Criptovalute per la beneficienza, la missione di Aidcoin (Charitystars)
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Criptovalute per la beneficienza, la missione di Aidcoin (Charitystars)

In questo video Domenico Gravagno, co-fondatore di AidCoin, la prima criptomoneta per il no profit e spinoff di Charitystars, spiega come funziona il sistema che vuole rendere trasparenti le donazioni alle organizzazioni no profit.

La startup ha raccolto 4milioni con una ICO, la nuova forma di finanziamento in criptovalute. “Scommettiamo sulla blockchain, che rappresenta la tecnologia in grado di rivoluzionare diverse industry e che non scoppierà come una bolla finanziaria che molti prospettano”.

La blockchain sta trovando ottima applicazione al settore del non profit e delle iniziative benefiche, un altro esempio in questa direzione è la startup Helperbit.

Charitystars, nata nel 2013 dall’iniziativa di Francesco Nazari Fusetti, Manuela Ravalli Domenico Gravagno, è una piattaforma che mette all’asta oggetti ed esperienze con celebrità e aziende a sostegno del settore non profit. 

In questi 5 anni è cresciuta costantemente, raccolto capitali, vinto riconoscimenti importanti. Attualmente ha uffici a Milano, Londra e Los Angeles.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

26 settembre 2018


Articoli correlati
Video Consigliati
reply