Blockchain e cultura, il progetto di Aerariumchain
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Blockchain per proteggere beni archeologici, il progetto di Aerariumchain

Blockchain e cultura, un binomio che si va sviluppando in diversi modi. Aerariumchain, per esempio,  una delle 5 startup  selezionate da Idee Vincenti,  il contest ideato e promosso da Lottomatica per sostenere l’imprenditoria innovativa nel settore culturale, ha pensato a un’applicazione per proteggere e valorizzare i beni archeologici, trasformandoli in token nella catena dei blocchi.

Giorgio Rea, archeologo e CEO di Aerariumchain, racconta in questo video il progetto, nato dopo otto anni di ricerca, come il team sia arrivato a sviluppare un sistema che unisce la blockchain con tecnologie 3D e intelligenza artificiale per proteggere i beni archeologici (ma può essere esteso in altri ambiti). Grazie all’unione delle tre tecnologie, è possibile creare un’immagine virtuale di un bene artistico e costituire una documentazione integrata nel tempo dei diversi passaggi.

La startup sta seguendo un percorso di accelerazione al Polihub di Milano.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

08 aprile 2019

Categorie:

Italian Startups, Video


Articoli correlati
Video Consigliati
reply