ecosistema

AWS lancia Startup Loft Accelerator per le startup europee

L’iniziativa di Amazon Web Services mira a dare supporto alle startup dell’Unione europea, del Regno Unito e di Israele, offrendo supporto, mentoring, tecnologie e non chiede equity

06 Nov 2021

Amazon Web Services ha lanciato Startup Loft Accelerator, un programma di accelerazione virtuale di 10 settimane, privo di equity, per le startup in fase iniziale con sede nell’area Emea. 

Secondo quando previsto dal programma a cui è possibile fare application seguendo questo link i partecipanti riceveranno una formazione personale su misura con accesso a consulenti esperti, investitori e alcuni degli imprenditori di maggior successo al mondo, che hanno costruito le loro imprese basandosi sulle tecnologie e infrastrutture di AWS, avranno inoltre diritto ad aderire al programma AWS Activate, che include fino a 25 mila dollari in crediti Activate da spendere in servizi AWS, un abbonamento gratuito di un anno all’AWS Business Support fino a 5mila dollari, l’accesso ai modelli di infrastrutture pre-costruite e offerte esclusive per i membri.

Le candidature aprono a novembre 2021 per le startup con sede nell’Unione Europea, nel Regno Unito e in Israele, che desiderano sviluppare e scalare il loro prodotto su AWS. La prima coorte di 25 startup inizierà all’inizio del 2022, con il programma che si espanderà ad altri paesi dell’area Emea nei prossimi mesi.

Gli esperti commerciali e tecnici di AWS lavoreranno a stretto contatto con le startup, si tratta di esperi di soluzioni AWS che aiuteranno le startup ad accelerare la progettazione e lo sviluppo di un MVP. Gli investitori tra cui Entrée Capital e i fondatori, Bernadette Nixon, CEO di Algolia, Cristina Fonseca, co-fondatrice dell’unicorno portoghese Talkdesk e della startup AI Cleverly, e il Shay David, co-fondatore e CEO della startup britannica Retrain.ai e co-fondatore di Kaltura, lavoreranno con le startup. Questi esperti aiuteranno a perfezionare i business plan e forniranno indicazioni su argomenti come la finanza, il marketing e le risorse umane. I partner dell’acceleratore AWS forniranno anche contenuti dedicati come parte dell’acceleratore AWS Startup Loft.

“Ci concentriamo sull’investimento in grandi team che stanno costruendo imprese in mercati interessanti. Siamo lieti di sostenere questo nuovo acceleratore AWS per dare agli imprenditori affamati, ambiziosi e di talento l’opportunità di cui hanno bisogno”, dice Eran Bielski, general partner di Entrée Capital.

L’AWS Startup Loft Accelerator non prende nessuna quota nelle startup partecipanti, richiede un impegno settimanale flessibile, supporta le startup sia da una prospettiva tecnica sia di business, e poiché il programma è virtuale i fondatori non devono preoccuparsi dei costi di trasferimento.

AWS ha permesso ad alcune delle startup più ammirate al mondo, dall’azienda britannica di consegne di cibo JustEat, che è passata da essere una piccola realtà nata in un seminterrato danese alla IPO alla Borsa di Londra con una valutazione di 1,5 miliardi di sterline, alla banca digitale tedesca N26 e alla società spagnola di ride-hailing Cabify.

“Il nostro nuovo AWS Startup Loft Accelerator dà agli imprenditori esattamente ciò che ci hanno detto che conta di più quando si avvia una società: l’accesso agli strumenti, alle competenze e alle risorse di cui hanno bisogno per realizzare le loro idee”, afferma Kellen O’Connor, direttore, Emea Startup di AWS.

Due startup che hanno già beneficiato dell’investimento di AWS in programmi di accelerazione simili includono Justt e PayEm. Entrambe le startup hanno sperimentato una rapida crescita a seguito della partecipazione all’acceleratore AWS Builder Space in Israele.

“L’infrastruttura, il supporto e la formazione che abbiamo avuto da AWS sono stati fondamentali per il successo della nostra startup – spiega Roenen Ben Ami co-fondatore di Justt – . Ci ha fornito la fiducia di cui avevamo bisogno per lanciare rapidamente il nostro business”.

Justt combatte i chargeback illegittimi per conto dei commercianti, e dal lancio della loro startup all’inizio del 2019, sono stati in grado di attrarre una base di clienti internazionali in tutta Europa e negli Stati Uniti.

“Con un mercato delle startup sempre più competitivo, è necessario essere in grado di definire e differenziare rapidamente la propria attività. Oltre alla loro esperienza, AWS ha fornito un livello di supporto che è stato inestimabile. Hanno semplicemente ‘capito’ di cosa avevamo bisogno e quando ne avevamo bisogno”, dice Itamar Jobani, co-fondatore di PayEm.

PayEm è una piattaforma di gestione delle spese costruita su AWS, che si è assicurata 27 milioni di dollari in finanziamenti Seed e Serie A da Glilot Capital Partners.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4