali studios arabi e turchi. La società risultante dalla fusione consentirà ai clienti di ascoltare musica e guardare un film tramite la stessa applicazione.

“La potenza dei contenuti si combina con la potenza della tecnologia e con la scala che le due aziende creano insieme – aggiunge Kawkabani -. Abbiamo una proposta piuttosto unica e credo che abbiamo tutti gli ingredienti per avere successo e lottare molto bene”.

Anghami, che si è quotata in borsa 18 mesi fa con una fusione in bianco a un valore aziendale di 220 milioni di dollari, continuerà a essere quotata al Nasdaq. Il prezzo delle sue azioni è sceso a 1,58 dollari, per un valore di mercato di circa 41 milioni di dollari. L’iniezione di liquidità di OSN eviterà che il titolo venga delistato, ha dichiarato Elie.

OSN Group sta investendo in Anghami con una valutazione di 3,65 dollari per azione, pari a 3,9 volte il prezzo medio del titolo nell’ultimo mese.

Anghami è nata e cresciuta con il sostegno di venture capital e azionisti strategici, come Middle East Venture Partners (MEVP), MBC Group, sostenuta dall’Arabia Saudita, Saudi Telecom Mobily e UAE Telecom Du, nonché SHUAA Capital, Samena Capital (Emirati Arabi Uniti), Megladon (Arabia Saudita), Endeavor (USA) e Sal&Co (USA). (foto: Anghami Talks)

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3