Corporate venture in Italia, si può fare?
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Corporate venture in Italia, si può fare?

In questa intervista di EconomyUp Tv a Francesco Inguscio, fondatore di Nuvolab (venture accelerator) si parla di corporate venture in Italia e di come anche il nostro paese, caratterizzato da una forte predominanza di Pmi, possa trovare una sua forma di corporate venture coinvolgendo proprio le piccole e medie imprese.

“La via italiana al corporate venture nasce dal nostro DNA – dice Francesco Inguscio – il tessuto imprenditoriale italiano è fatto di PMI, per cui il corporate venture puro non è una via percorribile per tutti, perchè richiede una disponibilità di almeno 60 milioni di euro per costituire un fondo come corner investor. Probabilmente ci sarà una forma più diffusa di corporate venture capital. Un corporate venture capital partecipativo,  che deve però passare prima da una forma di educazione-attivazione e poi arrivare all’investimento.”

-leggi anche ‘Francesco Inguscio, il mago della pioggia, nella top ten di Ubi Index’-

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

10 aprile 2016


Articoli correlati
Video Consigliati
reply