Il digitale nel turismo, così Edgar fa guadagnare hotel & Co.
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Il digitale nel turismo, così Edgar fa guadagnare hotel & Co.

Nata dalla fusione tra data dalla fusione di 2 precedenti esperienze di startup – Guide Me Right e 1000 Italy – che operavano entrambe nel mercato del digital travel, e in certa misura in competizione tra loro, Edgar smart concierge è un’applicazione gestionale rivolta completamente al B2B, un’applicazione che permette ai gestori (Host) di strutture ricettive come gli Hotel, Property Manager, B&B, Campeggio o altro di sfruttare le nuove opportunità del digitale migliorando la propria offerta di servizi e i propri guadagni.

Il mondo delle strutture alberghiere e ricettive, poco digitalizzato, è oggi schiacciato dall’espansione di due fenomeni: l’esplosione del settore extra-alberghiero spinto da Airbnb e l’altissima competitività su prezzi e servizi a valore aggiunto derivante da un mercato intermediato da diversi operatori digitali che erodono la marginalità delle strutture.

In sintesi, la trasformazione digitale ha finora arricchito nel settore turistico i nuovi operatori che sul digitale hanno costruito i propri modelli di business, penalizzando il mondo alberghiero e ricettivo tradizionale che non ha ancora saputo gestire e sfruttare a proprio vantaggio le nuove tecnologie per rispondere anche ai cambiamenti delle abitudini dei clienti digital-savvy.

Edgar è una risposta a questo problema, in quanto colma un ‘gap’ tecnologico nel settore ricettivo.

E’ un’App Concierge personalizzabile da ogni Host che permette di gestire la relazione con i propri clienti (Guest) prima, durante e dopo il soggiorno e di aumentare i guadagni grazie all’upselling di servizi interni ed esterni.

Il team vanta dunque anni di esperienza nel digital travel. Il primo test pilota è stato svolto in Sardegna nell’estate del 2017 e ha permesso di validare l’interesse da parte delle strutture ricettive e, soprattutto, da parte dei loro ospiti. A novembre 2017 ha realizzato un percorso di accelerazione d’impresa a Firenze presso Nana Bianca. Il prodotto è oggi disponibile in tutta Italia, con più di 500 strutture attive.

Tra i suoi primi investitori Fabio Cannavale, ceo e founder di lastminute.com.

A questo link la campagna di equity crowdfunding di Edgar. che nelle prime 24 ore ha superato la prima cifra target.

“Avevamo registrato già diverse adesioni prima del lancio ma non ci aspettavamo un risultato simile dopo solo un giorno di campagna. Questo per noi è motivo di grande orgoglio e soddisfazione: significa che il mercato sta rispondendo con entusiasmo e che vengono riconosciuti l’utilità e il valore del servizio – ha commentato Luca Sini, CEO e co-fondatore di EDGAR.

Cosa fa Edgar

Il servizio di Digital Concierge permette di assistere al meglio gli ospiti (Guest) prima, durante e dopo il soggiorno e aumentare nel contempo i propri ricavi grazie all’upselling di servizi sia interni (come bottiglia in camera, spesa a domicilio, pulizie extra, deposito bagagli, late check-out e così via) che esterni (transfer, partecipazione a eventi, tour, esperienze ed escursioni, degustazioni, noleggio bici, …). I servizi possono essere forniti o dalla struttura stessa o da provider locali con cui i guest possono entrare in contatto diretto, liberando in questo modo l’Host dall’onere dell’intermediazione del servizio pur garantendogli una commissione sulla stessa. L’offerta di esperienze locali e servizi ai Guest è arricchita inoltre dalle piattaforme esterne con cui EDGAR è in grado di integrarsi, prima fra tutte il marketplace proprietario Guide Me Right.

La campagna, attiva fino al 30 agosto, prevede sconti e vantaggi dedicati per chi deciderà di investire e diventare socio di EDGAR, tra cui la detrazione fiscale dell’investimento nella misura del 30%. Obiettivo finale raggiungere il tetto massimo di 400.000 Euro per l’integrazione di nuove funzionalità, il rafforzamento del marketing strategico e del servizio assistenza al cliente e la prima fase di espansione internazionale (apertura in Spagna entro il 2020).

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

14 giugno 2018


Articoli correlati
Video Consigliati
reply