investimenti

DoctorApp riceve un investimento da 400mila euro

Entra nel capitale della startup e-health il Fondo Zungri Capital che aveva già partecipato alla campagna di crowdfunding con cui eran ostati raccolti altri 350mila euro

Pubblicato il 01 Dic 2022

Piattaforma desktop e app dedicate ai professionisti in ambito sanitario, dal medico di famiglia allo specialista passando per il pediatra e l’infermiere e l’applicazione pensata per i pazienti, semplice da usare grazie all’interfaccia intuitiva e all’assistenza dedicata sono gli asset di DoctorApp che annuncia di avere raccolto 400mila euro dal Fondo Zungri Capital, che aveva già contribuito alla campagna di equity crowdfunding dello scorso anno in cui erano stati raccolti 350mila euro

«Siamo molto onorati di questo grande attestato di stima – dichiara in una nota Alessandro GiraudoCEO e fondatore di DoctorApp – . La nostra azienda sta crescendo, ma non solo in termini di fatturato e base utenti. DoctorApp si sta evolvendo. Il nostro obiettivo è quello di riscrivere le logiche del rapporto tra medico e paziente, migliorando la vita di entrambi».

Nell’ultimo periodo il team della startup ha, infatti, lavorato al rilascio della nuova app che spalanca le porte a un nuovo ecosistema digitale puntando a soddisfare le esigenze di tutti i professionisti in ambito medico, non solo i medici di famiglia, per garantire un’esperienza d’uso ancora più orientata sui bisogni degli utenti.

«Seguiamo DoctorApp, da quando è nata e abbiamo apprezzato la grande evoluzione e crescita che il team è stato in grado di realizzare. Per questo abbiamo deciso di investire ancora su questo progetto che reputiamo vincente e in grado di portare una ventata di novità in un settore ancora troppo poco digitalizzato», commenta Salvatore Zungri, presidente di Zungri Capital.

Le nuove funzionalità

Le novità di DoctorApp sono diverse: lato medico c’è l’assistenza clienti dedicata e il sistema di prenotazione Genius Core, adatto a qualunque tipologia di visita e molto flessibile. Poi ci sono l’impostazione dei promemoria e la chat interna, un canale di comunicazione unico dove far convergere i contatti di tutti i pazienti. Questi strumenti in particolare possono abbattere significativamente il fenomeno delle cancellazioni tardive, riducendo il numero pazienti che non si presentano.

partecipa al webinar
Tornano i Digital360 Awards, il contest di innovazione digitale per imprese e PA. Scopri le novità
CIO
Digital Transformation

Per l’utente finale, DoctorApp diventa un alleato per curare la propria salute e quella della famiglia da un unico strumento. A breve sarà possibile non solo prenotare qualunque tipo di prestazione per se stessi o un familiare, ma anche pagare la visita in-app, in pochi clic. Nel tempo, l’app diventerà sempre più ricca e aggiornata, offrendo agli utenti novità interessanti per prendersi cura del proprio benessere a 360 gradi.

Un mercato in forte espansione

Nel 2021, a livello globale, il settore e-health ha raggiunto quota 175,6 miliardi di dollari, e quest’anno dovrebbe superare i 216 miliardi di dollari (+23%), per poi toccare ben 1,5 trilioni di dollari nel 2030 (fonte: Insight report Klecha&Co). In particolare (dati Allied Market Research) il sotto-segmento che dovrebbe registrare una crescita più elevata è proprio quello delle cosiddette medical app di cui DoctorApp fa parte.

«Le app e i sistemi per la gestione degli studi medici e delle prenotazioni esistono già da alcuni anni, ma la pandemia ha reso evidente quanto possono essere preziose, semplificando la vita di medici e pazienti e contribuendo alla loro sicurezza. – sottolinea Giraudo – secondo un recente studio dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano, dopo la pandemia da covid-19, il 70% dei medici specialisti, il 54% dei medici di medicina generale e il 30% dei pazienti utilizzano uno strumento digitale come DoctorApp, contro (rispettivamente) il 12%, il 30% e l’11% del periodo pre-pandemico. Il settore è pronto alla rivoluzione digitale e noi siamo qui per offrire il sistema adatto a vivere la transizione nel modo migliore possibile, sia per i medici sia per i pazienti».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4