Arriva ScuolaPay, il fintech per la scuola
Arriva ScuolaPay, il fintech per la scuola

La startup fintech Growish lancia il progetto ScuolaPay, una soluzione fintech per la scuola, un mercato che in Italia vale 2,8 miliardi di euro

Growish è una startup italiana fintech che è nata nel 2014 con una piattaforma per le collette online: l’azienda è una PMI innovativa guidata dai due founder Claudio Cubito (CEO) e Domingo Sarmiento Lupo (CTO).

Con la sua crescita la società si è specializzata in diverse forme di pagamento online e creato altre due società collegate: ListaNozzeOnline e GrowishPay.

La società ha anche un nuovo progetto in cantiere, molto specifico e per il quale sta cercando finanziatori tramite crowdfunding su 200Crowd: il progetto si chiama ScuolaPay e promette di essere ‘la soluzione unica in Italia per 6,2M di genitori che pagano €2,8 miliardi ogni anno per le attività scolastiche!’

ScuolaPay punta a un obiettivo di raccolta di 600mila euro e nei primi giorni ha già raggiunto 250 sottoscrizioni.

WHITEPAPER
Come cambia il Retail tra ecommerce, piccoli rivenditori e la spinta al cashless
Acquisti/Procurement
Fashion

Il mercato dei pagamenti per la scuola (per ragazzi fino ai 14) vale circa 2,8 miliardi dice la società ed è attualmente molto frammentato, poco digitale.

‘In 18 mesi di ricerca di mercato e di interviste con studenti, genitori, rappresentanti e dirigenti scolastici, aziende del settore e grazie ad un MVP su www.scuolapay.it abbiamo evidenziato numerosi problemi :

  • Il 79% dei genitori ammette che spesso di dimentica di dare in tempo i soldi al figlio per il rappresentante di classe.
  • Il 63% si lamenta della perdita di tempo nel pagare le varie incombenze scolastiche.
  • Il 79% sogna di poter pagare tramite pagamenti elettronici via APP o nei registri scolastici.
  • Il 56% dei rappresentanti scolastici dichiara che almeno una volta nel suo mandato ha perso i conti di quali genitori non avevano pagato.
  • 2 fornitori di servizi didattici (tablet, software, attività, teatro, ecc.) su 3 vorrebbero ricevere pagamenti dai genitori per le piccole transazioni senza dover far intervenire la scuola ed il 96% dei Dirigenti Amministrativi sarebbe d’accordo.

Con ScuolaPay, che si ispira alla soluzione UK ParentPay, ogni genitore avrà un wallet/APP con cui potrà pagare iniziative scolastiche, gite ed attività, servizi, rette e contributi volontari (anche attraverso pagoPA), casse comuni, regali agli insegnanti e fra alunni o partecipare a progetti della scuola per l’acquisto di attrezzature o progetti.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

12 febbraio 2019

Categorie:

Italian Startups, Video


Video Consigliati
reply